Mag 11, 2012
98 Views
0 0

Afghanistan, con l’Op Zafar 2 l’RC-W ISAF contrasta il terrorismo e trasferisce responsabilità distretti a forze afgane

Written by

È durata quattro giorni l’operazione congiunta Zafar 2 tra le forze di sicurezza afgane (ANSF) e i militari italiani nell’area di responsabilità italiana del Regional Command-West (RC-W) ISAF, su base brigata Garibaldi al comando del generale Luigi Chiapperini.

In particolare, l’operazione si è sviluppata nel settore della provincia di Farah ed è stata  condotta dalle forze di sicurezza afgane (Afghan National Security Forces, ANFS) coadiuvate dalla Task Force South, su base  reggimento cavalleggeri Guide (19°), per un totale di circa 550 uomini.

Le attività, si apprende dal comunicato stampa dell’RC-W, hanno avuto come obiettivo il contrasto al terrorismo, il riconoscimento della sovranità del governo e l’insediamento di due nuovi posti di polizia, permettendo così la ricostruzione a favore della popolazione locale.

L’operazione Zafar 2, che ha portato anche all’arresto di 28 insorti, si inquadra nelle attività operative che il comando di RC-W pianifica e coordina con le forze di sicurezza afgane, permettendo in questa fase della transizione il passaggio della responsabilità della sicurezza alle forze afgane di gran parte dei distretti in cui si suddivide il settore posto sotto la guida italiana, e che comprende le quattro province di Herat, Farah, Badghis e Gohr.

Articoli correlati:

La transition in Paola Casoli il Blog

L’RC-W ISAF in Paola Casoli il Blog

La brigata Garibaldi in Paola Casoli il Blog

Fonte: RC-W ISAF

Foto: RC-W ISAF

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate