Solbiate Olona

NRDC-ITA impegnata nella Sea Eagle Land, esercitazione focalizzata sugli ACOS e i loro staff

NRDC-ITA_LOGO SEA EAGLE LANDIl corpo di reazione rapida della Nato in Italia (NATO Rapid Deployable Corps-Italy, NRDC-ITA) è attualmente impegnato nell’esercitazione Sea Eagle Land 2016, uno dei più importanti eventi addestrativi di quest’anno per il corpo d’armata che ha sede nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona, in provincia di Varese.

L’obiettivo dell’esercitazione, cominciata ufficialmente martedì 12 aprile e in programma fino al prossimo 22 aprile, è trovare eventuali criticità nelle procedure di dispiegamento di ogni divisione.

In altri termini, la Sea Eagle Land 2016 sta scomponendo analiticamente il dispiegamento dell’NRDC-ITA, focalizzando l’attenzione proprio sui capi delle branche funzionali (ACOS) e i loro rispettivi staff.

L’esercitazione si svolge all’interno della caserma Mara in un’area allestita appositamente per ricreare uno scenario d’impiego fittizio e interessa circa un migliaio di militari provenienti dalle 12 nazioni che compongono la realtà multinazionale del Comando NATO di Solbiate Olona.

20160413_NRDC-ITA_Sea Eagle Land (5)Questa esercitazione si inserisce proprio in questo periodo, ovvero a poco più di due mesi dalla fine del periodo di stand-by di NRDC-ITA quale Joint Task Force HQ, al fine di mantenere il livello di prontezza operativa prima di affrontare la fase di approntamento di “eNRF”, ovvero Enhanced NATO Response Force, si apprende dallo stesso comando.

Articoli correlati:

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: NRDC-ITA

20160413_NRDC-ITA_Sea Eagle Land (3)

20160413_NRDC-ITA_Sea Eagle Land (2)

20160413_NRDC-ITA_Sea Eagle Land (1)

20160413_NRDC-ITA_Sea Eagle Land (4)

NRDC-ITA alla 4^ edizione di Truck Emotion 2015 all’autodromo di Monza

20150927_NRDC-ITA_Truck EmotionIl comando NATO Rapid Deployable Corps Italy (NRDC-ITA) di Solbiate Olona, in provincia di Varese, ha partecipato alla 4^ edizione di Truck Emotion, manifestazione dedicata al mondo dei trasporti che si è tenuta all’autodromo di Monza dal 25 al 27 settembre scorsi.

NRDC-ITA, comando saldamente integrato nel tessuto sociale lombardo, ha messo in mostra alcune delle capacità di sostegno logistico in ambito trasporti e delle capacità tecniche sviluppate in ambito delle telecomunicazioni con personale specializzato della sua brigata di Supporto, svolgendo nel contempo una specifica attività informativa e promozionale sulle possibili carriere nell’Esercito Italiano.

Di particolare interesse per il pubblico è risultato il mezzo blindato leggero di nuova generazione VTLM Lince e l’autocarro a pianale scarrabile 8×8 APS 95, entrambi appartenenti alla famiglia dei veicoli tattici a uso logistico e speciale.

Il comando multinazionale NRDC-ITA, composto da personale proveniente da dodici nazioni alleate, ha ottenuto la validazione di Joint Task Force HQ (JTFHQ) della NATO nello scorso mese di aprile in Norvegia, al culmine di un periodo di preparazione costellato da una serie di esercitazioni di complessità e valore crescenti.

Ora NRDC-ITA è un comando operativo joint – JTFHQ, appunto – di pronto impiego. Dal 1° luglio, in particolare, NRDC-ITA è a totale disposizione dell’Alleanza con un tempo di dispiegamento di 48 ore per i primi team sul terreno di intervento.

Articoli correlati:

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

La validazione NATO di NRDC-ITA quale JTFHQ in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: NRDC-ITA

NRDC-ITA: cambio alla brigata di Supporto, il gen Poccia cede il comando al col Ridella

20150911_NRDC-ITA_TOA brigata Supporto_Poccia-RidellaSi è svolta oggi, 11 settembre, nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona, sede del Corpo di reazione rapida della NATO in Italia (NRDC-ITA), la cerimonia di cambio al comando della brigata di Supporto tra il generale Giuseppe Poccia, cedente, e il colonnello Domenico Ridella, subentrante. Lo rende noto oggi un comunicato stampa dello stesso NRDC-ITA.

