Fabrizio Castagnetti

Marina Militare: cordoglio per la perdita del gen Castagnetti, “eccezionale ufficiale innovatore”

“Il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio di Squadra Valter Girardelli, esprime alla famiglia del Generale di Corpo d’Armata dell’Esercito Fabrizio Castagnetti, il profondo cordoglio e la vicinanza, sua personale e di tutta la Forza Armata, per l’improvvisa perdita dell’alto ufficiale”, scrive la Marina Militare nel comunicato stampa che riporta il messaggio di cordoglio del Capo di stato maggiore della Marina Militare (CaSMM) per la scomparsa, avvenuta sabato 13 gennaio, del gen Castagnetti.

“Il Generale Castagnetti – sottolinea il Capo di Stato Maggiore della Marina – nel corso della sua brillante carriera ha dato prova di esemplari capacità operative grazie anche ad una preclara predisposizione all’innovazione”.

“Un eccezionale Ufficiale – prosegue l’ammiraglio Girardelli –  al servizio del Paese e fedele alle istituzioni che ha operato in diversi contesti sempre con un approccio equilibrato ed orientato al raggiungimento dei migliori risultati in ambito interforze.”

Articoli correlati:

Con la scomparsa del gen Castagnetti se ne va una “straordinaria figura di uomo e di soldato”: il cordoglio del CaSMD gen Graziano (15 gennaio 2018)

Il gen Fabrizio Castagnetti in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare

Foto: fanpage.it

Con la scomparsa del gen Castagnetti se ne va una “straordinaria figura di uomo e di soldato”: il cordoglio del CaSMD gen Graziano

A seguito della scomparsa del gen Fabrizio Castagnetti, avvenuta sabato 13 gennaio, il gen Claudio Graziano, Capo di stato maggiore della Difesa (CaSMD) ha espresso il proprio cordoglio personale e di tutte le Forze Armate.

Questo il messaggio diffuso dallo stato maggiore della Difesa:

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, appresa la triste notizia del decesso del Generale di Corpo d’Armata dell’Esercito Fabrizio Castagnetti esprime alla famiglia dell’alto Ufficiale profondo cordoglio e sentimenti di affettuosa vicinanza a nome delle Forze Armate e suo personale.

Il Generale Castagnetti, che è stato Capo di Stato Maggiore dell’Esercito dal settembre 2007 al settembre 2009, nel corso della sua brillante carriera ha ricoperto incarichi di primo piano in Italia e all’Estero tra cui quello di addetto militare a Washington, quello di comandante del COI e di Comandante del Corpo di Reazione Rapida NATO NRDC-ITA di Solbiate Olona.

“Il Generale Castagnetti – ha sottolineato il Capo di Stato Maggiore della Difesa- è stato promotore di numerosi provvedimenti volti a ottimizzare l’impiego delle risorse e a dare maggiore efficienza alla componente Operativa dell’Esercito”.

“È stata una personalità – ha proseguito il Generale Graziano – che ha fatto della fedeltà ed attaccamento alle istituzioni la sua ragione di vita. Una straordinaria figura di uomo e di soldato che ha sempre operato al servizio del Paese”, ha concluso il Generale Graziano.

Articoli correlati:

Il gen Castagnetti in Paola Casoli il Blog

Fonte: stato maggiore della Difesa; Il Piacenza

Foto: MilitariForum.it

NRDC-ITA: cambio comando dal gen Marchiò al gen Perretti. Le foto

momento-della-cerimoniaIl 29 settembre scorso, alla presenza del Capo di stato maggiore dell’Esercito, gen Danilo Errico, si è svolta nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona (Varese) la cerimonia di avvicendamento al comando del Corpo d’armata di reazione rapida della NATO in Italia (NRDC – ITA) tra il gen Riccardo Marchiò, cedente, e il gen Roberto Perretti, subentrante, fa sapere un comunicato stampa dell’Esercito.

