Accademia navale

Marina, Accademia Navale: prorogata la scadenza del bando di concorso

“È stato prorogato fino al 4 febbraio 2019 (come da prossima pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale 4^ Serie Speciale, del 25 gennaio 2019) il termine per presentare le domande al bando di concorso per accedere all’Accademia Navale di Livorno e diventare futuri ufficiali della Marina Militare, ha fatto sapere la stessa Forza Armata con un comunicato stampa di ieri, 23 gennaio.

Sono 110 i posti disponibili per la 1^ classe dei corsi normali dell’Università del Mare che offre un’opportunità formativa esclusiva e avvincente per ragazzi e ragazze che vogliono investire da subito sul proprio futuro, per diventare veri professionisti del mare attraverso variegati percorsi di studio e indirizzi professionali a seconda del Corpo di appartenenza.

Inoltre, sabato 26 gennaio l’Accademia Navale di Livorno aprirà nuovamente le porte a tutti coloro che vorranno conoscere da vicino la vita degli Allievi Ufficiali della Marina Militare, offrendo un’ulteriore opportunità ai giovani studenti, alle loro famiglie e a tutti coloro che vorranno essere presenti, di visitare lo storico Istituto di formazione nel pieno della sua attività, conoscere la “via del mare” e proseguire l’iter di studi universitari diventando un vero professionista del mare.

L’ingresso dal Varco di San Jacopodalle 09.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 18.00– segna l’inizio di un “percorso affascinante che si sviluppa lungo il Viale dei Pini passando per il complesso di Palazzo Allievi con il suo piazzale e lo storico Brigantino, Palazzo Studi con il simulatore di plancia e il planetario, le aree dedicate alle scienze nautiche e le strutture sportive di Villa Chayes”, si legge dal comunicato.

In questa occasione, gli Ufficiali dell’Accademia Navale risponderanno direttamente alle domande dei visitatori.

Questo concorso costituisce un’occasione importante per i giovani che vogliono intraprendere una carriera ad alta specializzazione in un “ambiente lavorativo in cui ogni persona è un elemento imprescindibile di un ingranaggio perfetto, partendo comunque da un patrimonio unico di tradizioni, storia e valori etici e morali fondamentali per formare i leader del futuro, capaci di operare con professionalità e spirito di sacrificio in molteplici contesti per la sicurezza e la salvaguardia del Paese e a beneficio della collettività con una naturale propensione alla tutela dell’ambiente marino”.

Approfondimento (fonte Marina Militare):

Gli Ufficiali conseguono lauree diverse a seconda del corpo di appartenenza: in Scienze Marittime e Navali per il Corpo di Stato Maggiore; in Ingegneria Navale, Ingegneria civile ed ambientale ed Ingegneria delle Telecomunicazioni per il Corpo del Genio della Marina; in Medicina e Chirurgia per il Corpo Sanitario Militare Marittimo; in Giurisprudenza per il Corpo di Commissariato Militare Marittimo ed in Scienze dell’Amministrazione e Governo del Mare per il Corpo delle Capitanerie di Porto.

Fonte e foto: Marina Militare

Marina, Open Day in Accademia: opportunità per diventare Ufficiale di Marina

Il 19 e 26 gennaio prossimi l’Open day in Accademia Navale a Livorno rappresenta l’opportunità per conoscere da vicino l’Istituto di formazione e sottoscrivere entro il 28 gennaio la domanda al concorso per diventare Ufficiale di Marina.

“Sono rimaste solo 3 settimane prima della scadenza del bando di concorso per 110 posti da allievo della 1^ classe dei ruoli normali dell’Accademia Navale di Livorno”, fa presente la Marina Militare ricordando che “con la pubblicazione della Gazzetta Ufficiale (nr.102 del 28.12.2018 – 4^ Serie Speciale) è iniziata la ‘campagna arruolamenti’ dei futuri Ufficiali della Marina Militare, che avrà termine il prossimo 28 gennaio”.

L’Università del Mare offre infatti un’opportunità formativa esclusiva e avvincente per ragazzi e ragazze che vogliono investire da subito sul proprio futuro, per diventare veri professionisti del mare.

Tanti e variegati sono infatti i percorsi di studio e gli indirizzi professionali a seconda del Corpo di appartenenza, sottolinea la Forza Armata nel comunicato stampa con cui dà notizia degli Open Day in Accademia: in Scienze Marittime e Navali per il Corpo di Stato Maggiore, in Ingegneria Navale, Ingegneria civile e ambientale, Ingegneria delle Telecomunicazioni per il Corpo del Genio della Marina, in Medicina e Chirurgia per il Corpo Sanitario Militare Marittimo, in Giurisprudenza per il Corpo di Commissariato Militare Marittimo ed in Scienze dell’Amministrazione e Governo del Mare per il Corpo delle Capitanerie di Porto.

Lo slogan della campagna per l’arruolamento #IlTuoFuturoèilMare rappresenta la sintesi di un percorso impegnativo e ambizioso con il quale i ragazzi e le ragazze dovranno confrontarsi con le proprie capacità e aspirazioni per garantire a se stessi un futuro da protagonisti con il mare.

L’Ufficiale di Marina, sia che ricopra ruoli di tipo operativo, che tecnico-logistico o di supporto, conduce una vita dinamica, piena di soddisfazioni professionali e umane e di grande responsabilità in quanto vene chiamato da subito a condurre team di uomini e donne, oltre alla gestione dei mezzi e delle risorse a disposizione della Forza Armata.

Questo concorso costituisce quindi un’occasione irripetibile per i giovani che vogliono intraprendere una carriera ad alta specializzazione in un ambiente lavorativo in cui ogni persona è un elemento imprescindibile di un ingranaggio perfetto, partendo comunque da un patrimonio unico di tradizioni, storia e valori etici e morali fondamentali per formare i leader del futuro, capaci di operare con professionalità e spirito di sacrificio in molteplici contesti per la sicurezza e la salvaguardia del Paese e a beneficio della collettività con una naturale propensione alla tutela dell’ambiente marino.

Per conoscere meglio la realtà dell’Accademia Navale, nei giorni 19 e 26 gennaio l’Istituto aprirà le porte ai visitatori che potranno così scoprire le varie attività svolte dagli allievi.

Sulla pagina dedicata del sito www.marina.difesa.it sarà possibile trovare tutte le informazioni necessarie per partecipare al concorso, spiega la Forza Armata.

Fonte e foto: Marina Militare

Marina: nave scuola Orsa Maggiore a Funchal fino al 30 agosto

Questa mattina, 27 agosto, la nave scuola Orsa Maggiore è arrivata nel porto di Funchal (Portogallo), dove sosterà fino al 30 agosto, ha fatto sapere la Marina Militare con un comunicato stampa.

La sosta si svolge nell’ambito della Campagna d’Istruzione 2018 a favore di dieci ufficiali aspiranti Guardiamarina della terza classe dell’Accademia Navale di Livorno.

La nave, consegnata alla Marina Militare nel 1994, è una delle unità a vela minori che concorrono alla formazione professionale ed etica del personale, con lo scopo di applicare gli insegnamenti teorici acquisiti durante l’anno trascorso presso l’istituto di formazione della Forza Armata, acquisire maggiore esperienza marinaresca e rafforzare lo spirito di squadra tipico degli equipaggi della Marina Militare.

Dopo Funchal, nave Orsa Maggiore continuerà a veleggiare nelle acque dell’Oceano Atlantico, proseguendo verso il porto di Tangeri (Marocco), prima di fare rientro il 22 settembre a Livorno, dove concluderà la Campagna d’Istruzione.

La popolazione, durante la sosta a Funchal, avrà la possibilità di visitare l’unità nei seguenti orari, come specifica la Marina Militare:

martedì 28 agosto dalle 16:30 alle 19:00

mercoledì 29 agosto dalle 10:30 alle 12:00

Gli hashtag per parlarne sui social sono: #MarinaMilitare #ProfessionistiDelMare #ilTuoFuturoèilMare

Fonte e foto: Marina Militare

Marina: il cacciatorpediniere Durand De La Penne lascia il Senegal, prossima tappa della Campagna d’Istruzione la Nigeria

Il Cacciatorpediniere Luigi Durand de la Penne della Marina Militare lascia oggi, 21 agosto, il Senegal dove era arrivato nel porto di Dakar il 18 agosto scorso per la seconda tappa della Campagna d’Istruzione 2018 degli allievi della 2ª classe dell’Accademia Navale, come aveva fatto sapere la Marina Militare con un comunicato stampa del 18 agosto.

I 123 allievi ufficiali a bordo della nave continuano cosi il proprio percorso di crescita professionale, iniziato lo scorso anno a bordo della nave scuola Amerigo Vespucci, vivendo per la prima volta un’esperienza di imbarco strettamente operativa che rafforza in loro i valori fondanti della Marina Italiana.

La Campagna d’istruzione si svolge nell’ambito di un’attività addestrativa che prevede azioni di presenza, sorveglianza e naval diplomacy nel Golfo di Guinea.

Partita da Taranto il 23 luglio scorso, la Campagna d’Istruzione 2018 di nave Durand de la Penne, dopo lo scalo senegalese, si dirigerà verso Lagos (Nigeria), Accra-Tema (Ghana) e Casablanca (Marocco).

“Durante gli scali sono previsti eventi che avvicinano l’equipaggio e gli allievi con le realtà dei paesi visitati e che favoriscono la migliore conoscenza e camaraderie con membri delle Forze Armate locali”, conclude il comunicato stampa della Marina.

Gli hashtag per parlarne sui social: #MarinaMilitare #ProfessionistiDelMare #ilFuturoèilMare

Approfondimenti (fonte Marina Militare):

Nave Durand de la Penne

Varata il 20 ottobre 1989 e consegnata alla Marina Militare il 18 marzo 1993, Nave Luigi Durand de la Penne è un cacciatorpediniere lanciamissili multiruolo. I sistemi d’arma e i sensori di scoperta consentono una difesa aerea a medio e corto raggio di una formazione navale, incentrata sul Radar 3D MM/SPS 798 e sui sistemi missilistici Tartar e Albatros, mentre il sistema MK 2A Teseo consente di ingaggiare bersagli navali e terrestri oltre l’orizzonte; completano la dotazione i sensori di scoperta antisommergibile, a scafo, trainati e imbarcati sull’elicottero, associati alla possibilità di lancio dei nuovi siluri MU 90. Dal settembre del 2009 fino al marzo del 2011 l’Unità ha subito lavori di ammodernamento.

Nata inizialmente con il nome Animoso, nel 1992 il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare decise di intitolare l’Unità Luigi Durand de la Penne, eroe della Seconda Guerra Mondiale, scomparso il 17 gennaio dello stesso anno, diventando la prima Unità con questo nome.

A propos de: Luigi Durand de la Penne

Nella notte del 19 dicembre 1941 l’allora Tenente di Vascello Luigi Durand de la Penne condusse, in qualità di Capogruppo di 3 siluri a lenta corsa guidati da due operatori (detti “maiali”), l’attacco alla base fortificata britannica di Alessandria d’Egitto. L’attacco portò al grave danneggiamento delle navi da battaglia inglesi Valiant e Queen Elizabeth, della petroliera Sagona e del cacciatorpediniere Jervis. Dopo aver superato con notevoli difficoltà le ostruzioni del porto, Luigi Durand de la Penne collocò la carica esplosiva sotto le torri di prora della Valiant. Una volta risalito in superficie, venne scoperto e, portato a bordo insieme al secondo operatore del suo mezzo, fu rinchiuso in un locale adiacente al deposito munizioni per costringerlo a rilevare la posizione della mina. A pochi minuti dal programmato scoppio dell’ordigno, con il proposito di porre in salvo l’equipaggio, Durand chiese di informarne il Comandante dell’Unità inglese.

Winston Churchill commentò la storica impresa con queste parole; “Sei italiani equipaggiati con materiali di costo irrisorio hanno fatto vacillare l’equilibrio militare in Mediterraneo a vantaggio dell’Asse”.

Scheda tecnica:

Cacciatorpediniere Lanciamissili Classe Ammiragli (DDGH)  D 560

impostata il:  20/01/1988

Varata il:  29/10/1989

Cantiere:  Fincantieri Riva Trigoso

Dislocamento:  5560 t p.c.

Lunghezza:  147,7 m

Larghezza:  16,1 m

Immersione:  5 m

Apparato motore:  CODOG su due eliche pentapala a passo variabile che utilizza alternativamente: 2 TAG Fiat/GE LM-2500; 2 motori diesel GMT BL-230.20-DVM

Apparato Elettrico:  2 centrali elettriche (6 generatori elettrici)

Potenza:  33800 KW (45326,54 HP )

Velocità:  31 nd

Autonomia:  7000 mg

Armamento:  1 127/54 OTOMelara; 3 76/62 OTOMelara Super rapido; 4 S/S Teseo M2/A, 2 lanciatori MILAS; 1 lanciatore a 8 celle per S/A Aspide; 1 rampa singola Mk 13 mod. 4 S/A Standard SM-1 MR; 2 lanciarazzi SCLAR H; 2 lanciasiluri trinati B-515; 2 AB-212/ASW

Equipaggio:  350 (25 Uff.li – 210 Sott.li – 115 Graduatie truppa)

Accademia Navale di Livorno

L’Accademia Navale di Livorno forma dal 1881 i futuri Ufficiali della Marina Militare. Tutti gli Ufficiali frequentano i corsi di addestramento e istruzione che li preparano a raccogliere le sfide della vita professionale. I percorsi di selezione e di formazione sono impegnativi ed estremamente selettivi, sono necessarie qualità come motivazione, dedizione, spirito di sacrificio, capacità di applicazione, resistenza fisica e mentale. All’istituto di formazione è assegnato quindi il compito di selezionare, istruire ed educare i giovani Allievi affinché assimilino i più alti valori morali e i principi etici della Marina Militar, per diventare leader capaci di guidare i propri uomini con l’esempio e la professionalità, secondo le più alte tradizioni della Forza Armata.

Fonte e foto: Marina Militare

Marina Militare: record di visitatori al primo Open Day dell’Accademia Navale. Il bando di concorso scade l’8 febbraio

“Grande successo all’Open Day dell’Accademia Navale di Livorno del 20 gennaio scorso quando, in sole 6 ore di apertura al pubblico, sono stati circa 2000 i visitatori, provenienti da tutta Italia, che hanno avuto la possibilità di conoscere da vicino la vita degli Allievi Ufficiali della Marina Militare”, fa sapere la stessa Forza Armata con un comunicato stampa del 22 gennaio riferito all’Open Day del 20 gennaio (link articolo in calce).

Una affluenza record, sottolinea la Marina Militare, che testimonia il grande interesse dei giovani e delle loro famiglie per visitare l’istituto di formazione nel pieno della sua attività.

Tra questi tanti studenti provenienti da Istituti Scolastici dai vari angoli della penisola, arrivati dalle provincie di Livorno, Lucca, Cosenza, Salerno, Firenze, Lecce, Carrara, Piombino, Pistoia, La Spezia, Taranto, Pisa, Genova, Lodi, Verona, Cuneo, Milano, Venezia, Roma, Napoli, Bari, Palermo, Ferrara, Teramo e Siena, che hanno avuto l’occasione di parlare con i giovani Allievi Ufficiali per raccogliere ulteriori informazioni, prima di poter sottoscrivere la propria adesione al concorso per i futuri Professionisti del Mare della Marina Militare.

Rimangono solo pochi giorni infatti per partecipare al concorso per 115 posti da allievo della 1^ classe dei ruoli normali dell’Accademia Navale di Livorno: il bando scade l’8 febbraio prossimo.

Con la pubblicazione della Gazzetta Ufficiale (nr. 3 del 9.01.2018 – 4a Serie Speciale), infatti, è iniziata la “campagna arruolamenti” dei futuri Ufficiali della Marina Militare, che avrà termine il prossimo 8 febbraio. L’Università del Mare che, con sette corsi di laurea specialistica e numerosi indirizzi professionali, offre un’opportunità formativa unica per ragazzi e ragazze che vogliono investire da subito sul proprio futuro, per diventare professionisti del mare.

Prossimo appuntamento con l’Open Day nell’Istituto di formazione è per sabato 3 febbraio, quando l’Accademia Navale sarà di nuovo aperta al pubblico per studenti, le loro famiglie, scolaresche o anche semplici visitatori.

Arruolamento (fonte Marina Militare):

Il tuo futuro è il mare è il claim della campagna per l’arruolamento. Uno slogan che è anche la via maestra per i giovani che vogliono guardare oltre l’orizzonte e dare vita alle proprie ambizioni. La “via” del mare offre un’opportunità per ognuno di loro di intraprendere i percorsi formativi offerti dalla Marina Militare, che li porteranno a viaggiare in tutto il mondo, raggiungere mete lontane e luoghi unici, lavorando anche al fianco di organizzazioni impegnate in missioni sociali e umanitarie, oppure in cooperazione con militari di altri paesi con cui condividere obiettivi ed esperienze.

Questa scelta non significa solamente cogliere una delle più ambiziose opportunità lavorative, ma indossare una divisa vuol dire anche assumersi delle precise responsabilità e mettersi al servizio degli altri, essere un cittadino speciale, con le stellette.

L’Accademia Navale in questo, cosi come tutta la Marina Militare, è una “palestra di vita”, con codici comportamentali basati su valori morali e principi etici imprescindibili per diventare leader in grado di affrontare tutte le sfide del futuro, gestendo i mezzi assegnati e guidando i propri uomini con l’esempio e la professionalità, nell’alveo delle più alte tradizioni della Forza Armata.

Pilota di aeromobili, incursore, palombaro, fuciliere di Marina, sommergibilista, idrografo, ingegnere, tecnico specialista, medico, qualunque sia la specialità scelta, in Accademia Navale tutti gli ufficiali seguono percorsi di selezione e formazione impegnativi e selettivi, sono necessarie qualità come motivazione, dedizione, spirito di sacrificio, capacità di applicazione, resistenza fisica e mentale. Un ambito in cui la costante innovazione degli strumenti a disposizione e dei contenuti didattici, sviluppati in simbiosi con il mondo universitario, consente ai giovani di maturare la piena consapevolezza di se stessi e li rende professionisti del mare al servizio della Marina e del Paese.

Gli Ufficiali conseguono lauree diverse a seconda del Corpo di appartenenza: in Scienze Marittime e Navali per il Corpo di Stato Maggiore, in Ingegneria Navale, Ingegneria civile e ambientale, Ingegneria delle Telecomunicazioni per il Corpo del Genio della Marina, in Medicina e Chirurgia per il Corpo Sanitario Militare Marittimo, in Giurisprudenza per il Corpo di Commissariato Militare Marittimo ed in Scienze dell’Amministrazione e Governo del Mare per il Corpo delle Capitanerie di Porto.

Per avere tutte le informazioni sul concorso e compilare la domanda on line basta visitare il sito della Marina Militare nell’area dedicata al Concorso.

Articoli correlati:

Marina Militare: open day dell’Accademia “per vedere da vicino il proprio futuro sul mare” (19 gennaio 2018)

L’Accademia Navale in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare

Marina Militare: open day dell’Accademia “per vedere da vicino il proprio futuro sul mare”

È in programma domani, sabato 20 gennaio, un open day dell’Accademia Navale di Livorno che permetterà di conoscere da vicino la vita degli Allievi Ufficiali della Marina Militare, offrendo l’opportunità di visitare l’istituto di formazione nel pieno della sua attività.

Ne dà notizia con un comunicato stampa del 17 gennaio la stessa Forza Armata.

“L’ingresso dal Varco di San Jacopo – scrive la Marina – rappresenta l’inizio di un percorso affascinante che si articola lungo il Viale dei Pini passando per il complesso di Palazzo Allievi con il suo piazzale e lo storico Brigantino, Palazzo Studi con il simulatore di ‘plancia’, le aree dedicate alle scienze nautiche e le strutture sportive di Villa Chayes”.

Per l’occasione, gli Ufficiali dell’Accademia Navale risponderanno direttamente a domande e curiosità dei visitatori.

Intanto, ricorda la Marina nel comunicato stampa, restano ancora pochi giorni per presentare la domanda per il concorso: il bando, pubblicato con la Gazzetta Ufficiale nr. 3 del 09.01.2018 – 4ª Serie Speciale, scadrà infatti l’8 febbraio 2018.

Potranno presentare la domanda tutti i giovani di età compresa tra i 17 ed i 22 anni non ancora compiuti, in possesso di cittadinanza italiana, di un diploma di scuola media superiore, oppure in procinto di conseguirlo alla fine del corrente anno scolastico.

Per l’anno 2018 sono 115 i posti a concorso per l’accesso alla 1^ classe dei corsi Normali dell’Accademia Navale di Livorno, l’Università del Mare che con sette corsi di laurea specialistica e svariati indirizzi professionali offre “un’opportunità formativa unica per ragazzi e ragazze che vogliono investire da subito sul proprio futuro per diventare professionisti del mare”.

Ogni allievo, spiega la Marina, avrà la possibilità di frequentare i corsi di laurea in scienze del governo e dell’amministrazione del mare, ingegneria delle telecomunicazioni, ingegneria navale, ingegneria civile e ambientale, giurisprudenza, scienze marittime e navali, medicina e chirurgia.

L’Istituto di formazione sarà aperto alle visite al pubblico anche sabato 3 febbraio.

I corsi di laurea (approfondimento della Marina Militare):

Gli Ufficiali conseguono lauree diverse a seconda del corpo di appartenenza: in Scienze Marittime e Navali per il Corpo di Stato Maggiore; in Ingegneria Navale, Ingegneria civile ed ambientale ed Ingegneria delle Telecomunicazioni per il Corpo del Genio della Marina; in Medicina e Chirurgia per il Corpo Sanitario Militare Marittimo; in Giurisprudenza per il Corpo di Commissariato Militare Marittimo ed in Scienze dell’Amministrazione e Governo del Mare per il Corpo delle Capitanerie di Porto. Per saperne di più: http://www.marina.difesa.it/entra-in-marina/Pagine/dettagli_concorso_accademia.aspx

Articoli correlati:

L’Accademia Navale in Paola Casoli il Blog

La Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare

Foto: @ConcorsoAccademiaNavale facebook

Difesa, il CaSMD gen Graziano ai giurandi dell’Accademia Navale: “la dimensione interforze e internazionale una costante degli impieghi futuri”

Hanno prestato solenne Giuramento di fedeltà alla Repubblica sabato 2 dicembre scorso i 203 allievi dell’Accademia Navale di Livorno: alla cerimonia erano presenti il Capo di Stato Maggiore della Difesa (CaSMD), generale Claudio Graziano; il Ministro della Difesa, senatrice Roberta Pinotti, e il Capo di Stato Maggiore della Marina (CaSMM), ammiraglio Valter Girardelli, ha fatto sapere lo stato maggiore della Difesa con un comunicato stampa del giorno stesso.

“Il Giuramento che oggi prestate – ha affermato il CaSMD rivolgendosi agli allievi – in questo prestigioso Istituto che assolve le sue funzioni da più di 130 anni, è la promessa solenne di impegnare tutte le vostre capacità per proseguire lungo la strada del dovere tracciata da generazioni di Ufficiali che, prima di voi, hanno avuto l’onore e la responsabilità di servire la Patria nei ranghi della Marina Militare e nella grande famiglia delle Forze Armate”.

“Negli attuali scenari internazionali, che si presentano estremamente dinamici, complessi ed in continua evoluzione – ha continuato il Capo di Stato Maggiore della Difesa –   il nostro strumento militare si caratterizza per la capacità di operare trasformandosi al fine di rispondere in maniera adeguata ed efficace alle sfide che minacciano la nostra sicurezza. La vostra generazione avrà l’onere di continuare a portare avanti questo cambiamento, in una dimensione sempre più marcatamente interforze, internazionale e anche interagenzia”.

“Fate tesoro degli insegnamenti che riceverete qui in Accademia – ha aggiunto il gen Graziano – poiché vi forniranno gli strumenti, culturali e professionali, per operare nel dominio marittimo e per portare avanti le tradizioni di Forza Armata. Per questo, vi esorto già da ora a guardare più in alto, ad una dimensione più ampia, quella interforze e internazionale, che sarà la costante dei vostri impieghi operativi futuri, al fianco dei colleghi di altre Forze Armate e di altri Paesi, nell’ambito delle principali Organizzazioni Internazionali”.

In particolare, tra le più recenti iniziative, il gen Graziano ha ricordato l’accordo siglato da 23 Paesi dell’UE sulla Cooperazione Strutturata Permanenti (Pesco), il cui avvio consentirà una graduale transizione militare in ambito europeo da mera cooperazione a concrete integrazioni capacitive, spiega il comunicato stampa.

Il gen Graziano ha così concluso il suo discorso: “Voi siete il nostro futuro! Il Giuramento è il solenne momento che accomuna gli Allievi di tutte le Accademie e di tutti i tempi, siate orgogliosi di essere la parte migliore della nostra società e di camminare con affianco tutte le altre Forze Armate”.

Al termine della cerimonia, per la prima volta, ha avuto luogo il defilamento degli allievi lungo Viale Italia, a Livorno, per un abbraccio simbolico a tutta la cittadinanza livornese fortemente colpita dall’alluvione del 10 settembre scorso.

Proprio in occasione di quell’evento, per il soccorso alla popolazione gli stessi allievi che sabato hanno giurato erano intervenuti fianco a fianco con i paracadutisti della brigata Folgore, con gli operatori delle altre istituzioni e della Protezione Civile, nonché con i volontari.

Articoli correlati:

Marina, Accademia Navale: sono 203 gli allievi che giurano domani 2 dicembre, stasera la tradizionale “ritirata degli allievi” (1° dicembre 2017)

L’Accademia Navale in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Difesa

Marina, Accademia Navale: sono 203 gli allievi che giurano domani 2 dicembre, stasera la tradizionale “ritirata degli allievi”

Sono 203 i futuri ufficiali della Marina Militare che domani, 2 dicembre, grideranno “lo giuro” alla presenza del Ministro della Difesa, senatrice Roberta Pinotti, ha fatto sapere la Marina Militare con un comunicato stampa del 27 novembre.

Più in dettaglio, come spiega la Forza Armata, domani, “sabato 2 dicembre, alle 10.30, 203 allievi Ufficiali frequentatori dell’Accademia Navale di Livorno giureranno fedeltà alla Repubblica Italiana, alla presenza del Ministro della Difesa Roberta Pinotti, che sarà accompagnata dal Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano e al Capo di Stato Maggiore della Marina, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli”.

Gli allievi Ufficiali – di cui 113 della 1^ Classe del Corso Normale, 86 del 17° Corso a Ferma Prefissata e 4 del 16° Corso Piloti di Complemento, si legge dal comunicato stampa – pronunciando la formula del giuramento confermeranno il loro legame alla Patria, entrando così a far parte ufficialmente della grande famiglia della Marina Militare.

Gli allievi Ufficiali della 1^ classe che giureranno sono gli stessi che hanno lavorato fianco a fianco alle altre Istituzioni per il soccorso alla popolazione livornese colpita dalla tragica esondazione dello scorso 10 settembre a dimostrazione della forte propensione della Marina Militare al servizio della collettività.

“Questo abbraccio virtuale con la cittadinanza – si apprende – verrà sancito quest’anno, per la prima volta, con il defilamento degli allievi Ufficiali lungo il Viale Italia al termine della cerimonia del Giuramento solenne, partendo da Piazza San Jacopo in Acquaviva e rientrando in Accademia attraverso il varco di Barriera Margherita”.

In Accademia Navale vengono formati i futuri dirigenti della Forza Armata che, all’insegna delle tradizioni marinare, al termine dei corsi saranno in grado di assumere incarichi che li porteranno ad affrontare tutte le sfide del futuro al servizio del Paese con competenza e professionalità.

Come da tradizione, stasera, venerdì 1° dicembre, dalle 22:00 alle 22:45 si potrà assistere alla “ritirata degli allievi” giurandi, accompagnati dalla Fanfara dell’Accademia Navale, una sfilata con inizio da Viale Italia fino alla Terrazza Mascagni e che terminerà con il rientro in Accademia Navale.

La cerimonia potrà essere seguita in diretta sulla WebTv della Marina Militare a partire dalle ore 10:30 del 2 dicembre al link: https://www.youtube.com/user/ItalianNavy

Accademia Navale di Livorno (fonte Marina Militare):

L’Accademia Navale di Livorno forma dal 1881 i futuri dirigenti della Marina Militare. Tutti gli Ufficiali frequentano i corsi di addestramento e istruzione, per essere pronti a raccogliere le sfide che la vita professionale riserverà loro.

I percorsi di selezione e di formazione sono impegnativi ed estremamente selettivi, sono necessarie qualità come motivazione, dedizione, spirito di sacrificio, capacità di applicazione, resistenza fisica e mentale.

All’istituto di formazione è assegnato quindi il compito di selezionare, istruire ed educare i giovani Allievi affinché assimilino i più alti valori morali e principi etici della Marina Militare per diventare dei leader capaci di guidare i propri uomini con l’esempio e la professionalità, secondo le più alte tradizioni della Forza Armata.

Gli Hashtag per parlarne:  #MarinaMilitare e  #IlFuturoèilMare

Articoli correlati:

L’Accademia Navale di Livorno in Paola Casoli il Blog

La Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare

Marina: la nave scuola Corsaro II a Palma per la ‘Vela Clasica Mallorca’ con gli aspiranti Guardiamarina in campagna addestrativa

Fino al prossimo 20 agosto, ha fatto sapere la Marina Militare con un comunicato stampa del 16 agosto, la nave scuola a vela Corsaro II della Marina Militare sarà ormeggiata al Club de Mar, nel Porto di Palma De Mallorca, nell’ambito della campagna addestrativa a favore degli Allievi Ufficiali Aspiranti Guardiamarina della 3a classe dell’Accademia Navale di Livorno.

Il Corsaro II è solitamente impiegato in campagne addestrative a favore degli Allievi Ufficiali della Marina Militare, nella sensibilizzazione al rispetto dell’ambiente e all’educazione all’arte marinara.

La nave scuola partecipa inoltre alle regate di vele d’epoca dei Circuiti “Associazione Italiana Vele d’Epoca” (A.I.V.E.) e Internazionali e proprio in questa sosta a Palma de Mallorca il Corsaro II parteciperà alla XXIII edizione della regata “Illes Balears Classics – Vela Clasica Mallorca”.

Per le autorità locali e la cittadinanza sarà possibile incontrare il Comandante e l’equipaggio per visitare l’unità a vela nei giorni della sosta, al termine delle regate, oggi, 18 agosto, e domani, 19.

Il Corsaro II, spiega nel dettaglio il comunicato stampa, è uno yawl progettato da Olin Stephens, uno dei più famosi architetti navali, che, nello studio newyorkese “Sparkman & Stephens”, ha firmato numerosi progetti di barche che hanno partecipato a varie edizioni della Coppa America.

È stata realizzata interamente in legno mogano e teak nei cantieri Costaguta di Genova Voltri nel 1960 ed è la prima delle Unità d’epoca commissionata dalla Marina Militare.

Fonte e foto: Marina Militare

Marina, Scuole di formazione: al via i corsi velici per i giovani tra i 14 e i 17 anni

Da ieri, martedì 4 luglio, presso l’Accademia Navale di Livorno, la Scuola Sottufficiali di La Maddalena e la Scuola Navale Militare Francesco Morosini di Venezia, circa 300 giovani stanno partecipando ai corsi velici estivi organizzati dalla Marina Militare e dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale.

Per i giovani di età compresa tra 14 e 17 anni, si tratta di una occasione unica per poter acquisire le nozioni dell’arte marinaresca, attraverso una formazione teorica e pratica nel settore della vela fornita dagli istruttori della Marina Militare.

“Imparare ad andare in barca a vela – scrive la Marina nel comunicato stampa con cui dà notizia dell’evento – significa imparare i valori di chi va per mare, tipici di una tradizione marinara, che fa parte della cultura del nostro Paese: la leadership, la conoscenza e il rispetto degli elementi atmosferici e della natura, la cura del mezzo navale, lo spirito di sacrificio, il rispetto per il prossimo e in particolare l’importanza del lavoro di squadra, elemento essenziale di un equipaggio”.

“La Marina Militare, che consente ogni anno ai ragazzi di entrare nel mondo “eco-compatibile” della vela – prosegue il comunicato –  si pone al servizio della collettività, poiché il trasferimento della cultura e dell’amore per il mare, oltre a rappresentare un’opportunità di crescita e arricchimento personale, permette a ciascuno di loro di diventare protagonisti anche nella salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente marino”.

Questo il Calendario dei Corsi Velici estivi (fonte Marina):

– dal 4 al 14 luglio e dal 18 al 28 luglio 2017 – Sezione Velica dell’Accademia Navale di Livorno

– dall’ 11 al 21 luglio 2017 – Scuola Navale Militare Francesco Morosini (presso la Sezione Velica del Lido di Venezia)

– dal 4 al 14 luglio e dal 18 al 28 luglio 2017 – Sezione Velica della Scuola Sottufficiali di La Maddalena

Articoli correlati:

La Marina Militare in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare