brigata Pinerolo

Esercito, 31° Carri: il Col Greco cede il comando al Col Serafini

Si è svolta nella Caserma Nacci di Lecce la cerimonia di cambio del Comandante del 31° Reggimento carri tra il Colonnello Cosimo Greco, cedente, e il Colonnello Francesco Antonio Serafini, subentrante.

Ne dà notizia con un comunicato stampa di oggi, 18 ottobre, la Brigata Pinerolo.

Alla cerimonia ha presenziato il Generale di Brigata Giovanni Gagliano, Comandante della Brigata meccanizzata Pinerolo, la Grande Unità dell’Esercito a cui appartiene il reggimento con sede in Lecce. Presenti alla cerimonia, i Medaglieri delle locali sezioni delle Associazioni carristi ospiti per l’occasione e le Autorità civili, militari e religiose viciniori alla sede di Lecce.

Durante il periodo di comando del Col Greco, il Reggimento è stato impegnato nell’ambito dell’operazione Strade Sicure in concorso con le Forze dell’Ordine, in varie zone del territorio nazionale tra i raggruppamenti che operano in Puglia, Lazio e Campania, inoltre, il Reggimento ha fornito unità nell’ambito della Task Force Ippocrate in Libia.

Mentre, nell’ambito del progetto Sistemi Integrati per l’Addestramento Terrestre (SIAT), il Reggimento ha fornito la componente Opposing Forces (OPFOR) per il supporto delle attività addestrative dei reparti impiegati presso il Centro Addestramento Tattico (CAT) di 2° livello di Lecce.

Il Col Greco ha altresì partecipato, in qualità di capo gruppo di lavoro, al “Seminario sulla Manovra” tenutosi presso la Scuola di Cavalleria di Lecce, ricorda il comunicato, al quale hanno partecipato numerose autorità militari.

L’Ufficiale, dopo ver lasciato il comando del 31° Reggimento Carri, assumerà il comando del Reggimento Addestrativo della Scuola di Cavalleria di Lecce.

Il suo successore, Col Francesco Antonio Serafini, proviene invece dalla Direzione Generale per il personale militare, dove ha prestato servizio in qualità di Capo Sezione stato giuridico e avanzamento Ufficiali, conclude il comunicato stampa.

Fonte e foto: Brigata Pinerolo

Brigata Pinerolo: l’82° Fanteria Torino si è addestrato con il nuovo VBM Freccia porta mortaio

Si è conclusa nei giorni scorsi l’esercitazione dell’82° Reggimento fanteria Torino, Unità alle dipendenze della Brigata Pinerolo, svoltasi presso il poligono occasionale di Torre di Nebbia, si apprende da un comunicato stampa di ieri, 17 ottobre, della stessa Brigata.

L’attività addestrativa ha consentito di abilitare il personale della compagnia di Supporto alla Manovra all’impiego del VBM Freccia porta mortaio da 120 mm, si apprende, nonché l’addestramento dei fucilieri all’utilizzo del mortaio medio da 81 mm, implementando così la capacità del personale a operare con i due sistemi d’arma in dotazione.

La recente assegnazione dei VBM Freccia porta mortaio, equipaggiati con sistema d’arma Thomson ad anima rigata da 120 mm, si inquadra nel progetto Forza NEC (Network Enabled Capabilities), spiega la Brigata Pinerolo.

Tale sistema, caratterizzato da grande capacità di mobilità, velocità di dispiegamento, precisione e protezione, incrementa le dotazioni dei mezzi di un reggimento di fanteria media aumentandone in modo significativo le capacità “combat”, sottolinea il comunicato.

Il progetto Forza NEC, congiunto Difesa-Industria, si prefigge lo scopo di abbattere i tempi di comunicazione e di acquisizione delle informazioni nelle operazioni militari per mezzo di nuove tecnologie informatiche capaci di collegare in rete, in maniera diretta e immediata, ogni singolo soldato sul terreno con il centro di Comando e Controllo.

Alla fase conclusiva dell’esercitazione ha partecipato il Comandante della Brigata Meccanizzata Pinerolo Generale di Brigata Giovanni Gagliano che, nel salutare tutto il personale presente, ha espresso parole di apprezzamento per il livello di addestramento raggiunto, la motivazione e le capacità espresse.

L’attività appena conclusa è anche stata propedeutica all’impiego nell’esercitazione “Toro 2019”, che vedrà assetti della Brigata Pinerolo e l’82° Reggimento fanteria Torino al fianco dei colleghi della Brigata Aragon dell’Esercito Spagnolo, sotto TACON (controllo tattico) della Divisione Castillejo, presso il poligono spagnolo di San Gregorio in Saragozza.

L’esercitazione, sulla base di accordi bilaterali e un’intensa attività di cooperazione e di amicizia tra i due Paesi, terminerà con una esercitazione di Gruppo Tattico, con l’impiego di una Task Force pluriarma e Posto comando che opereranno in maniera integrata in uno scenario di tipo warfighting, conclude il comunicato.

Fonte e foto: Brigata Pinerolo

Brigata Pinerolo, cambio comando 7° rgt Bersaglieri: al col Melchionna subentra il col Ventura

Si è svolta nella Caserma Trizio di Altamura, in provincia di Bari, la cerimonia di cambio del Comandante del 7° Reggimento bersaglieri tra il Colonnello Michele Melchionna, cedente, e il Colonnello Giovanni Ventura, subentrante, ha fatto sapere con un comunicato stampa odierno la Brigata Pinerolo.

Alla cerimonia ha presenziato il Generale di Brigata Giovanni Gagliano, Comandante della Brigata meccanizzata Pinerolo, la Grande Unità dell’Esercito a cui appartiene il reggimento con sede in Altamura. Presenti alla cerimonia, i Medaglieri delle locali sezioni delle Associazioni bersaglieri ospiti per l’occasione e le Autorità civili, militari e religiose viciniori alla sede di Altamura.

Durante il periodo di comando del Col Melchionna, il reggimento ha impiegato i suoi assetti in molteplici teatri, quali la Lettonia, nell’operazione Baltic Guardian; la Libia, nell’ambito della Task Force Ippocrate, e Somalia, nell’operazione EUTM (European Union Training Mission). Dal 2008, ricorda inoltre il comunicato stampa, il reggimento partecipa all’operazione Strade Sicure, in concorso con le Forze dell’Ordine, in varie zone del territorio nazionale tra i raggruppamenti che operano in Puglia, Lazio e Campania.

Il Colonnello Melchionna ha guidato la partecipazione del reggimento al 67° Raduno Nazionale Bersaglieri in Matera (MT), dove la Bandiera di Guerra del 7° Reggimento bersaglieri ha sfilato per le vie della cittadina al cospetto di varie autorità civili e militari.

Quale Unità digitalizzata dell’Esercito, numerose sono state le esercitazioni di tipo addestrativo – operativo svolte in cooperazione con altri reparti della Forza Armata, a supporto del progetto Forza NEC (Network Enabled Capabilities) e Soldato Sicuro, ricorda il comunicato.

Il Colonnello Michele Melchionna lascia il comando per assumere un importante incarico allo Stato Maggiore della Difesa in Roma. Il suo successore, Col Giovanni Ventura, proviene invece dal Comando delle Forze Operative Terrestri e Comando Operativo Esercito (COMFOTER COE) in Roma.

Fonte e foto: Brigata Pinerolo

Brigata Pinerolo: il Gen Bruno cede il comando al Gen Gagliano

Si è svolta venerdì 27 settembre, all’interno della caserma Briscese a Bari, sede del Reggimento Logistico della Brigata Pinerolo, alla presenza del Comandante della Divisione Acqui, Generale di Divisione Fabio Polli, e delle massime autorità civili, militari e religiose di Bari e Provincia, la cerimonia di avvicendamento al comando della Brigata Pinerolo tra il Generale di Brigata Francesco Bruno, cedente, e il Generale di Brigata Giovanni Gagliano, subentrante.

Ne ha dato notizia con un comunicato stampa del giorno stesso la Brigata Pinerolo.

Il Generale Bruno lascia il comando della Brigata Pinerolo, unica grande Unità dell’Esercito Italiano già completamente digitalizzata e dotata dell’innovativo automezzo Freccia, al termine di due anni di intensa attività operativa e addestrativa svolta sia in Patria che fuori dal territorio nazionale.

In particolare, durante i due anni di comando, la Grande Unità è stata impiegata in Afghanistan alla guida del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), il Comando NATO con base a Herat che opera per lo sviluppo di un nuovo concetto operativo non più incentrato sulla funzione di combattimento ma basato essenzialmente sul supporto e sull’addestramento delle Forze Armate afgane.

Nel corso dei sei mesi di missione, ricorda il comunicato, i militari della Pinerolo hanno condotto numerose attività di addestramento, assistenza e consulenza a favore dei colleghi delle forze di sicurezza afgane, ottenendo importanti risultati e riconoscimenti anche in ambito internazionale.

Contestualmente la Brigata Pinerolo ha inviato proprie unità in altri teatri operativi quali Iraq, Lettonia, Libano, Libia e Somalia e ha proseguito l’implementazione del programma di digitalizzazione di Forza Armata che vede la Grande Unità elementare dell’Esercito quale prima Brigata ad aderire e sviluppare sul campo il concetto di Forza NEC, acronimo di Network Enabled Capabilities, un ambizioso e innovativo progetto che costituisce la punta di diamante dell’intero programma di modernizzazione della componente terrestre della Difesa.

Sul territorio nazionale, la Brigata Pinerolo ha continuato a partecipare all’operazione Strade Sicure operando al fianco delle Forze dell’ordine per incrementare il livello di sicurezza, contrastare la criminalità organizzata e prevenire i reati ambientali.

Inoltre, prosegue il comunicato, la sua componente Genio ha proseguito nelle attività di bonifica di residuati bellici risalenti alla Seconda Guerra Mondiale nell’area di competenza del Basso Adriatico comprendente la Puglia, la Basilicata, il Molise e l’Abruzzo.

“Intenso e costante è stato l’addestramento del personale della Pinerolo finalizzato a garantire la piena capacità operativa e il pronto all’impiego nei tempi e nei luoghi in cui l’Autorità di Governo decida di inviare l’Esercito”, specifica la stessa Brigata.

Il Generale di Divisione Fabio Polli, Comandante della Divisione Acqui, ha riconosciuto nel suo intervento gli eccellenti risultati conseguiti dall’Unità sotto la guida del Generale Bruno, sottolineando “l’importanza dell’addestramento dei singoli, delle unità fin dai minimi livelli e dei loro Comandanti, componenti che unite alla motivazione e al senso di appartenenza permettono di distinguersi nell’assolvimento dei sempre più eterogenei compiti assegnati”.

Il Generale Bruno lascia il comando per ricoprire un prestigioso incarico presso gli organi centrali in Roma. Il Generale Gagliano proviene dal Regno Unito, dove ha svolto un importante incarico in contesto multinazionale.

Fonte e foto: Brigata Pinerolo

Il COMLOG Gen Figliuolo ha visitato alcuni reparti della Brigata Pinerolo

ll Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha visitato il 25 settembre scorso alcuni reparti della Brigata meccanizzata Pinerolo, ha fatto sapere con un comunicato stampa la stessa brigata.

Il Generale Figliuolo, accompagnato dal Comandante dei Trasporti e Materiali dell’Esercito, Maggior Generale Arnaldo Della Sala, è stato accolto presso l’82° Reggimento Fanteria Torino dal Comandante della Pinerolo, Generale di Brigata Francesco Bruno.

L’82° Reggimento, che ha la sua sede a Barletta, è stato il primo reparto in Italia a essere alimentato con il Veicolo Blindato Medio a 8 ruote motrici Freccia, “interamente digitalizzato e dotato di apparati che gli permettono di essere il fulcro delle connessioni tra soldati, piattaforme robotiche aero-terrestri e sistemi di comando e controllo”, si legge in dettaglio dal comunicato stampa.

Successivamente, il Comandante Logistico si è recato ad Altamura al 7° Reggimento Bersaglieri.

Presso i reggimenti, l’Alto Ufficiale ha ricevuto un aggiornamento sugli aspetti di carattere logistico direttamente correlati alle principali attività operative e addestrative che vedono e vedranno intensamente impegnati i reparti, si apprende.

Questo nell’ottica di un rafforzamento della sinergia di tutti gli attori coinvolti nelle delicate fasi del supporto logistico ai veicoli (acquisto di ricambistica, lavorazioni all’interno dei Poli di mantenimento, squadre a contatto presso i reggimenti, formazione del personale e supporto logistico dell’industria).

