Ott 11, 2014
57 Views
0 0

Vajont 51 anni dopo: l’intervento dell’Esercito Italiano

Written by

Il 9 ottobre è ricorso il 51° anniversario della tragedia del Vajont. I militari dell’Esercito Italiano svolsero un ruolo di primaria importanza a sostegno della popolazione per quanto riguarda i soccorsi.

Sono passati esattamente 51 anni dalla notte del 9 ottobre 1963, quando un’enorme massa di roccia, del volume di 260 milioni di metri cubi, si staccò dal versante settentrionale di monte Toc, al confine tra Veneto e Friuli Venezia Giulia, e piombò rapidamente nel sottostante bacino idroelettrico artificiale che raccoglieva le acque del torrente Vajont.

L’onda di acqua e melma che scese nella valle sottostante era alta oltre 100 metri e, correndo velocissima, preceduta da una violentissima onda d’urto, distrusse tutto ciò che si trovava davanti, radendo al suolo interi abitati e lasciandosi dietro una lunga scia di morti. Si contarono circa 2.000 vittime.

Per fronteggiare i danni, intervenne prontamente l’Esercito Italiano. In particolare, tra i primi soccorritori giunse la brigata Alpina Cadore, che partecipò all’opera di ricerca dei dispersi con una presenza media di 2014 unità di varie armi e specialità.

Fino al 17 novembre si alternarono, in totale, 3.488 militari. Giovani militari di leva, ufficiali e sottufficiali per 38 giorni scavarono tra il fango, anche a mani nude, per estrarre le vittime.

Alle attività di soccorso, oltre agli alpini del 7° reggimento, parteciparono centinaia di paracadutisti, fanti, artiglieri, genieri, trasmettitori, cavalieri ed elicotteristi.

Un impegno per il quale le Bandiere del 7° reggimento Alpini e del 6° Artiglieria da montagna vennero decorate con la Medaglia d’Oro al Valor Civile.

Fonte e foto: Esercito Italiano

Article Categories:
Forze Armate