Mag 12, 2020
104 Views
0 0

TAAC-W, il DCOM RS Gen Hill in visita a Herat: briefing sicurezza e verifica delle misure anti #COVID19

Written by

Il vicecomandante (Deputy Commander, DCOM) della missione Resolute Support (RS), Generale (UK) Giles Hill, ha visitato nei giorni scorsi il Train Advise and Assist Command-West (TAAC-W) di Herat, attualmente a guida 132^ Brigata corazzata Ariete, nell’ambito delle attività di verifica e controllo della situazione legata all’emergenza covid-19, nelle zone ove operano le forze della coalizione internazionale in Afghanistan.

Ne ha dato notizia con un comunicato stampa di ieri, 11 maggio, lo stesso TAAC-W.

Il Gen Hill, al suo arrivo a Camp Arena, è stato inizialmente aggiornato dal Comandante del TAAC-W, Generale di Brigata Enrico Barduani, sulle più importanti attività di addestramento, consulenza e assistenza in favore del 207° Corpo d’Armata afgano e delle Forze di Polizia della regione, che il Comando continua a svolgere con modalità che sono state adattate alle limitazioni imposte dalla diffusione del coronavirus, sottolinea lo stesso TAAC-W.

Successivamente, si apprende, ha preso visione delle misure messe in atto dal TAAC-W per fronteggiare l’emergenza covid-19 e contenere i rischi di contagio.

Nel corso della visita, il DCOM RS si è recato all’ospedale militare (Role 2) di Camp Arena dove si è intrattenuto con il personale sanitario e ha potuto osservare le strutture che sono state approntate, in tempi rapidissimi, per gestire eventuali criticità derivanti dal covid-19, come l’area per il trattamento e la cura dei pazienti in isolamento e i laboratori analisi, con capacità di effettuare sia test sierologici che molecolari.

Il Gen Hill ha espresso al Comandante del TAAC-W il proprio apprezzamento per il costante impegno del contingente italiano in Afghanistan, elogiando, in particolare, gli eccellenti risultati nel contrasto alla diffusione dell’attuale pandemia, ottenuti in un’area del paese, come quella di Herat, che risulta essere la più colpita da questa drammatica emergenza.

Il TAAC-W, Comando NATO a guida italiana, in cui operano uomini e donne dell’Esercito Italiano, dell’Aeronautica Militare, della Marina Militare e dell’Arma dei Carabinieri, ricorda il comunicato, è responsabile nell’ambito dell’operazione Resolute Support della parte occidentale dell’Afghanistan, che comprende le province di Herat, Badghis, Farah e Ghor, per un’estensione territoriale pari all’intero Nord Italia e una popolazione di circa quattro milioni di abitanti.

È composto da militari di 8 nazioni (Albania, Ungheria, Lituania, Romania, Slovenia, Ucraina, Stati Uniti d’America, oltre all’Italia) che operano con l’obiettivo di contribuire all’addestramento, all’assistenza e alla consulenza in favore delle istituzioni e delle Forze di Sicurezza afgane, impegnate nella creazione di adeguate condizioni di sicurezza e prosperità per la popolazione locale, conclude il comunicato.

Fonte e foto: TAAC-W

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate