Guardia di Finanza

CME Abruzzo: messa di preparazione per il Santo Natale per le Forze Armate e le Forze di Polizia a ordinamento civile e militare

Oggi, 9 dicembre, all’Aquila, nell’auditorium della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza, è stata celebrata la Messa di preparazione al Santo Natale per tutto il personale delle Forze Armate, e delle Forze di Polizia a ordinamento civile e militare, ha fatto sapere con un comunicato stampa il Comando Militare Esercito (CME) Abruzzo. 

La solenne Celebrazione Eucaristica, officiata dall’Arcivescovo Metropolita dell’Aquila, S. Em. Card. Giuseppe Petrocchi, si è conclusa con una breve allocuzione del Comandante Militare dell’Esercito per l’Abruzzo, Colonello Marco Iovinelli, nella sua veste di Comandante del Presidio Militare per l’Abruzzo.

Tra le più alte autorità civili e militari erano presenti alla cerimonia il Prefetto dell’Aquila, Dott. Giuseppe Linardi, il Prefetto di Teramo, Dott.ssa Graziella Patrizi, il Procuratore Generale della Repubblica presso Corte d’Appello, Dott. Pietro Minnini, il Comandante della Legione Carabinieri Abruzzo e Molise, Gen. B. Carlo Cerrina, il Comandante Regionale della Guardia di Finanza, Gen. B. Gianluigi D’Alfonso, il Comandante Regionale Carabinieri Forestali Abruzzo e Molise, Gen. B. Giampiero Costantini, il Questore dell’Aquila, Dott. Orazio D’Anna, e il Vicesindaco della città dell’Aquila, Dott. Raffaele Daniele.

Fonte e foto: CME Abruzzo

La Pinerolo e il CME Puglia visitati dal SSSD Angelo Tofalo, che il 4 novembre tornerà a Bari

Il Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD) Angelo Tofalo è a Bari per una due giorni di visite ai reparti e ai comandi della Difesa, si è appreso da un comunicato stampa di ieri, 28 ottobre, della Brigata Pinerolo.

Il giro di incontri è iniziato ieri mattina, 28 ottobre, al Comando Scuole dell’Aeronautica Militare e Terza Regione Aerea, dove il Generale di Squadra Aerea Aurelio Colagrande ha illustrato al Sottosegretario i principali compiti legati alla selezione, al reclutamento, all’addestramento e alla formazione militare, professionale e culturale del personale dell’Aeronautica Militare.

Questo, si legge dal comunicato, è uno dei tre Comandi di Vertice dell’Aeronautica Militare che dipendono dal Capo di Stato Maggiore. Quello di rango più alto nella regione Puglia, preposto pertanto ad assicurare le funzioni territoriali e di collegamento con gli Enti e le Amministrazioni Territoriali.

A seguire, il Sottosegretario Tofalo ha incontrato le donne e gli uomini della Brigata Pinerolo, “eccellente realtà operativa dell’Esercito Italiano”, nonché prima e unica Unità dell’Esercito che già risponde ai requisiti di Forza NEC (Network Enabled Capabilities), sottolinea il comunicato stampa.

Con il Comandante, Generale di Brigata Giovanni Gagliano, il Sottosegretario ha approfondito le principali attività operative e addestrative in corso e quelle future.

La brigata Pinerolo è una presenza importante nella regione con circa 4.900 militari e strutture distribuite in tutta la Puglia. Tre delle caserme, specifica la Brigata, sono state incluse nel programma “Caserme Verdi”.

Per il Sottosegretario di tratta di “una grande Unità impegnata a 360 gradi nella difesa dello Stato, degli spazi euroatlantici ed euromediterranei; fiore all’occhiello dell’Esercito, con 197 anni di storia e una forte connotazione tecnologica, sottolineando poi che “investire in equipaggiamenti e mezzi tattici vuol dire, soprattutto, garantire la sicurezza, e in molti casi salvare la vita, dei nostri ragazzi impegnati sul territorio nazionale e nelle missioni internazionali, per la sicurezza collettiva”.

Il sottosegretario Tofalo ha poi assistito a un esercizio tattico sulle caratteristiche operative della Forza NEC che accrescono le capacità dell’Esercito: questo progetto interforze congiunto Difesa e Industria, spiega il comunicato, punta ad abbattere i tempi di comunicazione e di acquisizione delle informazioni nelle operazioni militari grazie a nuove tecnologie informatiche, tra le quali il programma Soldato Sicuro.

“Ho voluto fortemente ringraziare e salutare tutto il personale e complimentarmi per il livello di addestramento e i traguardi raggiunti. Sono tanti gli impegni che portano avanti, in Italia e all’estero, e riescono a farlo grazie a una grande motivazione e tanto spirito di sacrificio”, ha detto Tofalo rivolgendosi al personale.

Un’altra realtà importante sul territorio è il Comando Militare Esercito (CME) Puglia, diretto dal Generale di Brigata Giorgio Rainò.

Nel corso degli anni questo Ente si è trasformato per essere sempre più aderente alle esigenze del comparto Difesa in continua evoluzione.

Oggi, grazie alle sue strutture dislocate sul territorio e per le attività svolte dal personale militare e civile, ha evidenziato il Sottosegretario, “rappresenta il più importante elemento di coesione tra popolazione civile e Forze Armate. Infatti, è l’interfaccia esclusiva dell’Esercito sul territorio pugliese”.

Inoltre, l’Ente dell’Esercito assiste le famiglie dei militari caduti in servizio o colpiti da gravi infortuni e malattie: in Puglia sono complessivamente 110, si apprende. “Questo è un servizio fondamentale, per far sentire la vicinanza delle istituzioni ai familiari. Stiamo parlando di un importante punto di riferimento per tutta la popolazione, ha detto il Sottosegretario Tofalo.

Altri aspetti primari, a cura del Comando, sono la promozione dei reclutamenti e il sostegno alla ricollocazione professionale: i militari che hanno terminato il servizio nelle Forze Armate possono aderire al progetto Sbocchi Occupazionali (link articoli), che oggi vede iscritti oltre 5.307 ex VFP1 e VFP4. Si tratta di una banca dati messa a disposizione delle aziende private locali che possono consultarla per ricercare determinate figure professionali.

Nel pomeriggio, il Sottosegretario Tofalo ha fatto visita alla Legione Carabinieri Puglia, che ha alle dipendenze i Comandi Provinciali Carabinieri di Bari, Foggia, Taranto, Brindisi e Lecce. A ricevere il Sottosegretario, il Comandante, Generale di Brigata Alfonso Manzo.

“Al termine di questa intensa giornata – ha dichiarato il Sottosegretario Tofalo – ho approfondito la conoscenza di assetti pregiati della Difesa che, sebbene diversi tra loro per attività svolte e competenze, lavorano in sinergia e sanno ‘fare sistema’ per il bene dei cittadini!”

Nella giornata di oggi, si apprende, il Sottosegretario Tofalo rappresenterà il Governo alla “Prima Giornata Nazionale della lotta alla contraffazione”, organizzata dal Consiglio Nazionale per la Lotta alla Contraffazione e all’Italia Sounding, di cui è membro. Un evento che si terrà nella Legione Allievi Finanzieri della Guardia di Finanza e vedrà protagonisti gli studenti delle scuole di secondo grado.

Il Sottosegretario Tofalo sarà a Bari il 4 novembre prossimo, con il Presidente della Camera, per la celebrazione del “Giorno dell’Unità Nazionale e Giornata delle Forze Armate”, conclude il comunicato.

Fonte e foto: Brigata Pinerolo

COMLOG Esercito: il Comandante logistico Gen Figliuolo in Sicilia per una due giorni di visite istituzionali

Il Comandante Logistico dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Francesco Paolo Figliuolo, ha concluso nei giorni scorsi due giornate di visite istituzionali in Sicilia, fa sapere con una nota stampa il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito.

Il primo giorno si è recato a Palermo dove, oltre a incontrare le autorità militari dell’isola, tra cui il Generale di Corpo d’Armata Carmine Lopez, Comandante interregionale Italia Sud-occidentale della Guardia di Finanza, ha avuto un colloquio con il Sindaco Leoluca Orlando.

Successivamente il Generale Figliuolo si è recato presso il Centro Rifornimenti di Commissariato (CERICO), dove è stato ricevuto dal Direttore, Colonnello Roberto Vadalà. Il CERICO è un ente logistico che si occupa di assicurare, per tutte le unità dell’Esercito presenti in Sicilia, il rifornimento del vestiario, dell’equipaggiamento e del casermaggio, nonché il mantenimento dei mezzi mobili campali.

L’attività di visita è proseguita presso la Sezione Rifornimenti e Mantenimento (SERIMANT), dove l’Alto Ufficiale è stato accolto dal Direttore, Colonnello Francesco Velardi. L’Ente si occupa di mantenimento, rifornimenti e alienazione di mezzi e materiali dei reparti presenti in Sicilia e Calabria ma anche di unità dislocate all’estero. Gestisce, inoltre, le armi e munizioni costituenti “ex corpi di reato” e la loro distruzione.

Il Comandante Logistico ha poi visitato il dipendente Deposito munizioni di Scalilli, dove è stato ricevuto dal Vicedirettore della SERIMANT, Tenente Colonnello Emanuele Modica, e dal Consegnatario dell’Ente, Luogotenente Vincenzo Pamelia.

Il secondo giorno il Comandante Logistico si è recato a Messina in visita al Dipartimento Militare di Medicina Legale (DMML) dove è stato accolto dal Direttore, Colonnello Francesco Rizzo.

Il Dipartimento svolge varie attività, dalla sorveglianza sanitaria pre e post impiego del personale nei teatri operativi alle attività medico-legali per l’idoneità al servizio e il riconoscimento da causa di servizio, dalla consulenza specialistica e diagnostica al rifornimento dei materiali sanitari per gli enti dislocati in Sicilia e Calabria. Compiti che vengono svolti non solo a favore del personale della Difesa ma anche a favore del personale di altre importanti amministrazioni pubbliche, come ad esempio la Guardia di Finanza, la Polizia di Stato e i Vigili del Fuoco.

A ulteriore testimonianza dell’integrazione del DMML con le altre istituzioni, rende noto il COMLOG, le parole di elogio ricevute sull’Ente da parte del Generale di Corpo d’Armata Luigi Robusto, Comandante interregionale dei Carabinieri.

“In tutte le visite agli Enti dipendenti – conclude la nota del COMLOG – il Comandante Logistico ha assistito ai briefing sui compiti istituzionali, sui risultati conseguiti nelle precipue e molteplici attività e sugli obiettivi futuri; ha visitato le infrastrutture e ha incontrato il personale, militare e civile, rivolgendogli parole di ringraziamento e plauso per l’impegno, la dedizione professionale e la passione finora mostrati da tutto il personale militare e civile”.

Fonte e foto: COMLOG Esercito

Scuola Sottufficiali: inaugurata la mostra Storming the Skies, gli allievi marescialli del XX Certezza e XXI Esempio in visita

Il 4 aprile 2019, presso l’Auditorium del Comune di Vitorchiano (Viterbo), il Generale di Brigata Pietro Addis, Comandante della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, e il Sindaco Ruggero Grassotti hanno inaugurato la mostra fotografica dal titolo “Storming the skies”, realizzata dal Comune di Vittorio Veneto nell’ambito delle commemorazioni relative al centenario della Grande Guerra.

Lo ha reso noto con un comunicato stampa di ieri, 4 aprile, la Scuola Sottufficiali dell’Esercito.

La cerimonia si è svolta alla presenza delle locali autorità civili e militari, delle rappresentanze del Comando Aviazione dell’Esercito (AVES), della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, dell’AVIS Comunale di Viterbo e della cittadinanza.

Composta di immagini, per la maggior parte provenienti dal Fondo Luigi Marzocchi del Museo della Battaglia di Vittorio Veneto, e in parte fornite dall’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito, la mostra approfondisce alcuni aspetti peculiari del fronte italiano, come la guerra in alta montagna e quella in laguna, con una sezione dedicata all’impiego degli animali e una relativa all’intervento del contingente inglese in Italia.

L’esposizione è stata arricchita con cimeli e testi sulla Grande Guerra messi a disposizione dalla Biblioteca Militare di Presidio della Scuola Sottufficiali dell’Esercito.

Gli Allievi Marescialli del XX corso Certezza e del XXI corso Esempio, accompagnati dal Direttore della Biblioteca Militare di Presidio, hanno avuto modo di visitare la mostra presso la Caserma Soccorso Saloni, sede dell’istituto di formazione militare viterbese, mostrando interesse e ponendo particolare attenzione agli approfondimenti proposti nelle diverse sezioni.

“Lo studio della storia militare è una costante fondamentale nel percorso formativo degli Allievi Marescialli finalizzato alla creazione di Junior Leader sempre più capaci e preparati”, ricorda il comunicato.

La mostra sarà aperta al pubblico tutti i giorni, dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19, fino al 12 aprile 2019.

Fonte e foto: Scuola Sottufficiali dell’Esercito

Divisione Friuli: al Careggi il personale sanitario militare conclude il primo evento formativo

Con la consegna dei relativi attestati di partecipazione si è concluso il primo percorso formativo nei settori dell’emergenza e urgenza per medici e infermieri militari, fa sapere con un comunicato stampa odierno la Divisione Friuli.

L’evento ha avuto luogo nel corso di una breve e significativa cerimonia presso la Caserma Predieri, a Firenze, culminata con l’alzabandiera solenne alla presenza del Comandante della Divisione Friuli, Generale di Divisione Carlo Lamanna, e del Direttore del Dipartimento di Medicina e Chirurgia d’Urgenza dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Careggi, dott Stefano Grifoni.

L’evento formativo, articolato in numerosi periodi di attività di “training on the job” presso il maggiore Pronto Soccorso dell’area fiorentina, è inserito nell’accordo siglato il 15 maggio 2018 tra alcuni comandi militari della zona e l’Azienda ospedaliero – universitaria e ha visto impegnati, in affiancamento al personale del Careggi quotidianamente a disposizione dei cittadini che si rivolgono alla struttura per le più svariate casistiche di emergenza sanitaria, 3 medici e 9 infermieri provenienti da Esercito, Aeronautica Militare, Carabinieri e Guardia di Finanza.

Il gen Lamanna, Comandante della Divisione Friuli, ha rivolto un indirizzo di saluto al personale sanitario civile e militare e agli invitati presenti alla cerimonia, sottolineando “l’importanza di questo progetto di collaborazione e di sinergia tra importanti realtà istituzionali della città di Firenze”.

Soddisfazione anche da parte dell’Azienda, rappresentata dal dott Grifoni, che al termine della cerimonia ha ribadito come “la preziosa collaborazione con il personale sanitario militare, in questo percosso formativo, abbia dato inizio a una crescita comune delle professionalità grazie alla condivisione di competenze professionali e personali che hanno arricchito tutti i partecipanti con importanti risultati per i nostri pazienti civili e militari. Grazie alla sensibilità e lungimiranza dei vertici militari e della Direzione di Careggi è stato possibile avviare un’esperienza formativa in grado di affermarsi come modello di riferimento in ambito assistenziale”.

Fonte e foto: PI Comando Divisione Friuli

Il SSSD on Tofalo augura buon lavoro ai neodirettori dei servizi segreti italiani

Questo il messaggio del Sottosegretario di Stato alla Difesa (SSSD), on Angelo Tofalo, ai neodirettori dei servizi segreti italiani:

“Buon lavoro ai nuovi Direttori dei Servizi Segreti italiani. Buon lavoro al neodirettore generale del Dipartimento delle Informazione per la Sicurezza (DIS), Gennaro Vecchione, uomo delle Istituzioni, Generale di altissimo livello e provata esperienza in ambito operativo e della formazione. Buon lavoro al Generale Luciano Carta, che assumerà la direzione dell’Agenzia Informazioni e Sicurezza Esterna (AISE): militare di rare doti umane e di comando, grande esperto di intelligence e già comandante di reparti speciali. Era dai tempi di Martini, Pollari e Siracusa che non spiccavano profili di così alto spessore, capacità e serietà. Un sentito ringraziamento ai Direttori uscenti, il Prefetto Alessandro Pansa e il Dottor Alberto Manenti, per il lavoro svolto al servizio delle Istituzioni e buona continuazione al Generale Mario Parente, riconfermato dal Governo alla direzione dell’AISI, l’Agenzia Informazioni e Sicurezza Interna. Con il cambiamento di oggi si apre una nuova pagina per il comparto Intelligence italiano. Viva l’Italia”.

Fonte: Capitano Massimiliano Rizzo Addetto alla Comunicazione del Sottosegretario di Stato alla Difesa On. Angelo Tofalo

Foto: @AngeloTofalo

CME Abruzzo: 4 novembre, il programma delle celebrazioni

“Il 4 novembre 1918, con l’entrata delle truppe italiane vittoriose a Trento e Trieste, dopo quasi tre anni e mezzo di battaglie, aveva termine la Grande Guerra, che segnò il raggiungimento della completa unità nazionale”, ricorda il comunicato stampa del Comando Militare Esercito (CME) Abruzzo.

Cinque milioni di uomini appartenenti a tutte le classi sociali furono chiamati alle armi e combatterono gomito a gomito vivendo sofferenze ai limiti dell’umana sopportazione”.

In questa giornata, s’intende ricordare tutti coloro che hanno sacrificato il bene supremo della vita per un ideale di Paese e di Patria e per l’attaccamento al dovere: valori, sottolinea il CME Abruzzo, immutati nel tempo per i militari di allora come per quelli di oggi.

Come tradizione, anche quest’anno, in occasione del 4 novembre, si svolgeranno in Abruzzo una serie d’iniziative per consolidare l’incontro tra i cittadini e le istituzioni militari e civili dello Stato.

A L’Aquila il programma della giornata prevede:

– alle 9.45, presso la Chiesa di Cristo Re, in via Crispi, S.E. Card. Giuseppe Petrocchi celebrerà la Santa Messa in suffragio dei Caduti in servizio e per la Patria.

– alle 11.00, cerimonia di commemorazione presso il Monumento ai Caduti, alla Villa Comunale, con deposizione di una corona d’alloro da parte del Prefetto di L’Aquila, Dottor Giuseppe Linardi, e resa degli onori da parte di un picchetto armato interforze (Esercito, Marina Militare, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Polizia Penitenziaria e Vigili del Fuoco). A seguire, il Gen. B. Giuseppe Di Giovanni, Comandante Regionale dell’Esercito, consegnerà una Bandiera Nazionale ai rappresentanti dell’Istituto d’Istruzione Superiore “D. Cotugno”, al fine di rafforzare, anche nelle giovani generazioni, i sentimenti di unità, identità e appartenenza alla Nazione.

Infine, nel contesto dell’iniziativa “Caserme Aperte”, dalle 9.00 alle 17.00, la cittadinanza potrà accedere alla:

Caserma “Pasquali”, in Strada Statale 80 n.1, sede del 9° reggimento Alpini, ove sarà possibile visitare il Museo Storico del Reggimento e una mostra statica di mezzi/materiali in dotazione, tra cui quelli del Battaglione “Vicenza”, unità multifunzione di recente costituzione che, nell’ambito dell’impiego duale della Forza Armata in occasione di pubbliche calamità, opera seguendo l’imperativo “di più insieme”, in sinergia con le altre istituzioni e dimostrandosi una risorsa pronta e flessibile per la sicurezza dei cittadini;

Caserma “Mar. Magg. Medaglia d’Oro al Valor Militare Vincenzo Giudice” sede della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza, sita in via delle Fiamme Gialle n. 20- Coppito (AQ).

Caserma sede del Comando Provinciale Carabinieri di L’Aquila, in via del Beato Cesidio n. 4.

Fonte: CME Abruzzo

Foto: difesa.it

CaSTA 2018: conclusa la 70^ edizione dei Campionati sciistici delle Truppe Alpine

“Una kermesse di addestramento e sport” dai numeri significativi: 40 km di movimento scialpinistico, oltre 2.000 metri di dislivello in 3 giorni, 1.500 militari in gara, 11 nazioni partecipanti, decine di gare disputate, migliaia di ore passate a sfidarsi e a esercitarsi sulle nevi del Piemonte.

Questi i Campionati sciistici delle Truppe Alpine (CaSTA) che il 10 marzo, alla presenza del Ministro della Difesa, senatrice Roberta Pinotti, e del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito (CaSME), gen Salvatore Farina, si sono conclusi al Sestriere, fa sapere con un comunicato stampa il Comando Truppe Alpine (COMALP).

Il soccorso in ambiente montano è stato il cardine della 70^ edizione della manifestazione, che ha visto la partecipazione del Ministro anche all’esercitazione mattutina in cui hanno operato in sinergia diversi corpi dello Stato, squadre di soccorso militare dell’Esercito, squadre di soccorso del Corpo Nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico, Guardia di Finanza e unità cinofile e personale dei Carabinieri.

“Professionalità diverse e integrabili per assicurare capacità d’intervento tempestivo in caso di emergenza. Un vero esempio di Sistema Paese, dove la Difesa contribuisce in maniera importante con le proprie eccellenze (donne e uomini) formate da costante addestramento”: così ha commentato il Ministro della Difesa, sen Roberta Pinotti, assistendo all’esercitazione “Chaberton 2018”, riporta il comunicato.

Il gen Farina, nel salutare i militari presenti, italiani e stranieri, ha ricordato che “quelle che si concludono oggi non sono state solamente giornate di sport ma, soprattutto, un’occasione addestrativa che ha concorso a promuovere lo scambio, la cooperazione e l’interoperabilità tra unità d’élite di eserciti alleati e amici, creando, al contempo, solidi legami tra gli uomini e le donne che ne fanno parte”.

I 1.500 militari dei CaSTA sono stati salutati dal Comandante delle Truppe Alpine, gen Claudio Berto, con queste parole: “Sono state giornate intense ed entusiasmanti con i ritmi serrati e impegnativi della montagna, giornate che hanno sicuramente contribuito ad accrescere il vostro addestramento e la vostra capacità alpina”.

I CaSTA costituiscono un appuntamento addestrativo che nasce nel 1931 per valutare la preparazione dei reparti alpini e che oggi, giunto alla 70^ edizione, è ormai considerato una sorta di olimpiade per reparti militari, spiega il COMALP nel suo comunicato stampa.

Negli anni si è superata la specificità alpina e i Campionati sono stati dapprima aperti alla partecipazione di militari di altri Corpi dell’Esercito e poi, dal 1979, di delegazioni straniere avvicinate dal comune addestramento montano.

Molte le competizioni che hanno visto cimentarsi atleti di diverse categorie, specifica il Comando Truppe Alpine, con una gara su tutte, che testa la capacità di un plotone militare ad operare in montagna: slalom con equipaggiamento militare, prove topografiche e massacranti trasferimenti a tempo, con un pernottamento in alta quota, hanno fatto selezione in questa gara vinta dal plotone del 7° reggimento Alpini.

Articoli correlati:

I CaSTA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMALP

CESIVA: Precetto natalizio interforze celebrato a Civitavecchia dall’Ordinario Militare Mons Marcianò

Il Precetto natalizio interforze del Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (CESIVA) è stato celebrato presso la Cattedrale di Civitavecchia, fa sapere lo stesso Centro con un comunicato stampa del 20 dicembre.

Alla presenza del Comandante del CESIVA., gen Maurizio  Boni, delle massime autorità militari di stanza a Civitavecchia e a Monte Romano, dei Corpi dello Stato, dell’Associazione per l’Assistenza Spirituale delle Forze Armate e di quelle Combattentistiche e d’Arma di Civitavecchia, l’Ordinario Militare per l’Italia, S.E.R. Mons Santo Marcianò, ha officiato la Santa Messa insieme ai Cappellani Militari del Centro, Don Massimo Carlino, dell’Arma dei Carabinieri, Don Donato Palminteri, e della Guardia di Finanza, Don Francesco Chiantera, si apprende dal comunicato.

Nell’omelia, l’Ordinario Militare ha ringraziato le Forze Armate per la loro preziosa e professionale opera sia in Patria che all’estero, sottolineando come in una società in continuo cambiamento “la comunità militare rimanga portatrice di valori universali e punto di riferimento per la collettività”.

Prima del termine della Santa Messa, il gen Boni, a nome dei presenti, ha ringraziato l’Ordinario Militare per aver presenziato la celebrazione eucaristica in preparazione al Santo Natale e “ha evidenziato l’importante ruolo dei Cappellani Militari all’interno delle Forze Armate, infine ha formulato gli auguri di buone feste a tutti gli intervenuti”, conclude il CESIVA.

Articoli correlati:

Il CESIVA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CESIVA

CME Abruzzo: Santa Messa di preparazione al Natale per le Forze Armate e le Forze di Polizia a ordinamento civile e militare

È stata celebrata il 18 dicembre, a L’Aquila, nell’auditorium della Scuola Ispettori e Sovrintendenti della Guardia di Finanza, la Messa di preparazione al Santo Natale per tutto il personale delle Forze Armate, delle Forze di Polizia ad ordinamento civile e militare, ha fatto sapere il Comando Militare Esercito (CME) Abruzzo con un comunicato stampa del 18 dicembre scorso.

La solenne Celebrazione Eucaristica, officiata dall’Arcivescovo Metropolita dell’Aquila, S.E. Rev.ma Monsignor Giuseppe Petrocchi, ha avuto inizio con un indirizzo di saluto da parte del gen Gianluigi Miglioli, Comandante della Scuola, si è conclusa con una breve allocuzione del Comandante militare dell’Esercito per l’Abruzzo, gen Giuseppe Di Giovanni, nella sua veste di Comandante del Presidio Militare per l’Abruzzo.

Al termine della celebrazione Eucaristica un corteo religioso si è recato presso la Cappella della Scuola, ove ha avuto luogo la benedizione del Presepe.

Alla cerimonia hanno preso parte le più alte autorità militari e civili della Regione, fa sapere il CME Abruzzo, tra cui il Prefetto dell’Aquila, dott Giuseppe Linardi, il Prefetto di Teramo, dottoressa Graziella Patrizi, il Viceprefetto di Pescara, dott Carlo Torlontano, il Questore dell’Aquila, dott Antonio Maiorano, il Vicesindaco della città dell’Aquila, dott Guido Liris, il Direttore Marittimo per l’Abruzzo, il Molise e le isole Tremiti, Contrammiraglio Enrico Moretti, e il Comandante provinciale dei Carabinieri dell’Aquila, Antonio Servedio.

Articoli correlati:

Il CME Abruzzo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Abruzzo