Il gen Errico, durante il suo intervento, ha evidenziato l’importanza di NRDC-ITA nell’ambito dell’Alleanza Atlantica: “un Comando che, grazie all’intuizione e alla perseveranza del Generale Marchiò, si è riorganizzato su una struttura three pillars che include, oltre alle aree Operazioni e Supporti, anche la Divisione Influence, responsabile del coordinamento delle attività operative cinetiche e non cinetiche, i cui effetti, per queste ultime, rivestono negli attuali scenari un’importanza risolutiva nelle crisi”

momento-della-cerimonia-di-avvicendamentoNel suo discorso di commiato, il gen Marchiò ha ricordato le eccellenti capacità degli uomini e donne della Mara nel pianificare e condurre interventi in scenari di crisi complessi. Rivolgendosi, poi, alle autorità locali intervenute, ha enfatizzato il forte impulso economico e culturale dato dalla presenza sul territorio del Comando multinazionale della Nato, si legge.

Presenti alla cerimonia il Prefetto di Varese, dott.Franco Zanzi, il Sindaco di Solbiate Olona, Luigi Melis e il gen Fabrizio Castagnetti già Comandante di NRDC – ITA e Capo di Stato Maggiore dell’Esercito.

Il gen Marchiò assumerà a breve l’incarico di Comandante del neo costituito Comando delle Forze Terrestri e Centro Operativo dell’Esercito (COMFOTER/COE), di stanza a Roma (link articoli in calce).

il-generale-marchio-e-il-generale-perrettiArticoli correlati:

NRDC-ITA cambia il comandante e la cerimonia è live su Facebook: il gen Marchiò cede il comando al gen Perretti (29 settembre 2016)

NRDC-ITA: cambio comando, il gen Perretti succede al gen Marchiò, destinato al nuovo COMFOTER COE a Roma (19 settembre 2016)

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Esercito Italiano

il-generale-errico

picchetto-donore

il-generale-errico-durante-il-discorso

generale-errico-passa-in-rassegna-i-reparti

Nrdc-Ita rientra dall’Afghanistan. A settembre la visita dell’uscente capo di stato maggiore dell’Esercito

Nrdc-Ita rientro Afg09E’ iniziato il rientro in patria dei militari del Corpo di reazione rapida della Nato Nrdc-Ita, che ha sede nella caserma Ugo Mara di Solbiate Olona ed è comandato dal generale Gian Marco Chiarini.

Lo scorso 24 luglio è atterrato a Milano Malpensa un primo C-17 dell’Aeronautica statunitense che ha riportato in Italia l’aliquota principale del personale italiano ed estero della Mara. Nrdc-Ita ha dispiegato parte del proprio personale nel quartier generale di Isaf a Kabul per quasi sette mesi con incarichi in tutte le divisioni dello staff.

Lo scorso gennaio 2009 i militari dell’Nrdc-Ita avevano sostituito il personale del comando turco di reazione rapida Nrdc-Tur e ora sono stati sostituiti a loro volta dal comando di reazione rapida tedesco-olandese di Munster, Nrdc-Ge Nl.

Per Nrdc-Ita si tratta del secondo dispiegamento in Afghanistan nell’ambito di Isaf, anche se non a livello di intero corpo d’armata come era invece accaduto quattro anni fa con la missione Isaf VIII comandata dal generale Mauro Del Vecchio. “Si è trattato di un impegno lungo e difficile”, fa sapere il comunicato stampa di Nrdc-Ita ricordando le attività svolte con successo a sostegno delle forze afgane e della popolazione civile.

Prima del dispiegamento il personale aveva seguito uno specifico programma di addestramento volto a incrementare le capacità operative individuali e di team.

La visita del generale Castagnetti e la nomina del generale Valotto a CsmE.