Nel corso della visita, il Generale Figliuolo ha sottolineato come il Comando Logistico abbia rivolto un’attenzione particolare sul potenziamento degli Enti dipendenti del sostegno generale che, per expertise e vicinanza anche areale alla Pinerolo, garantiranno il supporto manutentivo.

Al termine dell’attività, il Comandante Logistico ha avuto modo di salutare il personale militare e civile degli enti visitati complimentandosi per il lavoro svolto.

Fonte e foto: Brigata Pinerolo

CME Puglia: alla 83^ Fiera del Levante le realtà operative dell’Esercito

“Uno stand pieno di novità quello che l’Esercito ha allestito in occasione della 83^ Edizione della Fiera del Levante, che ha visto avvicendarsi, nei nove giorni di esposizione, oltre 220.000 visitatori”, scrive il Comando Militare Esercito (CME) Puglia in un comunicato stampa del 23 settembre.

Lo stand coordinato dal CME Puglia ha visto la partecipazione della Brigata Pinerolo, con lo schieramento degli assetti di Soldato Futuro e di mezzi in mostra statica e il Comando dei Supporti Logistici che ha integrato il personale appartenente agli Infoteam.

Circa 2.400 visitatori, tra adulti e bambini, si sono cimentati in piena sicurezza sia nell’arrampicata sportiva di una parete di roccia di circa 8 metri allestita dalla Brigata Alpina Taurinense, sia nel percorso di Military Fitness, circuito ginnico tratto dall’addestramento militare, sotto la guida degli istruttori della Brigata Paracadutisti Folgore.

Novità assoluta della 83^ Edizione la presenza dell’Ufficio Simulazione e Tecnologia per l’Addestramento, grazie al quale i visitatori hanno potuto cimentarsi nella guida virtuale di veicoli tattici e la partecipazione di “Rivista Militare” periodico trimestrale dell’Esercito Italiano di informazione e aggiornamento culturale sui temi della Difesa.

Tra i numerosi visitatori degli stand dell’Esercito anche autorità nazionali e locali, che hanno espresso parole di stima e di ringraziamento per l’attività che l’Esercito svolge a tutto campo, apprezzando sia i materiali in mostra statica che la parte interattiva dedicata alla simulazione e allo sport.

Grande soddisfazione per la riuscita dell’evento, è stata espressa dal Generale di Brigata Giorgio Rainò, Comandante Militare Territoriale dell’Esercito in Puglia, che ha evidenziato come il numero di visitatori presso lo stand ci faccia comprendere come l’Esercito è percepito dalla popolazione: un’organizzazione versatile e interoperabile, in grado di intervenire a tutto campo, dalle operazioni “ad alta intensità” a quelle di stabilizzazione sino ai concorsi a supporto della collettività nazionale.

Lo stand realizzato dal CME Puglia nella Fiera del Levante ha rappresentato un’occasione per fornire al visitatore una visione delle varie realtà operative dell’Esercito dislocate nelle diverse aree geografiche della penisola.

Fonte e foto: CME Puglia

 

Esercito, 82° rgt Fanteria Torino: cerimonia di cambio comando tra il col Morganella e il col Iervolino

“Si è svolta nella Caserma Ruggiero Stella di Barletta la cerimonia di cambio del Comandante dell’82° Reggimento Fanteria Torino tra il Colonnello Antonio Morganella, cedente, e il Colonnello Sandro Iervolino, subentrante”, si apprende da un comunicato stampa del 13 settembre dello stesso Reggimento.

Alla cerimonia ha presenziato il Generale di Brigata Francesco Bruno, Comandante della Brigata meccanizzata Pinerolo, la Grande Unità dell’Esercito a cui appartiene il reggimento con sede in Barletta, alla presenza del Gonfalone del Comune di Barletta, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare, dei Medaglieri e dei Labari delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma e di tutte le Autorità civili, militari e religiose della provincia barlettana.

Durante il periodo di comando del Col.Morganella, ricorda il comunicato, il reggimento ha impiegato, dal luglio al dicembre del 2018, in Iraq il 1° Battaglione con la Task Force Praesidium nell’Operazione Inherent Resolve Prima Parthica a difesa della Diga di Mosul e, sempre nell’ambito dell’operazione Prima Parthica, ha anche fornito l’ETT (Expeditionary Training Team) all’interno della Task Force Spartan e l’MTT (Mobile Training Team) con compiti di training a favore delle Forze di Sicurezza locali, oltre ad altri assetti nel Battaglione Servizi del’IT-NCC LAND (Italian National Contingent Command Land).

Il reggimento dal 2014 partecipa all’operazione Strade Sicure, in concorso con le forze dell’ordine, in varie zone del territorio nazionale tra i raggruppamenti che operano in Puglia, Lazio e Campania.

Quale prima Unità digitalizzata dell’Esercito, numerose sono state le esercitazioni di tipo addestrativo-operativo svolte in cooperazione con altri reparti della Forza Armata, a supporto del progetto Forza NEC (Network Enabled Capabilities) e Soldato Sicuro.

Inoltre, ricorda il comunicato, sono state numerose le attività a sfondo benefico-culturale che hanno contribuito a rafforzare la sinergia tra l’Esercito e la cittadinanza, consentendo all’82° Reggimento Fanteria Torino di ricevere la Cittadinanza Onoraria dal Comune di Barletta.

Il Col.Antonio Morganella lascia il comando per assumere un importante incarico al Comando Operativo Esercito in Roma. Il Col.Sandro Iervolino proviene dallo Stato Maggiore della Difesa, conclude il comunicato.

Fonte e foto: 82° Reggimento Fanteria Torino

CME Puglia: l’Esercito alla 83^ Edizione della Fiera del Levante con il simulatore VTLM Lince

“Anche quest’anno, come oramai di consuetudine, l’Esercito parteciperà, dal 14 al 22 settembre, alla 83^ edizione della Fiera del Levante, che è uno degli eventi espositivi più importanti del centro sud Italia”, fa sapere il Comando Militare Esercito (CME) Puglia con un comunicato stampa odierno.

Lo stand della Forza Armata, che sarà allestito in via Venezia (in prossimità del fontanone centrale) e nel padiglione 173, avrà come tema conduttore l’evoluzione tecnologica dei mezzi e dei materiali in dotazione all’Esercito e l’uso dei simulatori, sempre più diffuso nell’ambito addestrativo, al fine di ridurre l’impatto ambientale.

In particolare, lo stand, organizzato dal CME Puglia, ospiterà alcuni mezzi ed equipaggiamenti in dotazione alla Brigata Pinerolo e al Comando dei Supporti Logistici, tra cui il veicolo blindato medio Freccia, l’obice di artiglieria FH-70, il robot di ricognizione, droni e l’equipaggiamento del “Soldato futuro”, già in dotazione agli uomini della Brigata pugliese.

Tra gli assetti schierati ci saranno due novità assolute in Puglia, assicura il comunicato: il simulatore di guida per il VTLM Lince – grazie al quale il visitatore potrà entrare materialmente nel mezzo per guidarlo virtualmente in area operativa – e la presenza di Rivista Militare, periodico nato nel 1856 ed edito dall’Esercito dedicato a diffondere i temi della difesa e della sicurezza, in tutte le varie sfaccettature, da quelle storiche a quelle tecnico professionali.

Lo stand sarà basato essenzialmente sull’interazione con il pubblico, spiega il CME Puglia, infatti l’area espositiva si aprirà con le attività dinamiche poste in essere dalla Brigata Paracadutisti Folgore e dalla Brigata Alpina Taurinense.

I visitatori potranno scalare una parete artificiale di roccia con l’aiuto di istruttori alpini, ovvero confrontarsi con il percorso di Military Fitness con i Paracadutisti della Folgore.

Per l’occasione, il Generale di Brigata Giorgio Rainò, Comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, ha evidenziato come quest’anno l’allestimento sia stato ulteriormente arricchito di nuovi assetti, ponendo l’accento sulla cultura e sull’attenzione verso l’ambiente e restando sempre “di più insieme” grazie ai dispositivi interattivi.

“Un modo di vivere qualche bel momento in compagnia dell’Esercito inserito nella campionaria barese”, conclude il comunicato.

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: attività podistica sul litorale in sinergia con il COMFOTER SPT

Il Comando Militare Esercito (CME) Puglia è impegnato, in stretta sinergia con il Comando Forze Operative Terrestri di Supporto (COMFOTER SPT) e con la Brigata Pinerolo, in un’attività podistica non competitiva, aperta a tutti, con lo scopo di consolidare i rapporti tra la cittadinanza e l’Esercito e promuovere lo sport in tutte le sue sfaccettature, ha fatto sapere con un comunicato stampa di ieri, 5 settembre, lo stesso CME Puglia.

Alla corsa, che si svolge anche grazie all’Ufficio Grandi Eventi del Comune di Bari, partecipano, oltre ai militari del presidio, cittadini e associazioni combattentistiche e d’arma, con la presenza dell’Associazione Nazionale Bersaglieri, della ASD “Fiamme Cremisi” e del Campus X Sporting.

L’attività podistica, che si svolge per la prima volta in contemporanea in 27 città da Bolzano a Palermo, sedi di Reparti del COMFOTER SPT, registra la partecipazione di circa 10.000 persone tra militari e civili.

Il Generale di Brigata Giorgio Rainò, Comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, ha evidenziato che “per la Forza Armata lo sport rappresenta una componente essenziale, in quanto indispensabile sia per il mantenimento dell’efficienza operativa sia al benessere psicofisico dell’individuo”. 

L’evento caratterizza una giornata che ha messo al centro lo sport, “sia per terra che per mare”, si legge dal comunicato che richiama il contemporaneo evento velistico organizzato dal Circolo della Vela di Bari su delega della FIV (Federazione Italiana Vela): sul litorale che va da “Pane e Pomodoro” a “Torre Quetta”, infatti, circa 400 tra militari e cittadini hanno sullo sfondo le vele partecipanti al Campionato Italiano Giovanile di Vela in doppio.

La Banda della Brigata Pinerolo si esibirà sulla spiaggia di Pane e Pomodoro eseguendo brani della tradizione militare e pop.

Articolo correlato:

MNCG: la Multinational Run del COMFOTER SPT a Motta di Livenza con il CIMIC (3 settembre 2019)

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: 1.000 screening sanitari a Bari con l’evento “#Salute – Prevenzione in piazza”

“Grande successo di pubblico per la 4^ tappa della manifestazione “#Salute” che dopo Pescara, Roma e Napoli è approdata nella città di Bari, dove nella centralissima Piazza Libertà è stato allestito il Villaggio della salute”, scrive il Comando Militare Esercito (CME) Puglia in un comunicato stampa del 21 luglio.

La manifestazione, che ha come scopo quello di promuovere la cultura della prevenzione sanitaria, ha consentito a oltre 1.000 visitatori di fruire di screening sanitari gratuiti, ciò grazie all’ausilio dei 20 ambulatori specialistici aperti al pubblico fino alle ore 23 di sabato e domenica, spiega il CME Puglia.

Tra i patrocinanti l’evento anche l’Esercito Italiano, che per l’occasione ha allestito una mostra statica di mezzi e materiali e un infopoint costituito da personale specializzato in grado di illustrare i compiti, le funzioni e le varie prospettive di carriera offerte dalla Forza Armata.

L’attività dell’Esercito svolta dal CME Puglia in stretta collaborazione con la Brigata Meccanizzata Pinerolo ha visto alternarsi al desk informativo oltre 300 giovani desiderosi di conoscere meglio e più da vicino l’Esercito e i suoi uomini e donne.

Special guest dell’evento un M400 e un M300 (autogru in dotazione al Reggimento Logistico Pinerolo) che sostenevano una bandiera tricolore.

Soddisfazione per la riuscita dell’evento è stata espressa dal Generale Giorgio Rainò, Comandante del CME Puglia, che ha fortemente apprezzato la sinergia instaurata tra le varie Istituzioni, gli enti e le associazioni sottolineando che “…il fare rete è il modo vincente per affrontare qualunque tipo di sfida”.

“L’Esercito con la partecipazione al Villaggio della Salute consolida l’impegno a favore del sociale restando aderente al motto: “Noi ci siamo sempre – e di più insieme” anche a #Salute”, conclude il comunicato.

Fonte e foto: CME Puglia