Ott 24, 2016
22 Views
0 0

Marina e Yacht Club Italiano: un impegno consolidato nella solidarietà

Written by

_italiaNave Italia, il brigantino della Fondazione Tender To Nave Italia Onlus ha concluso il 21 ottobre scorso la campagna 2016 a favore di 440 persone affette da disabilità fisiche cognitive e problematiche di inserimento sociale, ha fatto sapere la Marina Militare con un comunicato stampa del giorno stesso.

La campagna, iniziata il 3 maggio a La Spezia, testimonia il consolidamento di un impegno nato nel 2007 tra Marina Militare e Yacht Club Italiano per la Fondazione Tender To Nave Italia Onlus.

Sono stati realizzati 22 progetti provenienti da oltre 20 enti a favore di 440 persone affette da disabilità.

“Questo progetto rappresenta un modello unico e vincente di grande impegno e solidarietà civile, in cui la cultura del mare e della navigazione, di cui la Marina Militare è custode, diventano strumenti di educazione, formazione, riabilitazione e inclusione sociale”, spiega la Forza Armata..

La collaborazione promuove numerosi progetti di solidarietà a favore di associazioni non profit, onlus, scuole, ospedali, servizi sociali, aziende pubbliche o private che promuovano azioni inclusive verso i propri assistiti e le loro famiglie.

Nave Italia è un brigantino armato a goletta iscritto nel quadro del naviglio militare con equipaggio formato da personale della Marina Militare: è la prima nave ad affrontare la formazione di chi opera a contatto con il disagio, un’università del mare che si affianca alle strutture a terra quale nodo di scambio di esperienze anche internazionali.

Nell’ultima tratta della navigazione giunta nel capoluogo ligure, la nave ha ospitato a bordo il progetto “Un mare di sensi!” promosso dalla onlus Abilità e Dignità in collaborazione con l’Ospedale Giannina Gaslini di Genova – Unità operativa di medicina fisica a riabilitazione.

Hanno fatto parte dell’equipaggio un gruppo di 12 giovani di età compresa tra i 9 e i 17 anni con problematiche neuromotorie o intellettive che svolgono percorsi socio-educativi differenti; alcuni bambini hanno avuto come obiettivo l’uso della comunicazione Alternativa e Aumentativa (CAA) sfruttando i benefici che un’esperienza in barca può offrire sul piano multisensoriale.

La Marina Militare e Tender To Nave Italia Onlus, ancora insieme, riprenderanno il mare all’insegna della solidarietà la prossima primavera.

Articoli correlati:

Il progetto Tender To Nave Italia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Marina Militare

Article Categories:
Forze Armate