strategic dialogue

UNIFIL, i ministri Difesa di Estonia e Finlandia in visita: “Situazione calma ma tensioni tra Hezbollah e Israele”, spiega il gen Portolano

20160114_UNIFIL_da sin il Ministro della Difesa Finlandese, il Generale Portolano e il Ministro della Difesa EstoneIeri mattina, 14 gennaio, nel quartier generale della missione UNIFIL, ha avuto luogo la visita congiunta del ministro della Difesa finlandese, Jussi Niinistö, e del ministro della Difesa estone, Hannes Hanso, fa sapere la stessa UNIFIL.

I due ministri, accompagnati dalle rispettive delegazioni, sono stati ricevuti dal generale Luciano Portolano, capo missione e comandante delle forze ONU nel Libano meridionale.

Gli sviluppi della situazione politica e di sicurezza interna, l’instabilità del quadro regionale e il ruolo della missione, quale elemento stabilizzatore dell’area, sono stati i temi affrontati dal Capo missione nel corso dell’incontro.

“Nell’area di operazione di UNIFIL – ha detto il generale Portolano – continuano a prevalere la calma e la stabilità, sebbene le tensioni tra Hizbullah e Israele, unitamente al deterioramento degli equilibri regionali, rendano la situazione volatile”.

“Uno degli sforzi principali della missione – ha spiegato il Comandante – resta quello di incoraggiare entrambe le parti a moderare il confronto, specie attraverso lo strumento del tavolo tripartito che, ad oggi, rappresenta l’unico forum di discussione tra due Paesi tecnicamente ancora in stato di guerra”.

Il generale ha poi rivolto ai ministri Niinistö e Hanso parole di ringraziamento per l’importante contributo a UNIFIL e il costante supporto alla missione nell’ambito dello Strategic Dialogue, veicolo di aiuto e assistenza coerente al più ampio meccanismo dell’International Support Group (ISG).

La partecipazione della Finlandia e dell’Estonia a UNIFIL ammonta complessivamente a circa 340 caschi blu schierati nel settore ovest dell’area di operazione a guida italiana.

Articoli correlati:

UNIFIL: l’importanza dello Strategic Dialogue sottolineata dal gen Portolano con i PM di Finlandia ed Estonia (18 agosto 2015)

Lo Strategic Dialogue in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: UNIFIL MPIO

UNIFIL: l’importanza dello Strategic Dialogue sottolineata dal gen Portolano con i PM di Finlandia ed Estonia

20150817_UNIFIL_gen Portolano con PM Estonia e FinlandiaI Primi Ministri (PM) di Finlandia ed Estonia, Juha Sipilä e Taavi Rõivas, hanno fatto visita ieri, il 17 agosto, ai militari dei loro rispettivi contingenti nell’ambito della missione UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon), sotto comando italiano del generale Luciano Portolano, Capo della Missione e Comandante della Forza ONU nel Libano meridionale, si apprende dalla stessa UNIFIL.

Il generale Portolano ha ricevuto i PM nella base delle Nazioni Unite ad At Tiri, sede dei contingenti finlandese, estone e irlandese.

Nel corso dell’incontro tenutosi poi presso il comando della missione a Naqoura, il generale Portolano ha fornito un aggiornamento del quadro operativo, illustrando le molteplici attività giornaliere condotte dalle componenti civili e militari della missione nell’ambito del mandato della risoluzione 1701.

Durante il colloquio il comandante si è poi soffermato sulla situazione regionale, con particolare riferimento al vicino conflitto siriano e al suo impatto sulla politica interna e di sicurezza nazionale del paese. Il Capo della Missione ha inoltre posto l’accento sull’importanza dello Strategic Dialogue, quale importante leva per il conseguimento dei fini del mandato di UNIFIL e fondamentale meccanismo volto a facilitare lo sviluppo delle capacità delle Forze Armate Libanesi (LAF).

A margine dell’incontro, il generale Portolano ha espresso il proprio compiacimento per l’operato dai caschi blu finlandesi ed estoni e ha ringraziato entrambi i PM per la partecipazione delle loro nazioni in UNIFIL, che nel delicato contesto regionale continua a svolgere il delicato ruolo di mediatore tra Libano e Israele per la realizzazione del dettato della risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite.

Nel corso dell’incontro i PM hanno espresso a loro volta parole di apprezzamento per la meritoria opera svolta dal personale militare e civile della missione, evidenziando la delicatezza del particolare momento storico che sta vivendo il Medio Oriente.

Attualmente la Finlandia e l’Estonia partecipano alla missione rispettivamente con 300 militari finlandesi e 36 soldati estoni impiegati nel Settore Ovest, a guida italiana, nell’area di operazione di UNIFIL.

Articoli correlati:

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

UNIFIL, Sector West: l’Estonia entra a far parte del settore a guida italiana (28 maggio 2015)

Fonte e foto: UNIFIL via Sector West

UNIFIL: instabilità, strategic dialogue e tripartite meeting nei colloqui tra il comandante gen Portolano e il commissario europeo Hahn

20150624_UNIFIL_Il Generale Portolano riceve il Commissario Europeo HahnIl commissario europeo per la Politica di vicinato e i negoziati per l’allargamento, Johannes Hahn, è giunto il 24 giugno in visita a Naqoura per incontrare il generale Luciano Portolano, Capo della missione e Comandante delle Forze di UNIFIL nel Libano Meridionale, fa sapere la stessa UNIFIL.

Al Commissario è stato presentato un aggiornamento sulle attività operative condotte nell’area di operazione di UNIFIL e sulle iniziative intraprese per favorire il dialogo tra le parti con particolare riferimento al “tavolo tripartito”, o tripartite meeting.

Il generale Portolano nel corso dell’incontro ha richiamato l’attenzione sulla spiccata sinergia esistente tra UNIFIL e le Forze Armate Libanesi (LAF), che si sviluppa anche attraverso il meccanismo dello Strategic Dialogue, teso allo sviluppo mirato delle capacità delle unità libanesi in termini di personale, armamenti e mezzi necessari per la completa attuazione della risoluzione 1701.

20150624_UNIFIL gen Portolano_EU commissario pol allargamento Hahn_Firma dell'Albo d'OnoreL’incontro ha rappresentato l’occasione per un approfondimento sull’attuale periodo di forte incertezza e instabilità politica che caratterizza lo scacchiere mediorientale, sul vicino conflitto siriano e sulle pesanti conseguenze economiche e sociali che esso ha, non solo in Libano ma in tutta la regione euro-atlantica.

Tra i presenti al meeting anche Michael Koehler, capo della direzione generale della Politica di vicinato e dei negoziati di allargamento dell’Unione Europea (DG NEAR); Fabienne Bessonne, responsabile della DG NEAR in Libano; Colin Scicluna, membro del Gabinetto per la Politica Europea di vicinato e negoziati di allargamento, e Maciej Golubiewski, vice capo della delegazione dell’Unione Europea in Libano.

Articoli correlati:

Lo Strategic Dialogue di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Il tripartite meeting in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: UNIFIL MPIO

UNIFIL, Libano: il comandante gen Portolano incontra i vertici delle LAF impegnate al confine con la Siria per la lotta all’ISIS. Circa 54mila i profughi siriani in area UNIFIL, stabilità a rischio

Il generale Luciano Portolano, Head of Mission e Force Commander di UNIFIL, si é incontrato, ieri 15 settembre, con i vertici militari delle Lebanese Armed Forces (LAF), il generale Jean Kahawaji, comandante delle LAF, il generale Walid Salman, Capo di stato maggiore delle LAF, il generale Edmond Fadel, direttore dell’Intelligence delle LAF, e, infine, il generale Mohammed Janbay, ufficiale coordinatore del Governo libanese con UNIFIL.

Molti i temi trattati nel corso degli incontri, un’agenda dettata dall’instabilità della regione mediorientale e, in particolare, dagli scontri che stanno vedendo le LAF impegnate nei dintorni della cittá di Arsal, lungo il confine orientale siriano, dove operano gruppi di ribelli sunniti riconducibili essenzialmente alle formazioni dell’ISIS e del Fronte al – Nusra.

Il generale Portolano ha lodato il cruciale lavoro svolto dalla LAF nel preservare l’integralitá territoriale e nel mantenere la stabilità nella regione e ha espresso la vicinanza di UNIFIL e sua personale alle famiglie dei soldati libanesi morti nell’assolvimento del proprio dovere.

Particolare attenzione è stata riservata al problema dei rifugiati siriani che, in fuga dalla guerra, continuano ad arrivare in Libano.

Ad oggi, secondo i dati forniti dall’United Nations High Commissioner for Refugees (UNHCR), in Libano risiedono oltre un milione di rifugiati siriani su una popolazione di poco piú di 4 milioni. Nell’area di operazioni di UNIFIL se ne contano oltre 54.000, che si aggiungono al circa mezzo milione di locali che popolano questa zona del Libano.

Il generale Portolano si é detto particolarmente attento a questa problematica per  l’impatto negativo che potrebbe avere sull’attuale stabilità della zona, sia per le tensioni sociali che potrebbero scaturire, sia per la possibile presenza di estremisti infiltrati, provenienti dalle alture del Golan.

In tale contesto, il Comandante di UNIFIL ha sottolineato ancora di piú l’importanza dello Strategic Dialogue che rappresenta un salto qualitativo nel processo di cooperazione e interazione con le LAF, volto a creare le adeguate e necessarie capacitá in seno alle LAF per un graduale e completo trasferimento della responsabilitá sulla sicurezza e stabilitá dell’area di operazione, da UNIFIL alle Forze Armate Libanesi, sia su terra sia in mare.

Al riguardo, il generale Portolano ha auspicato che le recenti promesse di aiuto che il Libano ha ricevuto da vari paesi, tra cui 3 milioni di dollari dell’Arabia Saudita, si concretizzino perchè questo garantirebbe un’implementazione delle capacità delle brigate che cooperano con UNIFIL per il rispetto del mandato contenuto nella Risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Infine, nel ringraziare i colleghi libanesi per il supporto ricevuto da UNIFIL, il generale Portolano ha confermato che il 17 settembre presiederá l’incontro tripartito: all’ordine del giorno il recente lancio di razzi dal Libano, le violazioni israeliane dello spazio aereo libanese e le questioni irrisolte riguardanti alcune aree critiche lungo la Blue Line.

Articoli correlati:

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: MPIO UNIFIL