Dic 29, 2010
165 Views
0 0

Piloti da caccia si nasce?

Written by

Altissime velocità ad altissima quota, con manovre repentine in cui la concentrazione deve essere al massimo livello così come il rendimento cognitivo. Nessuno spazio per le incertezze. Per non parlare dell’errore, che è assolutamente vietato.

Questo è ciò che viene richiesto ai piloti di aerei come il Tornado o il più recente Eurofighter Typhoon. Prestazioni elevate che solo pochi selezionati possono garantire. Ma che avranno mai questi piloti qui nel cervello?

Se lo sono chiesto i ricercatori dello University College London (UCL), dando inizio a uno studio sul cervello di undici piloti di aerei da caccia della Royal Air Force (RAF).

Partendo dalla domanda iniziale se piloti da caccia si nasca o si diventi, e quindi se l’esperienza insegni mano a mano che le difficoltà crescono, i ricercatori londinesi hanno sottoposto gli undici piloti a test cognitivi caratterizzati da un brevissimo tempo di reazione e intensi stimoli di distrazione, come l’Eriksen Flanker test.

Stesso test per un campione di undici persone dello stesso intervallo di età, ma che svolgono lavori meno impegnativi. Risultato a favore dei piloti.

Ma l’uno a zero presto diventa un uno pari con un test successivo, dimostrando che la prontezza e infallibilità dei riflessi sono in relazione al compito assegnato.

I piloti non sono i top gun che ci immaginavamo? In realtà la risposta definitiva ancora non c’è, anche se ulteriori prove individuano nelle connessioni tra diverse aree di cervello la vera differenza tra i Tom Cruise che pilotano gli F-14 e le persone che fanno lavori meno impegnativi.

“Non è che le aree interessate del cervello siano più grandi – spiega il professore a capo dello studio in corso all’UCL, Masud Husain – ma sono le connessioni tra le aree chiave del cervello a essere diverse. Se poi le persone nascano con queste differenze o se le sviluppino con l’esperienza, attualmente ancora non si sa”.

Fonte: Armed Forces Int’l

Foto: www.tomcruise.com

Article Categories:
Forze Armate · Sicurezza