Alla presenza del comandante di NRDC-ITA, generale Riccardo Marchiò, il generale Poccia ha lasciato il comando della prestigiosa grande unità dopo quasi un anno di intensa attività addestrativa e operativa, svolta sia in patria sia fuori dal territorio nazionale.

La brigata, sotto la sua guida, è stata impegnata nel supporto al Comando della NATO con l’impiego di tutti i propri assetti specialistici pregiati nell’articolata serie di attività addestrative svolte nei mesi passati, culminata con l’impegnativa esercitazione Trident Jaguar 15 svoltasi lo scorso aprile in Norvegia e finalizzata a conferire la qualifica di Comando interforze al Comando NRDC-ITA (link articoli in calce).

Oltre a svolgere i propri compiti istituzionali in ambito NATO, la brigata di Supporto ha fornito concorso alle forze di Polizia sul territorio metropolitano milanese per le esigenze di controllo del territorio, nell’ambito delle operazioni Strade Sicure ed EXPO, partecipando all’impegno congiunto delle Forze Armate, e in particolare dell’Esercito, quale risorsa per il paese.

Il generale Poccia assumerà la carica di vicecomandante dell’Istituto Geografico Militare in Firenze.

Articoli correlati:

La Trident Jaguar 15 in Paola Casoli il Blog

La riorganizzazione di NRDC-ITA in JTFHQ in Paola Casoli il Blog

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: NRDC-ITA

NRDC-ITA: celebrato l’International Day, quest’anno alla sua dodicesima edizione

20150627_NRDC-ITA_International Day 2015 (3)Il NATO Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA) ha celebrato, sabato 27 giugno, la dodicesima edizione dell’International Day, giornata tradizionalmente dedicata alle famiglie e momento di reciproca conoscenza e coesione.

La giornata internazionale, che si svolge nella sede di NRDC-ITA, la caserma Ugo Mara di Solbiate Olona, in provincia di Varese, costituisce tradizionalmente un momento di incontro che rinnova i vincoli di amicizia e stima tra il personale dalle dodici nazioni che compongono il quartier generale NATO. Un’occasione, inoltre, per far conoscere la realtà multinazionale di NRDC-ITA anche al tessuto sociale del territorio, del quale il Comando NATO rappresenta una componente attiva e integrata.

20150627_NRDC-ITA_International Day 2015 (4)Nel discorso di benvenuto il comandante di NRDC-ITA, generale Riccardo Marchiò, ha espresso il proprio cordoglio per le vittime degli attentati terroristici perpetrati nella giornata precedente in Francia, Tunisia e Kuwait. Successivamente ha sottolineato l’impegno del personale di NRDC-ITA nel lungo processo di trasformazione, che ha portato lo scorso aprile alla validazione di NRDC-ITA come comando operativo interforze (Joint Task Force HQ), e ha poi inteso rivolgere un ringraziamento agli enti locali, alle associazioni e alle organizzazioni presenti, per il sostegno e l’amicizia che da anni dimostrano per il comando NATO di Solbiate Olona.

20150627_NRDC-ITA_International Day 2015 (1)La giornata è stata caratterizzata da una serie di esibizioni ed eventi che hanno catturato l’attenzione del pubblico: i lanci dei paracadutisti dell’ANPdI; una salva di un pezzo di artigliera del reggimento Artiglieria a cavallo di Milano; la sfilata delle moto e dei mezzi storici del Club Veicoli Storici Militari di Oltrona San Mamette, in provincia di Como; le esibizioni della banda La Baldoria di Busto Arsizio, della fanfara dei Bersaglieri, degli sbandieratori di Legnano, del gruppo di danze folk ungheresi Bihari Jànos, della scuola di ballo Perfecta Combinacion, del quartetto Quadrophonia Wind Quartet e del gruppo Acustica.

Nel corso della giornata l’associazione delle mogli dei militari, il NATO Italy Women’s International Club (NIWIC), ha organizzato una raccolta fondi il cui ricavato è stato consegnato all’Associazione Bianca Garavaglia, che da anni è impegnata per l’aiuto e il sostegno delle iniziative operanti nel campo dei tumori infantili.

20150627_NRDC-ITA_International Day 2015 (2)Nel consegnare la cifra raccolta, che quest’anno ha raggiunto gli 8.300 euro, il Comandante di NRDC-ITA ha sottolineato l’importanza della beneficienza come “espressione di solidarietà globale”, dal ruolo fondamentale nell’alleviare le crisi umanitarie e la sofferenze umane.

Articoli correlati:

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: NRDC-ITA

NRDC-ITA 4th COS Conference: cooperation, collective security and crisis response the main challenges to face

20150611_NRDC-ITA COS Conference (2)Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA), the NATO HQ based in Ugo Mara Barracks, in Solbiate Olona – Varese (Italy), hosted the 4th Chief of Staff (COS) Conference from 9th to 11th of June.

The conference chaired by Major General Ugur Tarçın, Chief of Staff of the Land Command in Izmir, is organized yearly and is aimed to get together the nine NATO Graduated Readiness Force (Land) Headquarters Chiefs of Staff (COS).

Currently, NATO is experiencing a significant change to force posture – perhaps the most relevant since the end of the Cold War, as many of the analysts are inclined to underline. In consideration of this conceptual framework, the conference timeline has been properly defined in order to enhance the development of a comprehensive approach to the challenge the Alliance will be requested to face.

20150611_NRDC-ITA COS Conference (3)The Conference, indeed, provided a valuable opportunity for Senior Officers to discuss a wide range of common issues related to the implementation of new NATO structures and concepts. The interest showed by all the Senior Officers during the development of this symposium, is the evidence of the cohesiveness existing amongst the different NATO Land Forces community and their will to achieve common goals.

In addition to express the validity of the mutual support concept, the 28 nations of the Alliance are determined to resource the Readiness Action Plan to show the NATO strongest commitment to enforce cooperation, collective security and crisis response.

20150611_NRDC-ITA COS Conference (1)It is important to underline that this declaration of common intents comes right when the Alliance is alarmed by a degree of ambiguity showed by Russia in the international arena and concerned by the some indications of instability in North Africa involving the Mediterranean area even.

In addition to geopolitical issues some other topics discussed by the Senior Officers were about interoperability and connectivity, with a deep dive into contemporary threats such as Cyber threat and Crisis management.

“This conference has been a huge success – said Major General Maurizio Boni, Chief of Staff of NRDC-ITA -Each of the Land Graduated Readiness Forces HQ are in a better position to move ahead with the challenges that they currently face”.

NRDC-ITA has recently turned into the role of a Joint HQ capable to lead a Multinational Task Force at operational level, after the successfully validation achieved at the end of the Trident Jaguar training cycle in April (links below).

Related articles:

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Trident Jaguar in Paola Casoli il Blog

Source: NRDC-ITA

Ph. Credits: NRDC-ITA

NRDC-ITA in piena Trident Jaguar 15: oggi lo startex dell’esercitazione per la validazione Nato al JWC di Stavanger

NRDC-ITA_Trident Jaguar 15Inizia oggi la fase attiva dell’esercitazione Trident Jaguar 15 in svolgimento al NATO Joint Warfare Centre di Stavanger, in Norvegia, che vede coinvolto come principale protagonista il NATO Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA) di Solbiate Olona, comandato dal generale Riccardo Marchiò.

Con l’esecuzione di questo evento addestrativo, NRDC-ITA deve dimostrare di poter operare quale comando di livello operativo in grado di gestire una JTF (Joint Task Force).

Si tratta quindi di dare concretezza al percorso addestrativo iniziato l’anno scorso, che prevede la trasformazione di NRDC-ITA in un Comando Operativo Interforze (Joint Task Force Headquarters, JTF) in grado di gestire operazioni complesse, sincronizzando le attività della componente terrestre, con quelle navale e aerea come richiesto dalle direttive dell’Alleanza Atlantica sulla base dei propri livelli di ambizione.

Il personale coinvolto nell’esercitazione si trova ora a gestire le complessità di uno scenario incredibilmente realistico che comprende il coinvolgimento e l’attiva partecipazione non solo della componente militare, ma anche di tutte le differenti entità civili che concorrono a configurare la riproduzione di un ambiente reale.

Ciò consentirà al comando, che ha una grande capacità di schieramento rapido, di poter anche controllare operazioni più complesse, interagendo appunto con tutte le componenti che sono presenti nelle aree di crisi e che si trovano a operare in linea integrata insieme alla parte militare.

Articoli correlati:

La Trident Jaguar 15 in Paola Casoli il Blog

L’intervista al gen Riccardo Marchiò comandante di NRDC-ITA di Paola Casoli il Blog (30 gennaio 2015)

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Eagle Joker 14 per la validazione nazionale di NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

NATO JWC in Paola Casoli il Blog

Foto: NRDC-ITA PAO

NRDC-ITA: il comandante, gen Marchiò, incontra i media in un importante momento del percorso di trasformazione del comando in JTF

20150130_NRDC-ITA COM gen Riccardo Marchiò_media opportunity (4)Il comandante del NATO Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA), generale Riccardo Marchiò, ha accolto, nella mattinata del 30 gennaio, per la prima volta dopo aver assunto il Comando, i rappresentanti dei media locali nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona, in provincia di Varese, per una prima media opportunity orientata a rinnovare i già ottimi rapporti di collaborazione e sviluppare nuove iniziative di comunicazione per far conoscere la realtà del comando NATO, che da anni ha instaurato un ottimo rapporto con il territorio che lo ospita.

20150130_NRDC-ITA Cmdr Gen Riccardo MarchiòIl generale Marchiò ha inteso incontrare i giornalisti in un momento particolarmente significativo per il Comando, che, dopo la validazione nazionale ottenuta lo scorso ottobre a Lecce con l’esercitazione Eagle Joker 14 (link articolo in calce), si trova ora impegnato in un percorso addestrativo che il prossimo mese di aprile si concluderà con la qualifica di Joint Task Force HQ (JTFHQ).

Dallo scorso 5 gennaio, infatti, il comando NRDC-ITA è impegnato nell’esercitazione Trident Jaguar 2015, momento finale prima della certificazione conclusiva da parte della NATO che validerà il Comando quale Joint Task Force.

Una volta 20150130_NRDC-ITA COM gen Riccardo Marchiò_media opportunity (2)certificato, il Comando entrerà in stand-by period, da luglio 2015 a giugno 2016, seguendo il turno di prontezza cui partecipano i comandi di alta prontezza operativa (High Readiness Forces, HRFs) che avranno acquisito la medesima capacità.

Paola Casoli il Blog ha intervistato il comandante, generale Marchiò:

In seguito alle recenti dichiarazioni del Supreme Allied Commander Europe (SACEUR), gen Philip M. Breedlove, relative a una postura della Nato più proactive proprio a partire dalle esercitazioni militari, come si colloca questa Trident Jaguar 2015 attualmente in corso in questo comando?

20150130_NRDC-ITA COM gen Riccardo Marchiò_media opportunity (3)È un evento esercitativo che è successivo alla decisione dell’Alleanza Atlantica di dotarsi di una capcità di comando e controllo in operazioni definite in gergo joint, cioè interforze, ovvero che abbracciano la partecipazione di più Forze Armate – quindi mi riferisco all’Esercito, alla Marina, all’Aeronautica – in aree di possibile crisi.

Per fare questo ovviamente è necessario migliorare o accrescere le capacità di comando, laddove inizialmente erano state create come capacità più orientate alle forze di terra.

20150130_NRDC-ITA COM gen Riccardo Marchiò_media opportunity (1)Questo è un comando che ha avuto la sua iniziale capacità fino al 2002, ma era essenzialmente un comando terrestre per comandare operazioni di terra.

Questa nuova postura della Nato vuole invece che questi comandi, che hanno una grande capacità di schieramento rapido, appunto, in ossequio al nome che ci siamo dati, possano invece controllare operazioni più complesse.

Ci sono evidenti esperienze già raccolte fino a oggi che hanno visto questa come una grande 20150130_NRDC-ITA_Ugo Mara Barracks_Trident Jaguar 15 (7)necessità. E vorrei aggiungere anche un fatto che secondo me è rilevante: non si tratta soltanto della capacità di controllare operazioni complesse sotto il profilo militare, ma è anche la capacità di interagire con tutte le altre componenti che sono presenti nelle aree di crisi e che si trovano a operare in linea integrata insieme alla parte militare. Che spesso è la più evidente e più ingombrante, ma che non è l’unico interprete nelle aree di crisi.

Ora noi ci troviamo nella fase più acuta di questa preparazione. Questa tenda, in cui abbiamo organizzato questo evento oggi [30 gennaio 2015, ndr] è stata in queste settimane teatro di 20150130_NRDC-ITA_Ugo Mara Barracks_Trident Jaguar 15 (3)uno sforzo di pianificazione che è stato realizzato da ufficiali, sia nazionali che non, delle varie componenti delle Forze Armate al fine di ipotizzare un intervento, ovviamente in una zona fittizia, che serve a noi come palestra per imparare a fare questo mestiere.

Questa attività terminerà con una fase conclusiva che si terrà in aprile. Quindi avremo la patente di comando operativo a tutti gli effetti e per circa un anno saremo in prontezza per eventuali problemi l’Alleanza dovesse trovarsi ad affrontare.

In questo particolare momento del percorso esercitativo, e dopo la visita del gen John W.Nicholson, comandante dell’Allied Land Command (LANDCOM) di Izmir – che avrà visto un comando cambiato, nell’ambito del suo processo di formazione e trasformazione, rispetto alla visita precedente del suo predecessore gen Hodges – che cosa ha trovato di mutato e qual è stato poi il giudizio nell’ambito di questa progressione dei vostri impegni e della vostra formazione?

20150130_NRDC-ITA_Ugo Mara Barracks_Trident Jaguar 15 (1)La visita del gen Nicholson si è conclusa pochissimi giorni fa (link articolo in calce). Il generale Nicholson ha la possibilità di raccogliere le esperienze e i commenti di tutti i comandi che come questo si stanno cimentando in questo processo di trasformazione, ha la capacità di trasferire le notizie e le informazioni che possono essere di nostra utilità.

Ha trovato una situazione non tanto cambiata ma accresciuta, perchè è un processo naturale: più si prosegue su una strada più si acquisiscono competenza ed esperienza.

20150130_NRDC-ITA_Ugo Mara Barracks_Trident Jaguar 15 (4)E, come accennavo prima, c’è anche la componente esterna a questo comando, quella che noi chiamiamo in gergo augmentees, cioè quel personale che non fa stabilmente parte del comando, ma che in queste occasioni affluisce nella nostra base e concorre con noi a questo sforzo di pianificazione. Parlo sia di ufficiali nazionali che internazionali.

E in questo senso il gen Nicholson ovviamente ha trovato una situazione di perfetta armonia con quelle che sono le aspettative dell’Alleanza nel rispetto del conseguimento dei suoi obiettivi.

20150130_NRDC-ITA_Ugo Mara Barracks_Trident Jaguar 15 (9)Articoli correlati:

Eagle Joker 2014: si conclude l’esercitazione NATO che porta NRDC-ITA alla validazione nazionale (20 ottobre 2014)

NRDC-ITA: il comandante del LANDCOM di Izmir, gen Nicholson, in visita al corpo d’armata (29 gennaio 2015)

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Foto: proprie e PAO NRDC-ITA

NRDC-ITA: il comandante del LANDCOM di Izmir, gen Nicholson, in visita al corpo d’armata

20150127_NRDC-ITA_gen Nicholson Com Landcom Izmir_gen marchiò Com NRDC-ITAIl generale John W.Nicholson, comandante dell’Allied Land Command (LANDCOM) di Izmir, in Turchia, ha fatto visita lo scorso 27 gennaio al Corpo d’armata di reazione rapida della Nato (NRDC-ITA) di Solbiate Olona, nella caserma Ugo Mara.