Secondo fonti proprie, a settembre il corpo d’armata riceverà la visita del capo di stato maggiore (CsmE) dell’Esercito. Molto probabilmente si tratterà della visita di commiato del generale di corpo d’armata Fabrizio Castagnetti, che dopo la pausa estiva cederà il suo incarico al generale di corpo d’armata Giuseppe Valotto appena nominato nuovo CsmE dal Consiglio dei Ministri. Il generale Castagnetti è stato comandante di Nrdc-Ita dal 2002 al 2004, promuovendo per primo la realizzazione di facilities a vantaggio del personale all’interno della caserma Mara.

Fonte: Nrdc-Ita; fonti proprie.

Foto: Nrdc-Ita

Nuova visita del capo di smE alla brigata Friuli: i fanti del 66° Trieste sulla rappel tower

Rappel towerLi aveva visitati al termine dell’esercitazione Blue Storm 09 a Monte Romano non più tardi di una settimana prima.

Giovedì 18 giugno il capo di stato maggiore dell’Esercito (smE) generale di corpo d’armata Fabrizio Castagnetti è tornato a trovare gli uomini e le donne della brigata aeromobile Friuli prima nella caserma Mameli di Bologna, poi nella caserma De Gennaro a Forlì sede del 66esimo reggimento di fanteria aeromobile Trieste.

Il generale Castagnetti ha così potuto visitare a Bologna la sede del comando brigata e del reparto supporti tattici. Ricevuto dal vicecomandante delle forze di difesa di Vittorio Veneto (da cui dipende la Friuli) generale di divisione Massimiliano Del Casale e dal comandante della Friuli generale di brigata Luigi Francavilla, il capo di smE si è rivolto al personale portando l’apprezzamento nazionale e internazionale “per tutte le operazioni che conduciamo fuori dall’Italia a supporto della pace, in Italia a supporto delle istituzioni, comunque sempre a servizio della gente”.

E ha aggiunto: “Voi siete sempre una parte molto importante di questa componente operativa, perché da sempre avete operato in Afghanistan, in Libano e negli altri teatri d’operazione”.

Una ulteriore prova della capacità operativa raggiunta è arrivata al capo di smE nel corso del pomeriggio, quando trasferito in elicottero a Forlì – dove è stato accolto nella caserma De Gennaro dal colonnello Giuseppe Levato, comandante del 66esimo reggimento Trieste – i fanti aeromobili hanno dato dimostrazione di discese in corda doppia dalla rappel tower, la struttura innovativa utilizzata per l’addestramento alla discesa veloce dall’elicottero (foto).

La brigata aeromobile Friuli ha 155 uomini e 12 mezzi dispiegati attualmente in Afghanistan e in Kosovo. Dal prossimo mese di ottobre per la Friuli si parla di Leonte 7, l’operazione libanese nell’ambito di Unifil.

Fonte: brigata aeromobile Friuli

Foto: brigata aeromobile Friuli

Dopo i monti, il mare: la Friuli si prepara al Libano

sbarco fanti aeromobili 66°Un intenso ciclo di addestramento culminato con una esercitazione di due settimane nella Tuscia Romana e la visita del capo di stato maggiore dell’Esercito ai due reggimenti esercitati: non c’è dubbio che la piena capacità operativa raggiunta con la Blue Storm 09, conclusasi ieri 11 giugno a Monte Romano, Viterbo, sancisca il prossimo impegno nel teatro operativo libanese della brigata aeromobile Friuli.

Dopo i monti afgani, dove la Friuli ha dato il via per prima al nuovo modo di operare nel Prt di Herat con un’unica brigata, mantenendo così altissimo lo spirito di corpo, si profila ora un impiego al mare già dal prossimo mese di ottobre con l’operazione Leonte 7 nell’ambito della missione Unifil.

La configurazione sarà quasi certamente quella appena vista nell’esercitazione Blue Storm 09, diretta dal comandante di Savoia Cavalleria colonnello Salvatore Cuoci, durante la quale si sono appunto esercitati il reggimento Savoia Cavalleria di Grosseto e il 66esimo reggimento aeromobile Trieste di Forlì.

Il risultato raggiunto è stato sottolineato dal capo di stato maggiore dell’Esercito generale di corpo d’armata Fabrizio Castagnetti, che portando sul campo il comandante in capo dell’Esercito Cileno generale Oscar Izurieta Ferrer, in visita in Italia, ha affermato davanti al comandante della Friuli generale di brigata Luigi Francavilla e ai reparti esercitati: “L’addestramento è un’attività molto importante perché prepara i nostri soldati ai successivi schieramenti nei teatri d’operazione: ho visto grande professionalità, grande spirito di gruppo e grande forza”.

Nella Blue Storm 09 sono stati impiegati 14 blindo Centauro; 12 veicoli blindati leggeri Puma; 10 elicotteri tra gli A-129 Mangusta, i nuovi NH-90 e gli elicotteri da trasporto CH-47; veicoli tattici Lince; mortai pesanti da 120 mm e gli Uav Pointer e Raven.

Alle quaranta donne e ai circa 860 uomini della Friuli esercitati a Monte Romano, il generale Castagnetti ha indirizzato un chiaro augurio di successo: “A nome di tutta la Forza Armata buon lavoro e buona fortuna”.

Fonte: brigata aeromobile Friuli

Foto: brigata aeromobile Friuli

Fini a Kabul, il modo di essere italiani

pubblicato da Pagine di Difesa il 5 agosto 2005

“La ricostruzione è la priorità”. Così il vicepresidente del Consiglio, il ministro degli Esteri Gianfranco Fini, ha parlato del ruolo dell’Italia in Afghanistan nel corso di un incontro con i giornalisti a Camp Invictia a Kabul ieri 4 agosto.

“L’Italia è leader nella ricostruzione – ha specificato il ministro – e qui è proprio partita da zero assumendo un ruolo rilevante”. Fini ha fatto riferimento al Provincial Reconstruction Team (Prt) di Herat comandato dal colonnello Amedeo Sperotto. Il Prt di Herat rientra nella responsabilità del Regional Area Coordinator West (Rac-W) generale di brigata Giuseppe Santangelo, che coordina l’attività di altri tre Prt oltre a quello di Herat (Qal’eh-Now, Chaghcharan, Farah) al fine di creare in Afghanistan un ambiente stabile attraverso un processo di ricostruzione socioeconomica dell’area.

Questa peculiarità italiana è risultata molto gradita al presidente afgano Hamid Karzai che nel corso del colloquio con Fini ha espresso il suo apprezzamento per il rispetto che i militari italiani dimostrano nei confronti della popolazione locale. L’incontro con il ministro degli Esteri italiano è stato l’occasione per il presidente Karzai di tornare sugli argomenti affrontati a Roma in un incontro analogo avvenuto il 22 luglio.

Al centro del colloquio sono stati il ruolo del Pakistan, l’influenza dell’esempio afgano sugli altri paesi musulmani e i rapporti bilaterali tra l’Italia e l’Afghanistan, in particolare la ripresa del commercio. “E’ un ritorno auspicato – ha sottolineato Fini – dopo l’investimento che l’Italia ha affrontato in termini di difesa in questo luogo”.

Sempre in proposito ai rapporti tra i due paesi il vice presidente del Consiglio ha anticipato che “Karzai ha molte iniziative per far conoscere il suo paese da noi” e che “il ministro degli Esteri afgano e il suo omologo iracheno saranno al Meeting per l’amicizia fra i popoli a Rimini il prossimo 26 agosto. Tema comune: democrazia e solidarietà”.

“Nell’incontro avvenuto a Roma – ha proseguito Fini – Karzai chiedeva la presenza italiana per le costruzioni, le case e i manufatti in generale”. Così, accanto alla missione di supporto alla sicurezza gli italiani assumono il ruolo visibile e concreto di ricostruttori. E proprio l’uso dei macchinari da costruzione è materia di insegnamento dell’attività di addestramento dei genieri afgani condotta a Camp Invictia dalla compagnia Genio del reggimento Genio comandata dal colonnello Andrea Tortarolo. Un corso di 15 giorni programmato da Isaf con le forze di coalizione e destinato a ufficiali e sottufficiali dei reparti genio afgani.

Il consenso politico espresso da Fini nei confronti delle truppe italiane ha evidenziato l’impegno assunto dall’Italia “che non si sottrae alla responsabilità assunta per la paura del rischio di attacchi terroristici dato che ciò rappresenterebbe un venir meno al dovere morale”. Il ministro Fini ha ricordato “il rapporto particolare che lega i due paesi (il re afgano Zahir Shah è stato in Italia nel corso del suo esilio, ndr)” e ha chiarito che “non c’è un nesso diretto tra la presenza italiana in Afghanistan e il rischio che l’Italia corre al pari di altri paesi della comunità internazionale che hanno dichiarato guerra al terrorismo”.

Altrettanto consenso era stato espresso sul piano operativo ai militari italiani presenti in Afghanistan dal comandante operativo interforze generale di corpo d’armata Fabrizio Castagnetti, che lo scorso 3 agosto ha incontrato la task force Pantera nell’aeroporto di Kabul.

Ai marinai del 4° gruppo di volo della Marina di Grottaglie (Taranto), che compongono la task force su elicotteri AB 212 giunti in teatro il 26 luglio, il generale ha assicurato: “Voi avete l’affetto e il rispetto del nostro paese. Noi italiani portiamo quel pizzico di umanità e cultura che altri paesi più capaci di noi militarmente non sanno dare”.

Le stesse parole che il giorno successivo Karzai ha detto a Fini e che Fini ha riferito ai militari schierati in saluto a Camp Invictia: “Vi porto il ringraziamento di Karzai per l’umanità, il garbo e per il modo di essere dei soldati italiani”.

Kabul, domani il ministro Fini al Toa di Del Vecchio

pubblicato da Pagine di Difesa il 3 agosto 2005

Kabul, Afghanistan – “Gli italiani stanno dando un contributo fondamentale alla tappa più importante per lo sviluppo dell’Afghanistan: le elezioni parlamentari del prossimo 18 settembre” ha dichiarato ieri 2 agosto il capo di stato maggiore della Difesa ammiraglio Giampaolo Di Paola, in visita al contingente italiano nella Kabul Multinational Brigade.

L’ammiraglio è giunto a Kabul da Nassiriya accompagnato dal comandante operativo interforze, il generale di corpo d’armata Fabrizio Castagnetti. Nel corso dell’incontro con la stampa è stata comunicata la visita del ministro degli Esteri Gianfranco Fini prevista per domani 4 agosto, giornata del trasferimento del comando di Isaf VIII al generale di corpo d’armata Mauro Del Vecchio.

Il generale Del Vecchio ha sottolineato il ruolo del nostro paese in questa missione “che sarà sicuramente impegnativa e che, per la prima volta, vede l’Italia al vertice sia per quanto riguarda il comando sia per la struttura, la componente terrestre che affianca quelle della Marina e della Aeronautica”.

Per l’ambasciatore italiano Ettore Francesco Sequi “il sistema Italia sta concorrendo al raggiungimento della sicurezza afgana, che significa portare il paese verso la stabilità e la democrazia”.

Lo sforzo logistico è notevole: l’Afghanistan dista circa 4.800 chilometri dall’Italia e non ha sbocchi sul mare. La missione Isaf (International Security Assistance Force), che si avvale del contributo di una quarantina di uomini della Polizia militare, sta per affrontare la sua espansione verso sud, che potrebbe già concretizzarsi entro il 2005.