Mar 10, 2020
9 Views
0 0

Il TAAC-W alla celebrazione afgana del Women’s Day

Written by

“Una significativa rappresentanza del contingente del Train Advise Assist Command West (TAAC-W) di Herat ha partecipato domenica al Women’s Day, evento organizzato in occasione della giornata internazionale della donna dall’Afghan National Army (ANA) a Camp Zafar, sede del 207° Corpo d’Armata afgano, per promuovere la figura femminile nel contesto sociale e lavorativo”, fa sapere lo stesso TAAC-W con un comunicato stampa.

Le donne in uniforme, “la cui presenza tra i ranghi dell’ANA è in rapido e costante aumento”, scrive il TAAC-W, unitamente alla loro funzione e ai compiti a loro assegnati nell’ambito della struttura militare, sono stati i temi al centro degli interventi che hanno caratterizzato la giornata dell’8 marzo scorso, condotta all’insegna del rispetto dei diritti delle donne e alla promozione delle pari opportunità.

Il Comandante del 207° Corpo d’Armata, generale Mohammad Zabiullah, nel sottolineare l’importanza della presenza femminile nell’Esercito afgano, ha evidenziato come le donne soldato abbiano raggiunto un livello di preparazione e di addestramento che consente loro di operare in tutti i settori al pari dei colleghi uomini.

Dello stesso tenore è stato l’intervento del Comandante del TAAC-W, generale di brigata Enrico Barduani, il quale ha rimarcato come il coraggioso e quotidiano impegno delle donne afgane sia fondamentale per il conseguimento della parità di genere nella società e nel mondo del lavoro.

Particolarmente apprezzata dai presenti è stata la partecipazione all’evento del capitano Martina Forlingieri, una delle prime Ufficiali donne arruolate nell’Esercito Italiano, che ha riportato alle colleghe afgane la propria esperienza personale, indicando, nella forza e nella determinazione femminili, gli strumenti per raggiungere i traguardi più ambiziosi in ambito sociale e professionale.

Il contingente militare italiano, nel quadro dei compiti stabiliti dall’operazione Resolute Support, è impegnato a sostenere la popolazione dell’Afghanistan, promuovendo attività che consentono alle donne di raggiungere importanti obiettivi professionali e migliorare la propria condizione, ricorda il comunicato.

Numerosi sono i corsi specialistici svolti dagli advisor italiani in favore del personale femminile delle Forze di Sicurezza afgane, così come consistente è l’attività condotta verso le istituzioni del Paese nel promuovere e valorizzare i diritti delle donne.

Il TAAC-W, Comando NATO a guida italiana attualmente su base 132^ Brigata corazzata Ariete, in cui operano uomini e donne dell’Esercito Italiano, dell’Aeronautica Militare, della Marina Militare e dell’Arma dei Carabinieri, è responsabile nell’ambito della missione in Afghanistan Resolute Support della parte occidentale del paese, che comprende le province di Herat, Badghis, Farah e Ghor, per un’estensione territoriale pari all’intero Nord Italia e una popolazione di circa quattro milioni di abitanti.

È composto da militari di 8 nazioni (Albania, Ungheria, Lituania, Romania, Slovenia, Ucraina, Stati Uniti d’America, oltre all’Italia) che operano con l’obiettivo di contribuire all’addestramento, all’assistenza e alla consulenza in favore delle istituzioni e delle forze di sicurezza afgane, impegnate nella creazione di adeguate condizioni di sicurezza e prosperità per la popolazione locale.

Fonte e foto: TAAC-W

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate