Dic 23, 2014
209 Views
0 0

M-346: contratto da 120 milioni di euro per tre velivoli da addestramento Finmeccanica Alenia Aermacchi destinati all’Aeronautica Militare Italiana

Written by

Finmeccanica Alenia Aermacchi e la Direzione Generale degli Armamenti Aeronautici (ARMAEREO) hanno firmato ieri, 22 dicembre, a Roma, il contratto del valore di 120 milioni di euro per la fornitura all’Aeronautica Militare di ulteriori tre velivoli da addestramento avanzato M-346 (la cui sigla identificativa di Forza Armata è T-346A), del sistema di addestramento a terra e del relativo supporto logistico.

L’intesa rientra in un accordo più ampio, firmato nel 2009, che prevedeva un totale di quindici M-346. Contestualmente all’intesa era stato firmato un contratto per una prima tranche di sei velivoli e i relativi simulatori di volo.

I T-346A, oltre a contribuire al processo di aggiornamento tecnologico della flotta dell’Aeronautica Militare dedicata all’addestramento avanzato, costituiranno il pilastro formativo per le nuove generazioni dei piloti della linea aerotattica, sia italiani sia internazionali, presso il 61° stormo di Lecce, sede della scuola di volo italiana aperta anche a studenti di altre nazioni.

L’M-346 è il velivolo da addestramento più avanzato oggi disponibile sul mercato ed è l’unico al mondo concepito appositamente per addestrare i piloti destinati ai velivoli militari ad alte prestazioni di ultima generazione.

L’M-346 ha vinto le gare internazionali più importanti (Singapore, Israele e Polonia), raggiungendo a oggi un portafoglio ordini di 59 velivoli, fa sapere la stessa azienda.

Il Sistema Integrato di Addestramento (ITS – Integrated Training System) dell’M-346, già operativo presso la base dell’Aeronautica Militare di Lecce, comprende, oltre al velivolo, anche i sistemi di simulazione e addestramento a terra.

L’Alenia Aermacchi M-346 è il velivolo da addestramento più avanzato oggi disponibile sul mercato ed è l’unico al mondo concepito appositamente per addestrare i piloti destinati ai velivoli militari ad alte prestazioni di ultima generazione. Grazie alle innovative caratteristiche tecniche che implementa e all’adozione dei più recenti criteri di progettazione “design-to-cost” e “design-to-maintain”, l’M-346 si distingue per i bassi costi di acquisizione e operativi. Inoltre, il ridotto numero di ore necessarie alla sua manutenzione, rendono la macchina eccellente dal punto di vista del rapporto costo-efficacia.

L’M-346 adotta soluzioni progettuali innovative: è un velivolo con comandi di volo digitali Fly-by-Wire con ridondanza quadrupla che, grazie all’ottimizzazione della configurazione aerodinamica, garantisce la piena manovrabilità fino ad angoli di attacco superiori a 30 gradi. Questo, combinato con la configurazione bimotore, la duplicazione e ridondanza del sistema elettrico e idraulico, la scelta di equipaggiamenti allo stato dell’arte, si traduce in elevati livelli di sicurezza per il velivolo e per l’equipaggio e rendono l’M-346 il velivolo da addestramento tattico pre-operativo più moderno al mondo.

M-346 è equipaggiato con un sistema avionico digitale pienamente rappresentativo dei caccia di ultima generazione, tra i quali: Eurofighter, Gripen, Rafale, F-16, F-18, F-15, F-22 e F-35 e può essere impiegato in tutte le fasi dell’addestramento avanzato e pre-operativo, consentendo così una notevole riduzione delle ore di addestramento oggi svolte sulle più costose macchine di prima linea.

L’ampio inviluppo di volo dell’M-346, l’elevato rapporto spinta/peso e l’estrema manovrabilità, lo rendono un velivolo in grado di rappresentare, per l’allievo pilota, condizioni di volo simili a quelle dei velivoli da combattimento su cui sarà destinato a operare, massimizzando così l’efficacia dell’addestramento.

L’M-346 dispone di un avanzato sistema di Embedded Tactical Training Simulation (ETTS) che consente non solo di emulare una suite completa di sensori, contromisure e armamenti, ma anche di generare uno scenario tattico virtuale, simulando forze aeree, navali e terrestri, ostili o amiche, che interagiscono in tempo reale con il velivolo durante lo svolgimento delle missioni addestrative.

L’M-346 è dotato di punti d’attacco che permettono il trasporto di carichi esterni ed è caratterizzato dall’integrazione di Helmet Mounted Display, comandi vocali e In-Flight Refuelling Probe. Grazie alle eccellenti prestazioni, combinate alla possibilità di installare Electronic Warfare System, Tactical Data Link, Multi-Mode Radar e kit di riduzione della segnatura radar, l’M-346 raggiunge ottimi livelli di sopravvivenza ed efficacia, durante operazioni in scenari ostili.

L’Integrated Training System (ITS) dell’M-346 di Alenia Aermacchi, oltre al velivolo, comprende anche un esaustivo Ground Based Training System (GBTS), che permette all’allievo pilota di familiarizzare con le procedure e anticipare a terra le attività addestrative che poi svolgerà in volo.

Il GBTS di Alenia Aermacchi include l’addestramento accademico in aula (Academic Training System) e simulatori di volo con differenti gradi di complessità (Simulation Based Training, Flight Training Device e Full Mission Simulators). Sono inoltre disponibili il Mission Support System, elemento centrale di configurazione e distribuzione dati con velivolo e GBTS, e il Training Management Information System che consente una gestione complessiva dell’Integrated Training System.

Per garantire una elevata disponibilità dei velivoli ed elevati ratei di missioni è stato inoltre sviluppato un Integrated Logistic Support (ILS) dedicato.

Il velivolo di pre-serie ha effettuato il suo primo volo a luglio del 2008, dando così avvio alla fase di industrializzazione. Oggi, la linea di produzione altamente automatizzata dell’M-346, progettata da Alenia Aermacchi, risponde ai requisiti del programma in termini di capacità, costi e qualità, garantendo un rateo produttivo fino a 4 velivoli al mese e la capacità di rispondere alle richieste del mercato con estrema flessibilità.

Dati tecnici M-346 (fonte Alenia Aermacchi):

Dimensioni

Apertura alare  9.72 m   (31.89 ft)

Lunghezza   11.49 m     (37.70 ft)

Altezza  4.91 m   (16.11 ft)

Superficie alare    23.52 mq  (253.2 sqft)

Pesi

Decollo, clean   7,400 kg    (16,310 lb)

Decollo, massimo   9,600 kg   (21,160 lb)

Impianto propulsivo e combustibile

Motori turbogetto a doppio flusso   2 x Honeywell F124-GA-200

Spinta massima l.m. statico, ISA   2 x 2,850 kg   (2 x 6,280 lb)

Combustibile interno, utilizzabile    2,000 kg     (4,410 lb)

Combustibile esterno, utilizzabile (3×630 lt tanks)   1,515 kg   (3,340 lb)

Prestazioni (Configurazione Clean, ISA)

Velocità massima livellata    590 KTAS

Velocità limite     572 KEAS/1.2 Mach

Velocità di stallo (riferimento)   95 KCAS

Rateo di salita (l.m.)    22,000 ft/min

Quota di tangenza  45,000 ft

Autonomia, Clean/3 serbatoi esterni (10% riserva)   1,070 / 1,470 nm

Fattore di carico sostenuto (l.m.)   8.0 g

Fattore di carico sostenuto (15,000 ft)    5.2 g

Rateo di virata sostenuta (15,000 ft)  13 gradi/sec

Corsa di decollo (l.m.)   400 m    (1,310 ft)

Corsa di atterraggio, 20% comb. interno (l.m.) 550 m    (1,800 ft)

Fattore di carico limite  +8/-3 g

Articoli correlati:

 

L’M-346 in Paola Casoli il Blog

Nella foto Alenia Aermacchi: l’ad Giuseppe Giordo, la dottoressa Grazia Nunnari, Capo della 9^ Divisione, Contratti Nazionali e Internazionali DAAA e, alle loro spalle, il generale Pasquale Preziosa, Capo di stato maggiore dell’Aeronautica Militare

Fonte e foto: Alenia Aermacchi

Article Categories:
Forze Armate