URSS

Space Race Propaganda: USA vs URSS. A matter of posters

By Giovanni Pallotta

Today it is impossible to think of any scientific discovery that is not communicated via  Internet.  In this manner, millions of scientists and science-lovers are made aware of discoveries and new conquests almost live, with the use of videos that are ready to show in minute detail the latest developments in every scientific sector.  As we well know, mankind has not always been this fortunate in terms of communications and often scientific discoveries were made available only to small groups of elite scholars, who in any case were never updated immediately.  Paradoxically speaking, sometimes the diffusion of the discovery was more complicated than the discovery itself, physical distances and language barriers were sometimes the most difficult obstacles to overcome.

The event that marked the turning point  in the field of scientific communications took place during the so-called, “Space Race,” in other words that particular historic moment that coincided with the imposing development of human knowledge regarding space and celestial bodies. The “Space Race” was seen not only as a genuine quest for knowledge, but it soon became a “battlefield” of ideologies between the two superpowers  at that time to emerge at the end of World War II:  the United States of America and the Union of the Soviet and Socialist Republic.  A true and authentic scientific war fought on two fronts: scientific progress on one hand and the communication of such accomplishments on the other hand.  Both Washington, D.C. and Moscow tried in every possible way to boldly proclaim the scientific achievements of their own nation.  We can say that the posters which announced such scientific achievements played a very significant role in communications before the advent of television.

In order to understand the importance of the “Space Race,” it is necessary to place ourselves in the historical  and political context following World War II.  In 1945, the Americans having dropped atomic bombs on Hiroshima and Nagasaki, decreed the end of the Second World War and showed the whole world their immense military and above all scientific supremacy.  On the other hand, the Soviets, did not waste time  and immediately started an impressive  scientific research programme which led to creation of the first Soviet atomic bomb, thanks to the “collaboration” with Nazi scientists and the theft of American knowledge and documents.  The knowledge of the fact that the “Atomic Bomb” formulas were also in the hands of the Soviets caused a great feeling of panic among the Americans who subsequently decided to increase their production of nuclear arms. In this manner, the two world superpowers began a constant escalation of  nuclear arms that brought about the accumulation of enormous nuclear arsenals, with the force to cause terrible damage to the whole world. Once the projects regarding nuclear arms were completed, the attention on military strategies inevitably moved towards gaining knowledge on the place/places to launch atomic weapons.  So with the passing of time, it became more and more necessary to learn  about outer space, seen as an area for military manoeuvres and experiments of utmost importance.  A need for to learn about outer space also led to the construction of better built and more powerful atomic arms.  From this military starting point , research was also conducted that enabled man to conquer space. The USSR was the first nation to send man into space. In 1961, Yuri Gagarin on the spaceship Sputnik was the first man to go into orbit around the Earth. It took the  United States eight  years to match and pass the Soviet move, so in 1969 in the spaceship called Apollo 11, Neil Armstrong was the first man to land on the Moon.  The battle between the two superpowers regarded not only scientific supremacy but also ideological and communicative dominance.  Differences in terminology immediately emerged, for example the Soviets preferred the term, “Cosmonaut,” while the Americans coined the work, “Astronauts.” This may appear as a subtle lexical variation, but it actually underlines the deep ideological differences that separated the two blocs.

The communications departments from both the Soviet and the American blocs worked just as hard as the scientific research teams to announce to the rest of the world the progress that each side had been making in the Space Race.  Many different means of communications were used.  The Americans were actually able to broadcast Neil Armstrong’s historical landing on the Moon live, thus forever changing the concept and procedure of how events would be transmitted  in the future.  Even though, television broadcasting was the most obvious means in this subtle war of communications.  Exchanges also took place using other means, such as press releases issued from the various press agencies and most insidiously through the use of posters which were tangible proclamations that announced the various scientific developments that were taking place on both parts.

The Soviets, confident due to the fact that they had been the first to send a man into space took  a  psychological advantage of their supremacy by using very aggressive forms of communications towards the Americans.  However, it is interesting to note that the counter attacks by the United States and the National Aeronautics Space Agency (NASA) were just as strong.

In the poster n.1,  the public could see that the globe (recognizable by the meridians and parallels designed), surrounded by outer space (understood by the representation of many stars). In the foreground, we see the triumphant pose of a gigantic Soviet cosmonaut announcing Soviet power and supremacy.  It is interesting to focus on the cosmonaut’s expression- it is not a look of neither joy, nor awe nor incredulity but it is one of a person who knows and recognizes his own strength and power. He is not smiling; he is simply telling  the world that he knows that the mission that had been set by the Soviets has been accomplished and that the Soviet bloc is ahead of the Americans. We can say that he is gloating about his country’s accomplishments. In this context, the point is clear, starting with the symbol of the Communist party , in other words the hammer and the sickle that stand out in the image. The two symbols emerge in the Cosmonaut’s taut muscles which underline the strength of the Russian people, who with their predominance will take Communism to heights that had never been reached before that moment; making it a type of world symbol (if we look carefully, we can see that the two symbols were placed ABOVE the earth and this was done with purpose).  The image is then completed with  a caption in Cyrillic that encompasses the world which states, “long life to the Soviet population, the space pioneers!”  The message that Soviet opinion makers wanted to diffuse was very clear; the presence of Yuri Gagarin in orbit was not his own personal victory  nor was it the victory of the scientific team that worked on the project, but it was the victory of the whole Soviet population.  Upon a closer look at the poster, it is important to reflect on the cosmonaut’s face.  He cannot be recognized, he does not depict a specific person, but he represents the whole community of the Soviets that has imposed its scientific discoveries on the rest of the world.

The Soviet propaganda machine however, could be even more straightforward.  The second poster was issued on the third anniversary of the Sputnik launch and it shows a Sputnik (soviet spaceship whose propulsion comes from the symbol of the regime, the ever present hammer and sickle). The spaceship leaves behind a “hot spot” which we presume is well-known and recognized and it propels itself with great arrogance towards the unknown world of outer space.  The writing or caption, in cursive Cyrillic script states, “We were born to make your dreams come true.” The dreams that the poster cites seem quite obvious, in other words the conquest of outer space. However, upon a closer look, we can interpret the caption in another way, in other words, the dream of uniting the world under the command  of Communism[1].  So we can say that the missile does not depart from a specific geographical area but from an indistinct orange-colored mass, that represents the planet Earth.  Above the Earth we find the rising imperial and imposing symbol of Communism itself, projected towards a new era and towards a new future after having resolved the conflicts on the planet Earth, making it a safe and peaceful place to live.

After suffering such an affront, the Americans commenced their counter-attack.  It began with President, John F. Kennedy’s speech in 1962 where he declared:  “We choose to go on the moon in this decade and do the other things, not because they are easy, but because they are hard, because that goal will serve to organize and measure the best of our energies and skills, because that challenge is one  that we are willing to accept, one we are unwilling to postpone, and one which we intend to win, and the others, too.”[2]

Obviously, following Kennedy’s speech, NASA knew that they could no longer make any mistakes and succeeded in the feat that represented the apex of the so-called “space race,” in other word, putting man on the Moon.

This time it is the Americans turn to issue a victory poster. The message that the  American poster  represents their supremacy over the Soviet forces, who had failed in their endeavor.  As we can see in poster number 3, the image celebrates Man’s landing on the Moon.   We immediately note the aggressiveness of the image. The three astronauts are standing in a warrior-like position after winning  a victory on a battlefield; two of them are holding rifles, while the third one is engaged in planting the American flag on lunar soil, obviously after having removed and ripped up the Soviet banner.  In the distance, we can see the Earth and we can clearly identify the North American continent, the homeland of the victorious soldiers involved in the fight against Communist forces.  There is no need to interpret the caption as it is self-explanatory, clear and highly aggressive towards the Communists.  The Moon must be saved from Communist threat and in order to do this, the only solution is the presence of the invincible US SPACE MARINES.   In the poster, we can almost feel the United States pride, the  flying flag is the perfect testimonial in the fact that the nation was able to win forever the scientific battle against the enemy.  It represents a county that is ready to fight its enemy on any field and in any sector especially when the nation’s superiority is questioned.  Adversaries are eliminated without any mercy.  To continue the parallelism between American and Soviet propaganda (communications) it is also correct to take into consideration the commemorative poster of the 1969 accomplishment, as we looked at the Sputnik success in an earlier paragraph of this paper.

Poster number 4 represents the final results of the concepts previously stated in poster number 3, in other words, in the long run, the United States always win.  This poster is highly significant, in the background we can see the waving American flag, while in the foreground we can see six figures, in the right we can see one of the American founding fathers recognizable from his style of clothing and hairstyle, telling the viewer that America’s past is a vital part of the country’s present.  In the lower left-hand corner, we can see young people and children that represent America’s future; it is important to highlight that among the children there is a black child, that exemplifies the fact that the United States is the land of opportunity for all.  In the center we see the States’ present, in other words the country’s victory in the “Space Race.” A soldier is shown saluting the flag.  All the figures are gazing upwards in a trusting way, aware of the fact that the nation’s future will be full of glory and victory in the eternal battle against the forces of evil, that is to say the Soviet forces.  It is a poster that makes a strong impact on viewers, there is no need for a caption as we saw in the previous three posters that we took into consideration and analysis.  This poster shows the majesty, the power and the history of the Nation, without wasting time to give explanations that  in any case would appear superfluous. In order to understand what the United States represent, the viewer only needs to look at the Nation’s flag, past,  present and  future in its most splendid form.

Having given a brief analysis of the various images, we can now look at analyzing the similarities and differences between them.   First of all, both the American and the Soviet posters are characterized by a heavy use of political symbols: the hammer and sickle on one hand and the Stars and Stripes on the other.  Both emphasize the main characters involved in the Space Race, in other words the astronaut or in Soviet terms, the cosmonaut.

Let’s now look at some differences, for the Russians, the cosmonaut represents the population (the face is unrecognizable), for the Americans the astronaut is a part of society, in other words, a warrior who has been called upon to fight in a war for scientific and technological supremacy.  Hidden behind this initial observation is the basis in itself for the ideological differences between the two super powers.  On one hand, man is seen in his totality and therefore a metaphor of his nation which is united in imposing its scientific  knowledge on others.  While on the contrary, the Americans give importance to the individual, first seen as a warrior and then as an example for future generations.

At a first glance, what appears to be a slight difference actually sums up eloquently the main differences of the opposing ideologies.  Another difference that emerges regards the use of colors and light/shadow images.  In the Soviet posters the image is clear, surrounded by celestial obscurities, almost underlying the efforts made by the Russians to guarantee their cultural superiority.  However, in the American posters, brilliant colors (reds, oranges and blue) are used to recall the feeling of celebration to underline the Americans pride in obtaining their victory and their first step on the Moon.

In conclusion, each nation tried to assert its supremacy using every available means.  In particular, communications and mass media were the best method to make any message readily widespread.  Through the use of posters that concentrated on the “Space Race,” both the Soviets and the Americans also wanted to diffuse not only their scientific advancements, but to also communicate their ideological differences.  This means of communications  was extremely effective in a period spanning from the late 1950s to the early 1970s when diffusing a message was so much more complex than it is today.  Posters were immediate and clearly delivered their message using symbols that were readily understood by millions. In today’s face paced communications industry, those posters would have very little influence or impact, but at that time in history they were the most efficient and effective means of conveying the countries’ messages, both in terms of scientific discovery and above all in terms of ideologies.

Giovanni Pallotta


[1] The exporting of Communism in the world is the main aim of Soviet policy since
the days of Trotsky (1879-1940)

[2] John F. Kennedy, Speech at Rice University, Houston, September 12, 1962

Foto: il Pianeta Terra è del Telegraph, le lmmagini dei poster sono state fornite dall’autore

L’ascesa cinese in Asia Centrale/3, Mentesana

By Valentina Mentesana

2.2. Cenni sull’evoluzione dei rapporti con l’URSS (poi Russia)

I rapporti tra Cina e Unione Sovietica non sono mai stati idilliaci a causa delle controversie legate ai confini, ma un ulteriore inasprimento si è registrato nel 1954 quando il governo di Pechino ha pubblicato una mappa in cui parti dell’attuale Kazakistan, del Kirghizistan e del Tagikistan venivano raffigurate come parti integranti del territorio cinese.

Contestualmente Mao Tse Tung accusò pubblicamente la Russia zarista di aver proceduto unilateralmente all’annessione dei suddetti territori negli anni ’80 del XIX secolo.

I rapporti tra le due potenze sicuramente più influenti dell’area rimasero tesi almeno fino al 1987, quando Mosca e Pechino avviarono formalmente un dialogo per risolvere la disputa territoriale sui confini. Furono, poi, gli eventi internazionali a provocare un’ulteriore brusca frenata ai negoziati e la Repubblica Popolare Cinese, di fronte allo smembramento dell’Unione Sovietica del 1991, iniziò a manifestare apprensione circa la sorte dei confini che prima condivideva con la stessa. Il crollo dell’URSS, infatti, fece sorgere una serie di Repubbliche Autonome che vennero a sostituirsi alla prima in quanto Stati confinanti della Cina.

Nello specifico, dopo il 1991, la Repubblica Popolare Cinese si ritrova a condividere i propri confini occidentali con Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan. Preventivamente, nell’agosto 1991 il vice premier cinese Wang Zhen aveva ordinato all’Esercito Popolare di Liberazione dello Xinjiang, la regione nordoccidentale della Cina direttamente confinante con l’URSS, di “formare un muro d’acciaio per salvaguardare il socialismo e l’unificazione della madrepatria”.

Attualmente Russia e Cina condividono alcuni obiettivi fondamentali e si sa che la presenza di un nemico esterno solitamente contribuisce alla coesione dell’alleanza. In questo caso specifico, al di là delle minacce non convenzionali alla sicurezza e alla stabilità dell’area, Cina e Russia si preoccupano di contenere l’influenza statunitense nella regione. A questo proposito, nel luglio 2001 Vladimir Putin e Jiang Zemin firmarono il Trattato di Buon Vicinato, Amicizia e Cooperazione.

2.3. Gli obiettivi della politica estera cinese

L’agenda politica cinese dei primi anni ’90 annoverava tra le principali preoccupazioni del governo di Pechino il mantenimento della stabilità dello Xinjiang, la regione che, come già precisato, confina direttamente con tre delle neonate repubbliche centroasiatiche (Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan) e della cui peculiarità si tratterà nel proseguo del testo. Nel corso degli anni ’90, la Cina ripensò più volte la sua strategia politica ed inserì tra le problematiche presenti in agenda almeno altri tre aspetti: le questioni energetiche, la rivitalizzazione del commercio lungo la Via della Seta e le minacce legate a terrorismo internazionale, estremismo religioso e traffico di droga e di esseri umani. Dopo l’intervento statunitense in Afghanistan dell’ottobre 2001, la Cina ha dovuto rivedere le sue posizioni anche in funzione della competizione con questo nuovo attore dell’area.

Va ricordato che la Cina si era pubblicamente riavvicinata agli Stati Uniti per la prima volta nel 1997 quando il successore di Deng Xiaoping, Jang Zemin, fece la sua prima visita ufficiale negli Stati Uniti. L’attentato alle Twin Towers di New York verificatosi l’11 settembre 2001 ha contribuito inevitabilmente a rafforzare ulteriormente il legame tra Washington e Pechino. L’allora presidente della Repubblica Popolare Cinese, Jiang Zemin, espresse tutta la sua solidarietà al Presidente Statunitense George W. Bush per l’attacco subito. Nella stessa occasione si schierò apertamente con gli Stati Uniti nella lotta al terrorismo affermando di essere disposto ad accettare qualsiasi decisione il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite avesse adottato per cacciare i Talebani dall’Afghanistan. L’appoggio di Pechino non fu meramente declaratorio in quanto ben presto la Cina aprì un corridoio umanitario per soccorrere la popolazione afgana martoriata dalla guerra e, dopo la sua elezione avvenuta nel 2004, il neopresidente afgano Hamid Karzai fu accolto a braccia aperte a Pechino. Tuttavia, a soli due anni dall’intervento in Afghanistan e a ridosso dell’intervento unilaterale anglostatunitense in Iraq (marzo 2003), il Presidente della Repubblica Popolare cinese Hu Jintao dichiarò che per gli Stati Uniti l’11 settembre 2001 era stato solo un pretesto per dare sostanza alla strategia della guerra preventiva. Benché al momento del suo insediamento il neopresidente cinese Hu Jintao dichiarò che in futuro non ci sarebbero stati cambiamenti nella politica estera cinese, nella realtà dei fatti la variazione nella percezione circa la reazione statunitense all’attacco subito fu solo il primo di una serie di continui aggiustamenti che vennero apportati alla linea politica della Repubblica Popolare Cinese. Il cambiamento di rotta di Pechino è imputabile principalmente alla decisione angloamericana di intervenire in Iraq, ma l’opposizione cinese, a differenza di quella francese e tedesca, non si concretizzò con pubbliche manifestazioni di dissenso, ma semplicemente attraverso la mancanza di dichiarazioni di appoggio all’intervento in Iraq, un atteggiamento che potremmo definire come “dissenso defilato”.

Si trattò di un momento topico per Pechino perché la dirigenza del Partito Comunista Cinese si trovava a dover approfondire e definire nuovamente una delle minacce che da sempre turbavano la governance del Paese, uno dei “tre mali” (i “tre mali” annoverati anche tra gli obiettivi della SCO sono: separatismo etnico, estremismo religioso e terrorismo) che affliggevano l’area: il terrorismo. Fino all’11 settembre 2001 il governo centrale aveva sempre considerato il terrorismo come una minaccia reale presente soprattutto nell’area nordoccidentale del Paese, nell’area compresa tra lo Xinjiang e i vicini Stati di Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan. Per Pechino quella del terrorismo non era una categoria universale, non era possibile generalizzare e ricondurre ogni singolo episodio di violenza nel mondo a tale insieme. Secondo la dirigenza del Paese gli atti di violenza nel Medio Oriente non potevano essere assimilabili agli atti di terrorismo puro che si verificavano in Tibet né agli attentati di matrice indipendentista della Cecenia. Oltre a questa profonda divergenza di contenuti, le posizioni di Pechino e Washington differivano profondamente anche per quanto riguarda gli strumenti da utilizzare per combattere il terrorismo. In quest’ottica l’intervento statunitense in Afghanistan prima e in Iraq poi si discostava nettamente dalla volontà cinese di affrontare la questione con l’arma della diplomazia.

Nel settembre 2011 la dirigenza del Partito Comunista Cinese pubblicò il “Libro Bianco sullo sviluppo pacifico” nel quale si annoveravano i core interest cinesi non negoziabili. Questi erano:

  • sovranità statale
  • sicurezza nazionale
  • integrità territoriale e riunificazione nazionale
  • conservazione del sistema politico stabilito dalla costituzione cinese e della stabilità sociale complessiva
  • tutela di uno sviluppo socioeconomico sostenibile

2.4. Quali gli sviluppi futuri?

E’ possibile affermare, quindi, che negli ultimi vent’anni si sia verificato il passaggio da una formulazione puramente ideologica della politica estera, basata sulla difesa dei comuni valori del comunismo o comunque sulla contrapposizione dei due blocchi, a un’impostazione decisamente opportunistica.

(altro…)

La regione del Grande Mar Nero a cavallo tra Europa e Asia; focus sulle interrelazioni con la Bulgaria, A.Miykova/5

By Anna Miykova

Cap 1.4 della tesi “La regione del Grande Mar Nero a cavallo tra Europa e Asia; focus sulle interrelazioni con la Bulgaria” (Anna Miykova)

La Bulgaria

La Bulgaria occupa una regione – quella dell’Europa Sud-Orientale – di enorme valenza strategica e storica, a diretto contatto con quei Balcani che hanno prodotto complesse e spesso tragiche pagine nella storia delle relazioni internazionali contemporanee. Investita solo marginalmente dalle guerre dell’ex Jugoslavia, costituisce, infatti, un elemento cruciale per il futuro assetto di questa regione, in attesa che si chiarisca il futuro di Serbia e Croazia. Ma soprattutto, esso segna la fine di quella “sindrome di Yalta” che la vedeva subire passivamente le decisioni delle Grandi Potenze dopo la sconfitta nella Seconda Guerra Mondiale e la successiva accettazione di una pace “imposta”.

Grazie a numerosi obiettivi comuni – ingresso nella NATO e nell’Unione Europea – la Bulgaria come anche la Romania hanno compreso che, cooperando, possono rilanciare il proprio ruolo di ponte tra Europa e Mar Nero e contribuire ad accrescere la sicurezza in tutto il Sud Est Europa.

Le relazioni che la Bulgaria ha intrattenuto con gli Stati della regione non sono sempre state improntate sulla cooperazione e, al contrario, vi sono stati numerosi conflitti, che non sempre si sono risolti a suo vantaggio: la storiografia bulgara riporta in particolare 3 tappe storiche che definisce come i ricordi più dolorosi nella coscienza nazionale.

Il “primo disastro nazionale” fu la Seconda Guerra Balcanica o guerra interalleata, nella quale lo Stato dovette rinunciare a importanti possedimenti territoriali. Con il Trattato di pace di Bucarest il governo di Sofia cedette alla Romania la Dobrugia meridionale; la Serbia e la Grecia (in precedenza alleate nella Lega Balcanica insieme alla Bulgaria in funzione anti-ottomana) si spartirono di fatto la Macedonia, ricevendo rispettivamente la regione del Vardar con la città di Skopje e la regione egea con la città di Salonicco, mentre la Bulgaria ricevette solamente i territori di Pirin, con uno sbocco sul Mar Egeo nella Tracia Occidentale.

Anche il Trattato di pace con la Turchia sferrò un duro colpo ai suoi possedimenti in Tracia Orientale, inclusa la città di Odrin, che ricadde quasi interamente sotto l’influenza ottomana ad eccezione di Malko Tarnovo, Svilengrad, Tsarevo e i suoi dintorni.

Di fatto, la Bulgaria che prima delle guerre balcaniche era di gran lunga superiore ai suoi vicini sia per popolazione che per territorio, e che aveva dato il maggior contributo militare alla vittoria contro l’Impero Ottomano, fu superata dopo i trattati di pace dai suoi ex-alleati ottenendo una parte risibile dei territori liberati.

Il “secondo disastro nazionale” si manifestò alla fine del primo conflitto mondiale con nuove pesanti perdite non solo in termini territoriali ma anche economici, sociali e strategici. In seguito al Trattato di pace di Neuilly-sur-Seine, il territorio bulgaro che nel 1916 corrispondeva a 114 425 km² ( di cui 111 837 km² in base al Trattato di Bucarest del 1913 e 2 288 km² in forza alla Convenzione bulgaro-turca del 1915) venne ridotto di 279 km² e nel dopoguerra ricopriva un territorio di soli 103 146 km² .

Le clausole territoriali del trattato disponevano le seguenti modifiche territoriali :

i. il ritorno della Macedonia vardarica alla Serbia (trasformatasi nel 28 luglio 1918 in Regno serbo-croato-sloveno) e l’annessione dei distretti di Tsaribrod, Bosilegrad e Strumitsa sul confine tra i due Stati.

ii. il ritorno della Macedonia egea alla Grecia (la quale, peraltro, non era mai stata occupata dalle truppe bulgare ad eccezione della regione di Drama e il porto di Kavala);

iii. in ultimo, il ritorno della Dobrugia meridionale sotto la sovranità della Romania che l’aveva ceduta alla Bulgaria nel trattato di pace del 1918 tra la Quadruplice Alleanza e la Romania.

In altre parole, in soli 7 anni (1912-1919) la Bulgaria subì un brusco declassamento da maggiore Stato dei Balcani (escludendo dal computo le “forze esterne” come la Sublime Porta o la Romania) a Stato “più insignificante” in base agli indicatori quantitativi di territorio e popolazione, seconda solo all’Albania.

La dimensione umana delle perdite contava, invece, più di 150 000 morti e 250 000 feriti, aggravando il problema demografico con l’arrivo di decine di migliaia di profughi provenienti dai territori perduti. Secondo alcune stime del 1920 in Bulgaria vivevano oltre 250 000 profughi macedoni, 200 000 provenienti dalla Tracia occidentale e orientale e 40 000 dalla Dobrugia.

La sconfitta della Prima guerra mondiale portò in seguito a profondi cambiamenti politici: in Bulgaria, come d’altra parte in molti altri paesi dell’Europa, si inasprirono i conflitti sociali, il tradizionale sistema politico fu sottoposto a dura prova e comparirono nuove tendenze in politica estera. Ma, più di tutti, le manifestazioni che avrebbero lasciato la traccia più duratura e profonda non erano di natura economica, militare o politica ma toccavano da vicino la coscienza della nazione: “la Bulgaria ha vissuto una nuova catastrofe nazionale e questa parola resterà nel vocabolario, nelle menti, e nella mentalità di tutti”.

Infine, “La terza sconfitta nazionale” si manifestò durante il successivo conflitto mondiale che, dopo un’iniziale posizione neutrale della Bulgaria, la vide schierarsi con le potenze dell’Asse Tripartito. Il governo bulgaro fu presto allettato dalla garanzia di riprendere, dopo la sconfitta della Grecia, la Tracia occidentale e parte della Macedonia egea. Pur non partecipando direttamente alle azioni militari condotte dall’Asse contro la Jugoslavia e la Grecia, occupò con 3 divisioni la Macedonia vardarica e la Tracia occidentale al fine di liberare i reparti tedeschi che potevano essere utilmente utilizzati su altri fronti. Dopo la capitolazione italiana, nel settembre del 1943 e i bombardamenti anglo-americani su Sofia nell’inverno tra il 1943 e il 1944 il destino del paese sembrava predestinato.

La sua posizione fu ulteriormente peggiorata dalla morte prematura di re Boris III il 28 agosto del 1943, che creò tanto scompiglio nella vita politica del paese quanto quello portato dalle disfatte tedesche nei diversi fronti del conflitto. Anche le timide manovre diplomatiche del governo non servirono a evitare la sconfitta. Nel Trattato di pace di Parigi concluso il 10 febbraio 1947, la Bulgaria venne nuovamente annoverata nel numero dei paesi sconfitti benché avesse partecipato all’ultima fase della guerra contro la Germania nazista. Le clausole militari disponevano una forte riduzione delle sue forze armate e l’obbligo di corrispondere alla Jugoslavia e alla Grecia 70 milioni di dollari sotto forma di riparazioni di guerra.

Ne conseguono due considerazioni principali. In primis, il fatto che la Bulgaria fosse riuscita a preservare i suoi confini e addirittura ad allargare il suo territorio rispetto al precedente Trattato di Neuilly – includendo la Dobrugia meridionale in base al disposto del Trattato di Craiova – rappresenta la causa principale per cui la sconfitta nel terzo conflitto consecutivo non venisse considerata alla stregua di una catastrofe nazionale. Inoltre, essa fu l’unica nazione tra le alleate europee della Germania nazista a non dichiarare guerra all’URSS e a condurre relazioni diplomatiche con Mosca fino al 5 settembre 1944. Fino al mese successivo, quando le sue armate vennero incluse nelle azioni militari della coalizione anti-nazista, non prese parte a reali operazioni di guerra e non ebbe vittime civili se non quelle provocate dai bombardamenti anglo-americani.

Nonostante ciò, i tratti positivi della politica bulgara non possono celare la verità: dopo la Seconda guerra mondiale essa si ritrovò nuovamente seduta al “banco degli imputati” delle nazioni vinte. Questo evento servì, ancora una volta, per confermare i complessi della politica estera, e la “sindrome della via sbagliata” anche nei confronti delle nazioni del Mar Nero.

Ma questo non è tutto. Alla nazione bulgara sarebbe toccato vivere, dopo mezzo secolo, una nuova pesante delusione. La fine della Guerra Fredda tra il 1989-1991, benché priva delle cicatrici tipiche delle disfatte militari e di una conseguente Conferenza di pace portò a cambiamenti fondamentali nelle relazioni globali tra le potenze, fissando in tal modo il complesso della “via sbagliata”. Uno dei principali insegnamenti da trarre dalla posizione nella quale si trovò la Bulgaria dopo il 1990, fu che, per la quarta volta consecutiva nella sua storia aveva “scelto” in modo erroneo il proprio alleato – in questo caso l’Unione sovietica – e che in conseguenza a ciò, era costretta a ricominciare tutto da capo, anche se – a dire il vero – la presenza dell’Armata Rossa sul suo territorio aveva reso questa scelta priva di alternative.

Anna Miykova

Seguirà: La Bulgaria dopo il secondo conflitto mondiale

Il post precedente è al link La regione del Grande Mar Nero a cavallo tra Europa e Asia; focus sulle interrelazioni con la Bulgaria, A.Miykova/4

Mappa fornita dall’autrice

Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/2

By Marco Antollovich

Cap.1 della tesi “Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente” (M.Antollovich)

La Georgia senza l’Unione Sovietica. Dalla caduta dell’Urss

La nuova politica di apertura di Gorbaciov, basata sulla triade uskorenie, glasnost, e Perestrojka (accelerazione, trasparenza e rinnovamento) aveva dato inizio a una serie di spinte centrifughe che il segretario generale non volle o non poté controllare: uno dei punti chiave della perestrojka era costituito infatti dalla distinzione tra ruolo del partito e ruolo dello stato, il che rendeva la struttura dell’Urss sempre più decentrata, politicamente ed economicamente.

Come analizza correttamente Hobsbawn ne “Il Secolo Breve” fu la combinazione di glasnost e perestrojka a risultare fatale per l’Unione Sovietica: la lotta alla Nomenklatura, attraverso lo smantellamento del sistema a partito unico (glasnost), unita a una radicale riforma dell’economia sovietica, distruggeva un sistema consolidato dal 1928 attraverso i piani quinquennali.

Dal 1989 in poi venne meno infatti quella che veniva definita come la “linea generale di condotta” fornita dal vertice, né ad essa seguì una nuova politica economica, com’era stato per la NEP del 1924: la costruzione di una struttura libero-mercantilistica su modello occidentale poggiava quindi su delle fondamenta deboli.

Il passo dalla decentralizzazione al caos fu pertanto breve, poiché “Il sistema direzionale del partito restava essenziale in un’economia dirigista, per quanto fosse corrotto e parassita. L’alternativa all’autorità del partito non era l’autorità democratica e costituzionale, ma, in tempi brevi, l’assenza di ogni autorità” (Eric J. Hobsbawn, Il Secolo Breve).

A ciò si venne ad aggiungere un crollo strutturale dell’apparato economico tra l’ottobre del 1989 e il maggio del 1990.

La lotta alla Nomenklatura e la riduzione del potere del PCUS ebbero tuttavia conseguenze devastanti per l’immagine dell’Unione Sovietica, andando ad attecchire dapprima al di fuori del territorio nazionale, nei cosiddetti “Stati Satellite”: durante la seconda metà del 1989, in un lasso di tempo brevissimo conosciuto come “Autunno delle Nazioni” o “Autunno delle Rivoluzioni”, una serie di proteste pacifiche pose fine all’esistenza di tutti i partiti comunisti dell’Est Europa.

L’effetto domino che ebbe inizio nella Polonia di Lech Wałęsa e Karol Wojtyła dilagò in poco tempo anche in Cecoslovacchia, Ungheria, Romania, Bulgaria, DDR e Romania, Jugoslavia ed Albania.

Quando l’ondata di manifestazioni e di proteste si estese anche alle tre vicine Repubbliche Baltiche, i moti nazionalistici arrivarono, per la prima volta, anche in territorio sovietico.

La mancanza di un’autorità centrale fece sì che i movimenti nazionali, sorti negli anni ’80, prendessero sempre più piede nelle singole repubbliche dell’Unione Sovietica: i fronti nazionalistici fondati in Lituania, Lettonia, Estonia, Armenia e Georgia avevano infatti goduto di maggiore libertà politica grazie alla glasnost e, conseguentemente, di una maggiore libertà d’azione.

Tali movimenti erano nati, in principio, come contestazione del ruolo egemone dei vari Partiti Comunisti locali, con l’obiettivo di ottenere una maggiore partecipazione alla vita politica nazionale e una primitiva forma di pluripartitismo. Fu solo dal 1988 in poi che le proteste nei Paesi Baltici assunsero una piega anti-sovietica e più marcatamente anti-comunista: sebbene infatti le tre Repubbliche Baltiche gravitassero nell’area russo-sovietica dal XVIII secolo e fossero presenti minoranze russe non trascurabili in tutti i maggiori centri urbani, esse al tempo stesso vantavano una storia, una lingua e una tradizione differenti da quella russa.

La contestazione dell’annessione forzata dei tre territori in seguito all’invasione del 1940 era il presupposto legale per confutare la liceità della presenza sovietica e proclamare unilateralmente l’indipendenza.

Come le tre Repubbliche Baltiche, anche le tre Repubbliche Caucasiche, 2.500 chilometri più a sud, vantavano le stesse mire secessioniste, ma con motivazioni alla base di tutt’altro carattere.

Il Caucaso, da sempre terra multi-etnica e complessa, avrebbe riscontrato difficoltà infinitamente maggiori a svincolarsi dal giogo di Mosca, a trovare un equilibrio interno con le minoranze e a risollevarsi da una situazione economica che l’economista georgiano Vladimer Papava ha tristemente definito come una “ necroeconomia ”, ovvero un’economia morta.

Marco Antollovich

Seguirà L’indipendenza del Caucaso

Il post precedente è al link: Tra Russia e Stati Uniti. Storia della Georgia indipendente, M.Antollovich/1

Mappa dell’autore

Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO, L.Susic/6

By Luca Susic

Capitolo 1.2.3 della tesi “Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO” (L.Susic)

1.2.3 L’uranio

I principali giacimenti di uranio dell’Asia Centrale sono concentrati in Kazakistan e Uzbekistan.

Prima di descrivere con maggiore precisione le dimensioni del settore estrattivo in questi due paesi, reputo sia necessario dedicare uno spazio alla situazione potenzialmente catastrofica del Kyrgyzistan, il cui centro estrattivo di Mailuu-Suu è stato ampiamente sfruttato dall’URSS nel periodo 1946-1968 (e il cui uranio è stato utilizzando per la costruzione della prima bomba atomica sovietica).

Quando la miniera fu chiusa, i Sovietici lasciarono nelle sue vicinanze 1.96 milioni di metri cubi di scarti radioattivi, ammassati in 23 enormi discariche a cielo aperto. Considerate le caratteristiche della zona, che è densamente popolata, sismicamente instabile e ricca di corsi d’acqua, si trattò di una scelta apparentemente inspiegabile, come confermato dal dottor Asangalievich, scienziato all’Accademia Nazionale Kyrgyza delle Scienze:

the methods of waste disposal ignored basic environmental protection policies, and information about associated risks was withheld from the general public”.

L’evidente negligenza sovietica rischiò di essere la causa di due disastri naturali:

  • nel 2002 uno smottamento di ampie dimensioni bloccò il corso del fiume Mailuu-Suu, rischiando di sommergere parte dei rifiuti stoccati in zona;
  • nel 2005, un terremoto a cui seguì la caduta di circa 300mila metri cubi di terreno non ebbe conseguenze drammatiche solo perché la massa di detriti cadde nuovamente nel corso d’acqua, evitando per poco gli scarti radioattivi.

Le conseguenze negative per la salute furono chiaramente determinate nel 1999 da uno studio medico dell’Istituto di Oncologia e Radioecologia Kyrgyzo, secondo cui il tasso di tumori dell’area di Mailuu-Suu era doppio rispetto a quello del resto del paese (172.2 casi su 100 mila individui contro 93.5 su 100mila).

L’evidente necessità di procedere ad una bonifica del territorio ha fatto intervenire anche la Banca Mondiale, che nel 2004 ha fornito un contributo di 5 milioni di dollari, a fronte dei 15 milioni necessari a completare il lavoro. Bishkek, a partire dal 2008, ha cominciato a provvedere a spostare gli ammassi di materiale contaminato in zone più sicure che, però, si trovano anch’esse vicino a zone abitate. Gli interventi, comunque, hanno portato a risultati positivi, come testimoniano le riduzioni del 48-65% della presenza di uranio nell’acqua potabile e del 38-55% dell’esposizione a radiazioni o gas radon all’interno delle abitazioni.

Tornando ai paesi attualmente produttori, l’Uzbekistan è sede di attività estrattive dal 1952, anno in cui fu aperto un sito nella parte centrale del deserto del Kyzyl Kum. Le riserve di uranio di questo paese (conosciute e stimate) sono cresciute notevolmente nel periodo 2008-2010 grazie a un più attivo lavoro di ricerca geologica, e sembrano essersi attestate attorno alle 137 mila tonnellate, quantità ritenuta inesatta dall’Uzbekistani State Committee for Geology and Mineral Resources (Goskomgeo), che propende per oltre 185 mila tonnellate.

L’estrazione viene realizzata esclusivamente dal Navoi Mining and Metallurgic Complex (NMMC), un organismo di Stato. Quest’ultimo ha siglato svariate joint venture con società estere, ma non ha mai delegato le operazioni di scavo, su cui esercita un rigido controllo attraverso l’Uzbekistani State Committee for Safety in Industry and Mining (Gosgortekhnadzor).

Diversa è la situazione in Kazakistan, leader mondiale nella produzione di uranio sin dal 2009. La capacità di espandere notevolmente il settore, che è un’importante voce dell’economia nazionale da oltre cinquant’anni, è conseguente al fatto che Astana, a differenza di Tashkent, ha saputo sfruttare al meglio i forti interessi di alcune società estere ad investire nel paese.

Con quest’ultime sono state formate 12 joint ventures per gestire altrettanti progetti estrattivi, mentre solo 5 impianti sono interamente controllati dalla Kazatomprom, la compagnia di Stato. Tale politica ha permesso di incrementare l’output annuale di quasi dieci volte, passando dalle 2.022 tonnellate del 2001 alle 19.450 del 2011, quota aumenta ulteriormente nel 2013, quando la Kazatomprom ha coperto da sola il 37% della produzione mondiale.

L’enorme quantità di questa risorsa ha portato il Governo Kazako a valutare seriamente l’ipotesi di aprire una nuova centrale atomica, di cui il paese è privo in seguito alla chiusura di un reattore russo attivo dal 1972 al 1999.

L’uranio kazako è, al momento, destinato in prevalenza ai mercati dell’est asiatico, ma se le previsioni della World Nuclear Association (WNA) dovessero essere esatte in futuro esso raggiungerà anche i mercati occidentali, USA inclusi.

Luca Susic

Seguirà Cap 2: La politica estera Statunitense in Asia Centrale

Il post precedente è al link Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO, L.Susic/5

Mappa greenreport.it

Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO, L.Susic/2 By Luca Susic

By Luca Susic

Capitolo primo e primo paragrafo della tesi “Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO” (L.Susic)

Capitolo 1: L’Asia Centrale

Per Asia Centrale si intende la regione che si estende dal Mar Caspio sino al confine occidentale della Cina. Essa è delimitata da Russia (a Nord), Iran (a ovest), Afghanistan (a Sud) e Cina (a Sud-Est). A livello statale la regione è divisa fra 5 repubbliche ex-sovietiche: Kazakhstan, Uzbekistan, Tadžikistan, Kyrgyzstan e Turkmenistan.

In questo territorio si possono identificare essenzialmente quattro tipi di ambiente: le steppe verdeggianti del Kazakistan, la zona del bacino del lago d’Aral, la fascia desertica, che occupa circa il 60% della regione e copre quasi totalmente il Turkmenistan e l’Uzbekistan, e la catena dei monti Altaj, che fungono da confine naturale con Iran, Afghanistan e Cina. Il clima è generalmente caratterizzato da estati calde e inverni freddi, con scarsissime precipitazioni, fattori che hanno spinto la popolazione a insediarsi prevalentemente lungo i corsi dei fiumi o ai piedi delle montagne del sud-est, evitando le parti orientali di Kazakistan, Uzbekistan e Turkmenistan.

Dal punto di vista storico, questi cinque Stati costituiscono la parte occidentale dell’antica “Nazione dei Turchi”, il Turkestan appunto, che comprende, nella sua interezza, anche la regione del Sinkiang, appartenente alla Cina e popolata dagli Uiguri. In questo scritto, per brevità, con Turkestan si intenderanno le cinque Repubbliche nate dallo scioglimento della Repubblica Autonoma Socialista Sovietica del Turkestan nel 1924.

L’Asia Centrale, con una popolazione complessiva di circa 63.5 milioni di abitanti e un PIL stimato attorno ai 274.1 miliardi di dollari, rappresenta uno dei centri nevralgici della politica estera internazionale, grazie soprattutto a due elementi: la posizione strategica al centro dell’Asia, nel cuore di quello che Sir Halford Mackinder chiamò Heartland, e l’incredibile quantità di materie prime di cui dispone. Oro, argento, uranio, petrolio e gas naturale non sono distribuite equamente, ma si concentrano nella parte Sud occidentale, creando una ovvia disparità di beni fra le cinque Repubbliche.

1.1 Storia: 1730-1991 [Dall’espansionismo di Anna I alla caduta dell’URSS]

L’importanza strategica dell’Asia Centrale crebbe notevolmente nel momento in cui essa divenne l’obiettivo dell’espansione dell’Impero Russo di Anna I (1730 – 1740) e dei suoi successori. La penetrazione in questo vasto territorio può essere divisa in due parti principali: la prima (1730 – 1848), che riguardò essenzialmente il Kazakistan, colonizzato in un modo che ricorda il Winning of the West di americana memoria, mentre la seconda decisamente più rapida e incisiva, si svolse in un lasso di tempo più breve (1864 – 1884).

Furono gli stessi Kazaki a favorire l’espansione Russa nel loro territorio con la crescente richiesta di protezione da parte della Zarina avanzata dai signorotti locali, che cercavano un alleato potente per vincere le guerre interne. Anna I non si fermò a ciò e iniziò a favorire le spedizioni dei mercanti Tatari, che rappresentavano l’avanguardia del potere Russo e che, grazie alla loro fede islamica, erano culturalmente più vicini alle popolazioni autoctone. Il processo estremamente lento e graduale fu velocizzato dall’ascesa al trono di Nicola I (1825 – 1855), che decise di sottomettere con la forza le orde Kazake e di affermare in maniera definitiva il controllo Russo. La politica di espansione non fu interrotta per decisione dei sovrani, ma a causa dell’insurrezione di Imam Shamil (1834 – 1859) nel Caucaso e della Guerra di Crimea (1853 – 1856). Gli anni successivi, però, videro la netta ripresa dell’espansionismo russo nei confronti dei Kazaki, culminato con la conquista di Tashkent (ora in Uzbekistan) nel 1865. Nello stesso periodo fu deciso di non procedere a un’ulteriore espansione verso sud, al fine di evitare il risentimento Britannico e un’eventuale invasione proveniente dal nord dell’India.

La paura di complicazioni internazionali fu presto sostituita dal desiderio di nuovi territori e nel 1868 le forze Russe si impegnarono ad annettere gran parte dell’Emirato di Bukhara (ora in Uzbekistan), la cui parte rimasta libera divenne de facto un protettorato. Consci della loro schiacciante superiorità i Russi decisero di non attendere oltre e nel giro di otto anni soggiogarono nella stessa maniera anche i ricchi Khanati di Khiva e Kokland (anch’essi ora in Uzbekistan). Nel 1884 cadde anche Merv (nell’attuale Turkmenistan): la conquista dell’Asia Centrale era completata. (altro…)

Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO, L.Susic/1

By Luca Susic

Introduzione della tesi “Gli interessi statunitensi in Asia Centrale: storia recente e partnership NATO” (L.Susic)

Come sono cambiati gli interessi americani in Asia Centrale dall’implosione dell’URSS a oggi? Come sono mutate la strategia e la politica energetica degli USA dal momento in cui George Bush jr. ha deciso di attaccare l’Afghanistan dei Talebani? Come si relazionano gli USA, la Russia e la Cina in questo intricato dedalo di popolazioni e risorse ? Lo scopo di questo scritto è di cercare di analizzare la situazione e di rispondere ai tre quesiti posti, partendo dall’analisi della zona in cui si sta giocando una nuova partita strategica tra superpotenze.

Per realizzare tutto ciò, partirò dalla storia recente dell’Asia Centrale – la parte occidentale dell’antico Turkestan – affinché si possa capire quali sono le eredità lasciate dai periodi zarista e sovietico, soprattutto relativamente agli aspetti che maggiormente interessano la politica statunitense in loco, ossia quelli economici, quelli legati all’integralismo religioso e al nazionalismo. Il dominio di San Pietroburgo prima, e di Mosca poi, è spesso stato criticato a causa degli effetti negativi che avrebbe causato, secondo molti, sulle popolazioni locali.

Nel primo capitolo verrà evidenziato come la colpa per la nascita di alcuni movimenti estremisti non sia imputabile solamente a fattori esogeni.

In seguito il focus si sposterà sull’abbozzata transizione democratica e sul rafforzamento dei nuovi stati. Queste realtà politiche, che non hanno mai avuto organizzazioni moderne e autonome in campo amministrativo, si sono trovate improvvisamente a fare i conti con il vuoto di potere seguito alla caduta dell’URSS.

Da qui l’analisi si sposterà sull’organizzazione economica scelta dalle Repubbliche, cercando di evidenziare a dovere i punti di forza e quelli di debolezza degli Stati dell’Asia Centrale. La molteplicità di risorse naturali presenti, sebbene non equamente distribuite, ha sicuramente favorito il passaggio da un sistema pianificato di tipo socialista a uno più aperto, che però non si può definire ancora di libero mercato.

La necessità di controllare le fonti primarie delle ricchezze nazionali, quali giacimenti di idrocarburi, di oro, di uranio o grandi fiumi, ha fatto sì che il potere reale rimanesse nelle mani dello Stato, visto alternativamente come uno strumento per arricchire l’élite dominante o per resistere alla penetrazione straniera.

Questa organizzazione, chiara eredità dell’URSS, ha comunque gradazioni diverse a seconda del Paese coinvolto e ha condotto a risultati differenti. Da un lato, per esempio, troviamo il Kazakistan che, pur facendo riferimento a grandi imprese statali per la gestione delle risorse, ha saputo aprirsi al capitale straniero e avviare così uno sviluppo di più ampia portata, raggiungendo ottimi risultati in vari settori. Sul versante opposto possiamo annoverare il Turkmenistan, che ha sempre ostacolato l’afflusso di capitali stranieri e cercato di mantenere un rigido controllo sulle proprie risorse. Una siffatta gestione ha chiaramente ritardato lo sviluppo del paese e favorito l’assoluta concentrazione di potere nelle mani del Presidente.

Introdotte, quindi, le caratteristiche dell’area analizzata, il mio elaborato si sposterà verso la politica americana in loco, al fine di poter rispondere esaurientemente ai quesiti posti all’inizio. Questa parte verrà divisa cronologicamente in quattro fasi principali:

I. periodo compreso tra il 1979 e il 2001;

II. cambiamenti apportati alle strategie di Washington dai fatti dell’11 settembre 2001, che hanno reso l’Asia Centrale un entroterra fondamentale per la missione Enduring Freedom;

III. conseguenze per gli USA dei cosiddetti fatti di Andijan, che hanno costretto l’Amministrazione Bush a rivedere i propri piani (2005-2008);

IV. Presidenza Obama e la nuova rotta da lui tracciata. (2009-2010)

La ricostruzione degli eventi sarà realizzata grazie alle pubblicazioni degli esperti in materia, agli articoli realizzati per uso interno delle Forze Armate, alle audizioni delle commissioni del Senato USA e a una mia intervista a un diplomatico statunitense.

Nella conclusione, invece, cercherò di riassumere quanto analizzato e di descrivere brevemente gli avvenimenti recenti, per i quali è possibile trovare informazioni solo attraverso gli articoli di giornale. Lo scopo è quello di evidenziare quelle che sono le ultime evoluzioni della politica in zona, fornendo le basi necessarie per immaginare quali potrebbero essere gli scenari futuri.

Complessivamente si tratta di un lavoro snello, il cui scopo è analizzare criticamente le informazioni accessibili sul ruolo statunitense in Asia Centrale. Purtroppo il materiale a disposizione non è molto e quello reperibile tende a essere ripetitivo o contrastante. L’aspetto più difficile della mia ricerca è stato, quindi, riuscire ad andare oltre ai dati elementari che spesso gli USA forniscono a riguardo, in modo da non limitarmi a osservare i fatti, ma riuscire a capirne le cause. In ossequio alla tradizionale forma della “tesi, antitesi, sintesi” ho cercato di confrontare anche documentazioni dei “rivali” degli USA e ciò mi è riuscito soprattutto per la Russia, di cui ho potuto reperire saggi sia nella in lingua originale che in inglese. Più difficile è stato consultare documenti cinesi, poiché spesso non sono tradotti in lingue occidentali o, se lo sono, tendono a essere vaghi e poco incisivi.

Mi sono quindi basato soprattutto su articoli e saggi poiché le pubblicazioni accademiche in materia non sono ancora sufficientemente diffuse e la qualità di alcuni lavori che ho letto non mi è sembrata eccelsa. La bibliografia, pertanto, sarà ricca di rimandi al web, vera manna per avere accesso a lavori esteri non pubblicati in Italia.

Luca Susic