Nov 14, 2011
149 Views
0 0

Alenia Aermacchi: l’accettazione del velivolo addestratore M-346 apre alla consegna del primo velivolo all’Aeronautica Militare Italiana

Written by

Con una nota stampa in data odierna l’Alenia Aermacchi dà notizia dell’accettazione del primo velivolo addestratore T-346A all’Aeronautica Militare Italiana, a cui seguirà a breve la consegna del primo esemplare al Reparto Sperimentale Volo di Pratica di Mare.

La cermonia di accettazione del primo velivolo di serie M-346, prodotto da Alenia Aermacchi, una società di Finmeccanica, e denominato T-346A, si è svolta a Roma, alla Direzione Generale degli Armamenti Aeronautici (DGAA). Si è trattato di una cerimonia formale di firma di documenti che costituisce l’atto successivo a un’intensa attività di verifica svolta dalla Commissione di collaudo, appositamente nominata dalla DGAA stessa, presso lo stabilimento di Alenia Aermacchi a Venegono Superiore, in provincia di Varese.

Al termine di questo periodo sono stati effettuati i voli di accettazione per confermare la funzionalità operativa di tutti i sistemi del velivolo, e i due voli di accettazione finale effettuati da piloti del Reparto Sperimentale di Volo dell’Aeronautica Militare.

“Questa consegna – ha dichiarato Giuseppe Giordo, amministratore delegato di Alenia Aeronautica e Alenia Aermacchi e responsabile del Settore aeronautico di Finmeccanica – sottolinea la storica e costruttiva collaborazione che ci lega da numerosi anni all’Aeronautica Militare. Siamo altresì orgogliosi di poter fornire ai piloti della Forza Aerea del nostro Paese, tra i più preparati al mondo, un addestratore di ultima generazione”.

Il primo T-346A, al quale si affiancherà a breve un secondo velivolo, verrà inizialmente assegnato al Reparto Sperimentale Volo, dove inizieranno le prove di valutazione operativa. L’Aeronautica Militare riceverà gli altri quattro velivoli e i relativi sistemi di addestramento a terra (Ground Based Training System) entro il 2012 e sarà così la prima Forza Aerea al mondo a disporre di una linea d’addestramento basata sull’M-346, il velivolo più moderno disponibile oggi sul mercato per l’addestramento dei piloti militari per gli aerei da difesa di ultima generazione, si apprende dalla nota stampa.

Il contratto da 220 milioni di euro per l’acquisizione di un primo lotto di sei velivoli M-346 e del sistema di addestramento a terra, destinati all’Aeronautica Militare era stato firmato il 10 novembre 2009. L’omologazione dell’M-346, requisito fondamentale per poter operare il velivolo in ambiente militare, risale al mese di giugno di quest’anno.

L’M-346 rappresenta oggi la piattaforma ideale per un sistema integrato d’addestramento di ultima generazione (Integrated Training System). Allo stesso tempo, sottolinea l’azienda, la flessibilità di questa piattaforma consente di configurare il velivolo addestratore per ruoli operativi, come velivolo da difesa avanzato a costi contenuti (Affordable Advanced Defence Aircraft).

Alla fine di settembre 2010 è stato firmato anche il primo contratto internazionale con Singapore, nell’ambito del programma Fighter Wings Course (FWC), mirato a rimpiazzare l’attuale flotta di addestratori. Nel febbraio 2009 l’M-346 era stato selezionato nella gara per il nuovo addestratore degli Emirati Arabi Uniti.

Articoli correlati:

L’addestratore Alenia Aermacchi M-346 ottiene il certificato di omologazione. Presto in consegna all’AMI i primi due velivoli (23 giugno 2011)

Porte aperte all’M-346: Armaereo firma l’ordine per il velivolo addestratore dell’Alenia Aeramcchi M-346 (10 novembre 2009)

Alenia Aermacchi in Paola Casoli il Blog

Fonte: Alenia Aermacchi

Foto: Alenia Aermacchi

Article Categories:
Forze Armate