Guido Crosetto

Aerospaziale: il Lombardia Aerospace Cluster presenta i dati di crescita settore giovedì alla Alenia Aermacchi di Venegono

logo Distretto Aerospaziale LombardoÈ in programma, negli stabilimenti di Finmeccanica – Alenia Aermacchi di Venegono Superiore, il Cluster Day del Lombardia Aerospace Cluster, l’Assemblea dedicata al distretto dell’industria aerospaziale lombarda, che vedrà coinvolte le imprese del settore, le realtà accademiche e le autorità del territorio.

Relatori il direttore generale business di Finmeccanica-Alenia Aermacchi, Ugo Vinti; il presidente del Lombardia Aerospace Cluster, Carmelo Cosentino; il presidente AIAD, Guido Crosetto, e il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni.

L’evento, fa sapere il Lombardia Aerospace Cluster, si terrà giovedì 2 aprile 2015 a partire dalle ore 11.00, nello stabilimento Alenia Aermacchi di Venegono Superiore, in provincia di Varese.

L’assemblea sarà occasione per presentare l’andamento del settore e illustrarne i dati di crescita.

L’industria aerospaziale lombarda può vantare numeri importanti: 218 imprese, l’88% delle quali PMI. Realtà, queste ultime, ben rappresentate nel Cluster che si propone, proprio alla luce di questi numeri, anche come strumento di dialogo e confronto tra grandi e piccole imprese.

Il settore aerospaziale lombardo genera un terzo dell’export nazionale nel settore, con una produzione ricca, complessa e variegata: si va dagli aerei da addestramento agli elicotteri, dai satelliti agli equipaggiamenti, dall’avionica alla meccanica di precisione.

Un sistema produttivo che sul territorio regionale si avvantaggia della presenza di 4 Università specializzate (LIUC – Università Cattaneo, Politecnico di Milano, Università di Milano – Bicocca, Università di Pavia) e di 2 centri di ricerca sull’esplorazione spaziale e l’osservazione della terra.

Questo il programma della giornata (fonte Lombardia Aerospace Cluster, partecipazione giornalisti con accredito Unione Industriali Varese):

11.00 Registrazione partecipanti

11.30 Intervento di benvenuto Dott. Ugo Vinti, Direttore Generale Business Finmeccanica-Alenia
Aermacchi

11.50 Relazione del Presidente del Lombardia Aerospace Cluster, Ing. Carmelo Cosentino

12.30 Intervento del Presidente AIAD (Federazione Aziende Italiane Aerospazio, Difesa, Sicurezza), On. Guido Crosetto “Esportare per crescere”

13.00 Intervento Presidente della Regione Lombardia On. Roberto Maroni

Articoli correlati:

Il Lombardia Aerospace Cluster in Paola Casoli il Blog

Alenia Aermacchi in Paola Casoli il Blog

Fonte: Lombardia Aerospace Cluster

COFS, cambio al vertice del comando operativo delle forze speciali

Si è svolta oggi 10 ottobre, all’aeroporto Francesco Baracca di Centocelle a Roma, la cerimonia del cambio al vertice del Comando Operativo delle Forze Speciali (COFS) tra l’ammiraglio Donato Marzano, cedente, e il collega subentrante generale Maurizio Fioravanti.

All’evento, che è stato presieduto dal sottosegretario di Stato alla Difesa onorevole Guido Crosetto, hanno partecipato il Capo di stato maggiore della Difesa, generale Biagio Abrate, e alte autorità civili e militari.

La cerimonia è stata l’occasione per sottolineare, da parte del generale Abrate, che il COFS rappresenta “una realtà preziosa per la Difesa e per il Paese stesso”. Mentre l’onorevole Crosetto ha evidenziato “il valore degli uomini e la capacità di operare in tutti gli ambienti ed elementi: terra, mare e cielo”, prendendo spunto proprio dalla simbologia dello stemma araldico del COFS: la mano del Padre con le tre spade, come riferisce il comunicato stampa della Pubblica Informazione dello stato maggiore della Difesa.

Il COFS è stato costituito il 1° dicembre 2004, in linea con l’orientamento degli altri principali Paesi dell’Alleanza Atlantica.

E’ alle dirette dipendenze del Capo di stato maggiore della Difesa quale strumento specifico per la condotta delle operazioni speciali, ovvero di tutte le attività realizzate in contesti ostili o non permissivi, e per questo caratterizzate da basso profilo, aventi ad oggetto un obiettivo di elevato valore operativo.

Il COFS è un comando proiettabile, validato dalla NATO quale comando di componente per le operazioni speciali nel quadro della NATO Response Force (NRF).

Fonte: PI SMD

Foto: PI SMD

La brigata Aosta in Libano responsabile del Settore Ovest di Unifil

E’ subentrata alla brigata di Cavalleria Pozzuolo del Friuli e dal 9 maggio ha la responsabilità del Settore Ovest di Unifil (United Nations Interim in Lebanon).

E’ la brigata meccanizzata Aosta, alla sua prima esperienza nel teatro operativo libanese dopo varie missioni svolte nei Balcani.

La cerimonia di passaggio di responsabilità tra il generale di brigata Guglielmo Luigi Miglietta (foto), comandante della Pozzuolo, e il suo parigrado Gualtiero Mario De Cicco (foto), comandante dell’Aosta, ha avuto luogo lunedì 9 maggio nella caserma Millevoi di Shama, nel Libano del sud.

Nel corso dell’evento, svoltosi alla presenza del sottosegretario alla Difesa, onorevole Guido Crosetto (foto), del Capo di stato maggiore della Difesa, generale Biagio Abrate (foto), del Capo di stato maggiore dell’Esercito, generale Giuseppe Valotto, del Comandante di UNIFIL, generale Alberto Asarta Cuevas (foto), e dell’ambasciatore d’Italia in Libano S.E. Giuseppe Morabito, sono stati consegnati 27 autocarri medi ACM 80 alle Forze Armate Libanesi (LAF) donati dal Governo italiano.

Ora il compito dell’Aosta è quello di di garantire stabilità e sicurezza nell’area di responsabilità compresa tra il fiume Litani e la Blue Line, oltre a prevenire ogni possibilità di ripresa delle ostilità tra le parti coinvolte nel conflitto dell’agosto del 2006.

La brigata Aosta schiera sul terreno libanese unità tratte dalla quasi totalità del suoi reparti dipendenti: Lancieri di Aosta (6°), 6° reggimento bersaglieri, 5° reggimento fanteria Aosta, 62° reggimento fanteria Sicilia, 4° reggimento Genio guastatori e il reparto Comando e Supporti Tattici Aosta. Inoltre, un importante contributo di uomini e donne  è fornito dai vari supporti specialistici provenienti da altri reparti dell’Esercito Italiano.

La brigata meccanizzata Aosta in Paola Casoli il Blog

Fonte: stato maggiore della Difesa

Foto: brigata meccanizzata Aosta

Calendesercito 2011: è la storia dell’Esercito Italiano dall’Unità d’Italia a oggi

Si terrà alle 15.30 di oggi 24 novembre presso la Biblioteca Militare dello stato maggiore dell’Esercito a Roma la presentazione del Calendesercito 2011.

Il calendario dell’Esercito Italiano, la Forza Armata che nel corso degli anni ha rappresentato e tutt’ora rappresenta una risorsa per il Paese, sarà di carattere storico, con foto e sfondi che richiamano gli ultimi 150 anni della nostra storia dall’Unità al giorno d’oggi.

L’Esercito Italiano vi viene presentato nell’ambito dell’impiego operativo sia in ambito nazionale che internazionale, nel settore della formazione e delle attività specialistiche, dalla sanità alla tecnologia, sempre sottolineando il ruolo svolto nella creazione dello spirito di identità nazionale.

All’evento saranno presenti il sottosegretario alla Difesa onorevole Guido Crosetto e il Capo di stato maggiore dell’Esercito generale Giuseppe Valotto.

Nel corso della presentazione si terrà un dibattito moderato dal giornalista Franco di Mare; interverranno il professor Antonello Biagini, pro-rettore dell’Università La Sapienza di Roma, il giornalista Toni Capuozzo e il professor Andrea Margelletti, presidente del Centro studi internazionali.

Fonte: stato maggiore Esercito

Foto: EsercitoStore