Feb 24, 2014
355 Views
0 0

Maltempo: il bilancio di tre mesi di attività dell’Esercito Italiano intervenuto in supporto alla popolazione

Written by

Nei tre mesi di eccezionale maltempo che ha investito l’Italia, ricorda il comunicato stampa dell’Esercito Italiano, uomini e mezzi dell’Esercito sono intervenuti, su richiesta delle prefetture, dal nord al sud della penisola per fronteggiare le emergenze e prestare soccorso alla popolazione.

Più di cento militari della brigata Sassari, ora impegnata in Afghanistan, sono intervenuti nel mese di novembre a Olbia a seguito dell’alluvione. In 57 giorni di operazione i “sassarini” hanno operato con elicotteri, macchine movimento terra e mezzi speciali del genio percorrendo oltre 20mila chilometri, movimentando 5.400 metri cubi di rifiuti ingombranti, distribuendo 7.000 quintali di aiuti umanitari e diverse centinaia di pasti caldi.

Reparti del Genio dell’Esercito sono intervenuti tra gennaio e febbraio nella provincia di Modena, nel trevigiano e a Fiumicino.

A Modena, a seguito dell’esondazione del fiume Secchia, 190 soldati del reggimento Genio ferrovieri, impiegando anche gommoni in dotazione all’Esercito, hanno portato in salvo quanti erano rimasti bloccati dalle acque e permesso ad altri di recuperare beni di prima necessità. I militari hanno anche contribuito a rinforzare e monitorare gli argini che avevano ceduto, a svuotare dall’acqua e a rendere di nuovo utilizzabili scuole, abitazioni, cantine e garage.

Nella provincia di Treviso, a Preganziol, Motta di Livenza, Mareno di Piave e Cimadolmo, le idrovore del Genio hanno lavorato fino a sabato scorso per abbassare il livello dell’acqua che ha invaso le abitazioni.

A Fiumicino, in località Isola Sacra, quasi 200 genieri con 39 mezzi e nove idrovore hanno operato ininterrottamente per dieci giorni, su richiesta del sindaco, per svuotare le abitazioni invase dall’acqua e per fornire agli sfollati vitto e generi di prima necessità. Grazie all’intervento di un team di medici e infermieri dell’Esercito si è anche provveduto a garantire alla popolazione le cure mediche di base.

Oltre 100 paracadutisti della brigata Folgore sono stati chiamati a intervenire, due volte in quindici giorni, sul lungarno mediceo al centro di Pisa, per innalzare con paratie e rinforzare con sacchi di sabbia gli argini dell’Arno che minacciava di esondare.

Nella provincia di Belluno colpita da eccezionali nevicate, sono intervenuti oltre 140 militari e 45 mezzi. Tra questi 4 mezzi BV206 (foto), veicoli cingolati speciali, nati per operare in climi estremi e innevati con i quali sono state raggiunte le case più isolate per recuperare persone e distribuiti generi di conforto. I militari hanno raggiunto tredici comuni in cui hanno ripristinato la viabilità, sgomberato le principali rotabili e, grazie all’intervento di una squadra di rocciatori, hanno liberato dalla neve i tetti di edifici pubblici che rischiavano di crollare.

La Forza Armata, grazie alla capacità dual-use dei propri reparti, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire nei casi di pubbliche calamità e utilità, in ogni momento, a supporto della popolazione su tutto il territorio nazionale dimostrandosi una risorsa pronta e flessibile al servizio del Paese.

Articoli correlati:

L’emergenza maltempo e l’intervento dei militari in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto d’archivio: stato maggiore dell’Esercito

Article Categories:
Forze Armate