NRDC-ITA sigla la cooperazione con l’Università Cattolica per progetti formativi e di ricerca su sicurezza e difesa

Un Memorandum of Cooperation tra l’Università Cattolica del Sacro Cuore e il NATO Rapid Deployable Corps in Italia (NRDC-ITA) è stato siglato il 5 dicembre dal rettore dell’Università Cattolica, professor Franco Anelli, e dal Capo di Stato Maggiore di NRDC-ITA, gen Maurizio Riccò.

L’accordo, fa sapere NRDC-ITA con un comunicato stampa congiunto con la Cattolica di Milano, prevede lo sviluppo di progetti di formazione e di ricerca sui temi della sicurezza e della difesa, e consente a studenti selezionati dell’Università Cattolica di partecipare, sotto supervisione accademica, alle attività di studio e di approfondimento che il Corpo d’Armata di Reazione Rapida dell’Alleanza Atlantica conduce su scenari di crisi reali o fittizi di esercitazione tramite il team “Knowledge Development” (KD).

Il KD è una branca funzionale di NRDC-ITA deputata alla comprensione di sistemi complessi che pone particolare attenzione allo sviluppo e alla presentazione di analisi politiche, economiche, sociali, infrastrutturali e di informazione.

“La sigla dell’accordo di cooperazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore corona l’ambizione del NRDC-ITA di poter vantare la collaborazione con una così prestigiosa Università – ha dichiarato il gen RiccòSono fermamente convinto che ciò possa fornire ai militari dell’Alleanza un prezioso contributo alla comprensione delle dinamiche culturali e delle complesse dimensioni politiche, economiche e sociali che caratterizzano i moderni scenari di crisi che la NATO monitorizza costantemente”.

“Si tratta di una grande opportunità per la nostra Università – ha affermato il rettore Franco Anelli. “Grazie a questo accordo i nostri studenti potranno fare pratica, verificando personalmente come funziona il meccanismo della difesa, che mira anzitutto a ‘prevenire il pericolo’”.

Infatti, ha specificato Vittorio Emanuele Parsi, direttore di Aseri-Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali e docente di Relazioni internazionali, presente alla firma del Memorandum of Cooperation, “lo scopo della difesa intelligente è evitare situazioni di crisi e che queste crisi degenerino. È poi chiaro che una sinergia tra i luoghi in cui si studiano i problemi nella loro genesi, anche in termini più teorici, e il posto in cui si applicano le soluzioni per evitare che le crisi possano costituire una minaccia per la sicurezza nazionale sia un beneficio per il Paese”.

L’obiettivo dell’intesa è infatti favorire un’interazione a beneficio di entrambe le istituzioni: da una parte, gli studenti avranno la possibilità di effettuare esperienze nuove, come tirocini e partecipazione ad attività formative; dall’altra, NRDC-ITA metterà a disposizione le sue competenze tecniche realizzando seminari, conferenze o lezioni su argomenti di sicurezza internazionale e NATO.

L’NRDC-ITA ricorrerà all’attività scientifica dell’Università per analizzare e comprendere situazioni complesse legate agli scenari di crisi, in linea con il nuovo concetto strategico della NATO, che ha introdotto il ‘Comprehensive Approach’, adottato con il Summit di Lisbona del 2010, e che prevede l’interazione tra mondo politico, militare e civile nell’ambito del crisis management.

Il NATO Rapid Deployable Corps – Italy (NRDC-ITA) è un Comando NATO alle dipendenze del Comandante Supremo delle Forze Alleate in Europa (SACEUR), spiega nel dettaglio il comunicato stampa.

“È un Comando multinazionale e interforze con sede a Solbiate Olona (Varese), di cui l’Italia è nazione guida, fornendo circa il 70% del personale: Ufficiali, Sottufficiali, Graduati e militari di truppa. Il rimanente 30% è costituito da militari provenienti da altre dodici nazioni. Sono circa 400 i militari che animano il Comando multinazionale e che affluiscono da Italia, Albania, Bulgaria, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Paesi Bassi, Slovenia, Spagna, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti. NRDC-ITA è stato costituito nel 2001 a seguito di una profonda ristrutturazione dell’Alleanza Atlantica per fare fronte alla necessità di disporre, con immediatezza, di una forza multinazionale flessibile da schierare in aree di crisi al bisogno, e delle relative strutture di comando e controllo”.

Articoli correlati:

NRDC-ITA in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: NRDC-ITA e Università Cattolica