Il gen Nicholson è stato ricevuto dal comandante di NRDC-ITA, generale Riccardo Marchiò, al comando di NRDC-ITA dallo scorso novembre (link articolo in calce), ed è stato aggiornato sulle attività in corso finalizzate al perfezionamento del processo di riorganizzazione di NRDC-ITA in Joint Task Force Headquarters (JTFHQ), che lo renderà ancora più flessibile e versatile, questa volta in senso completamente interforze.

Una riorganizzazione che aveva ricevuto espressioni di soddisfazione già lo scorso maggio dall’allora comandante del LANDCOM di Izmir, il generale statunitense Frederick B.Hodges, che nell’occasione della sua visita aveva apprezzato i progressi nella direzione della trasformazione (link articolo in calce), anche in vista della certificazione NATO prevista per il mese di aprile 2015.

Articoli correlati:

NRDC-ITA, il comandante del LANDCOM turco, gen Hodges, in visita a Solbiate Olona parla di trasformazione della NATO Force Structure e di Collective Defence, con uno sguardo all’Est Europa (5 maggio 2014)

NRDC-ITA: cerimonia di cambio al vertice, il gen Giorgio Battisti cede il comando del corpo d’armata di reazione rapida della Nato al gen Riccardo Marchiò (24 novembre 2014)

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: PAO NRDC-ITA

NRDC-ITA new commander Gen Marchiò meets the press tomorrow at Mara Barracks in Solbiate Olona

NRDC-ITA gen Riccardo MarchiòThe NRDC-ITA (NATO Rapid Deployable Corps-Italy) Commander, Italian Lieutenant General Riccardo Marchiò, will meet the press tomorrow morning at around 11.30am at Ugo Mara Barracks, in Solbiate Olona, where the HQ is based 37 Km north of Milan.

This will be the first media opportunity since his assignment as NRDC-ITA Commander (link to related article here below): Gen Marchiò replaced Gen Giorgio Battisti on 24th November 2014.

NRDC-ITA is currently involved in operational-level exercise Trident Jaguar 2015, a joint military exercise aimed to turn NRDC-ITA into a Joint Task Force HQ (JTFHQ) and to provide an excellent preparation and coordination of effort for the upcoming scheduled final phase in Stavanger, Norway.

The Media Opportunity will take place at 11.30am. Journalists are welcomed at 11.00am. A light refreshment is also scheduled at the end of the activity (around 11.45am).

Related articles:

NRDC-ITA: cerimonia di cambio al vertice, il gen Giorgio Battisti cede il comando del corpo d’armata di reazione rapida della Nato al gen Riccardo Marchiò (24 novembre 2014)

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Photo credits: PAO NRDC-ITA

NRDC-ITA: cerimonia di cambio al vertice, il gen Giorgio Battisti cede il comando del corpo d’armata di reazione rapida della Nato al gen Riccardo Marchiò

Oggi, lunedì 24 novembre, alle 11, nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona, in provincia di Varese, il generale Giorgio Battisti cede il comando del Nato Rapid Deployable Corps-Italy (NRDC-ITA) al collega Riccardo Marchiò alla presenza del Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER), generale Alberto Primicerj.

A cornice della cerimonia sarà schierato il personale delle 15 nazioni alleate contributrici dello staff del Comando NATO di Solbiate Olona, che negli ultimi anni si è distinto per aver creato un forte e positivo impatto socio-economico sul territorio circostante.

La presenza dei gonfaloni della Regione Lombardia, delle Province di Milano e Varese, dei Comuni di Busto Arsizio e Solbiate Olona e dei labari delle Associazioni combattentistiche e d’arma darà la giusta solennità all’evento.

Il Generale Battisti, ufficiale degli alpini, ha comandato NRDC-ITA per oltre tre anni, a partire dal 30 giugno 2011 (link articolo in calce), occupandosi di numerose attività operative e addestrative e ha ricoperto il prestigioso incarico di capo di stato maggiore della International Security Assistance Force (ISAF) in Afghanistan nel 2013.

Andrà ora a ricoprire l’incarico di Ispettore delle Infrastrutture dell’Esercito a Roma.

Articoli correlati:

NRDC-ITA: il generale Giorgio Battisti assume il comando dal collega Gian Marco Chiarini (30 giugno 2011)

Il generale Giorgio Battisti in Paola Casoli il Blog

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: NRDC-ITA PAO