Lug 18, 2012
138 Views
0 0

Marò, negata traduzione atti giudiziari. Il disappunto del ministero della Difesa: leso il diritto di accesso agli atti processuali

Written by

Il ministero della Difesa ha stigmatizzato il rifiuto del tribunale di Kollam a tradurre gli atti giudiziari relativi al procedimento a carico dei fucilieri italiani del San Marco sotto processo in India, diffondendo ieri 17 luglio una nota stampa dove esprime netto disappunto.

Qui il testo completo della nota del ministero della Difesa:

Il Ministero della Difesa italiano esprime il proprio totale disappunto per la decisione del Tribunale di Kollam, riunito in “session court”, di non accogliere la richiesta avanzata dalla difesa di Latorre e Girone di ottenere la traduzione degli atti giudiziari del procedimento a loro carico. Atti scritti in parte in malayalam (dialetto dello Stato di Kerala) ed a mano; altri in inglese.

In tal modo, gli accusati conosceranno gli atti processuali unicamente in sede dibattimentale ed in frammentato. Una scelta che va contro il diritto universalmente riconosciuto di poter aver accesso agli atti processuali tradotti nella lingua degli imputati.

Secondo il Ministero, viene così impedito il legittimo esercizio alla difesa da parte di Latorre e Girone: principio base di ogni Stato di Diritto.

La scelta operata dal Tribunale di Kollam rientra incomprensibilmente nel reiterato tentativo di impedire quello che, per le leggi ed i trattati internazionali, è considerato il “giusto processo”.

Il 19 luglio, in occasione dell’audizione presso la Corte Suprema di Nuova Delhi per la decisione sulla giurisdizione del caso, l’Italia reitererà la richiesta di sospensione del processo.

Articoli correlati:

Il caso dei Marò in India in Paola Casoli il Blog

Fonte: ministero della Difesa

Foto: AsiaNews

Article Categories:
Forze Armate