Ago 4, 2020
73 Views
0 0

TAAC-W RS inaugura il monumento Ariete: un cingolo e una lancia per il mandato a Herat

Written by

“È stato inaugurato nei giorni scorsi a Camp Arena a Herat, sede del contingente italiano del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), attualmente a guida 132^ Brigata corazzata Ariete, il monumento realizzato in ricordo del mandato svolto della grande unità nella missione in Afghanistan, si apprende da un comunicato stampa odierno dello stesso TAAC-W.

“È tradizione infatti che le Brigate che si avvicendano nell’operazione ‘Resolute Support’ lascino, a conclusione della loro permanenza, una testimonianza del loro operato nell’area monumentale della base, situata nel piazzale che ospita le bandiere dei paesi che compongono il TAAC-West”, si legge dal comunicato.

L’opera, composta da un cingolo di carro Ariete su cui è innestata una lancia da cavaliere, ben rappresenta l’identità e lo spirito della Brigata, unica realtà corazzata dell’Esercito Italiano con due reggimenti carri e un reggimento di cavalleria tra i propri ranghi. Ai piedi del monumento è stato affisso un calco raffigurante il simbolo della Brigata, con scolpito il motto “Ariete combatte”.

Il Comandante del TAAC-West e della 132^ Brigata corazzata Ariete, Generale di Brigata Enrico Barduani, a premessa dello scoprimento dell’opera davanti al personale schierato, ha voluto rimarcare gli ottimi risultati del lavoro che è stato portato a termine in questi otto mesi di missione, durante i quali “gli uomini e le donne dell’Ariete hanno saputo dimostrare capacità e tempra degne del glorioso passato della grande unità e hanno ben figurato nel difficile contesto internazionale in cui la missione è stata condotta”.

Il TAAC-West, Comando NATO a guida italiana, in cui operano uomini e donne dell’Esercito Italiano, dell’Aeronautica Militare, della Marina Militare e dell’Arma dei Carabinieri, è responsabile nell’ambito dell’operazione Resolute Support della parte occidentale dell’Afghanistan, che comprende le province di Herat, Badghis, Farah e Ghor, per un’estensione territoriale pari all’intero Nord Italia e una popolazione di oltre tre milioni e mezzo di abitanti.

È composto da militari di otto nazioni (Albania, Ungheria, Lituania, Romania, Slovenia, Ucraina, Stati Uniti d’America, oltre all’Italia) che operano con l’obiettivo di contribuire all’addestramento, all’assistenza e alla consulenza in favore delle istituzioni e delle forze di sicurezza afgane, impegnate nella creazione di adeguate condizioni di sicurezza e prosperità per la popolazione locale.

Il contributo italiano alla missione ha consentito finora alla regione ovest del paese di raggiungere standard di sicurezza e sviluppo tra i più elevati nel paese, conclude il comunicato.

Fonte e foto: TAAC-W

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate