Ago 7, 2012
34 Views
0 0

Per i talebani ci vorrebbe un po’ di Brambilla

Written by

By Sugar Lady

Ci vorrebbe un po’ di Brambilla. Un po’ di allegro color Aperol non guasterebbe tra i grigi dissacratori della vita altrui. Così empi da far andare in mille pezzi gli asinelli EOD tra i bambini del mercato. Così impolverati da non scorgere nemmeno il futuro sotto la loro linea inguinale.

La nostra Brambilla nazionale gliela farebbe passare la voglia di imbottire asinelli di esplosivo. Altro che lotta alla vivisezione: l’asinello che ha ucciso l’ufficiale di polizia in Afghanistan è stato indubbiamente sezionato vivo dall’esplosione senza che gli animalisti occidentali neppure se ne rendessero conto!

Caricato di tnt, legato al cancello dove il dead man walking avrebbe parcheggiato e poi fatto esplodere da un telecomando. E puf! Pezzi di carne dappertutto. Manco il tempo di organizzare una sagra paesana con lo stufato d’asino come piatto forte!

A dispetto dei titoli di giornale non credo proprio che questa sia la prima volta che un animale vivo venga fatto esplodere per uccidere uomini, donne e bambini. In Afghanistan come in ogni altro paese di spiriti poveri.

Il fatto di ieri non rappresenta una evoluzione nella lotta dei ribelli. Mica stanno migliorando le tattiche, i poveretti, stanno solo cercando di far passare le loro insignificanti e noiose giornate. Segregare mogli e figlie dopo un po’ non diverte più. C’è come una forma di assuefazione che irrompe minacciosa nelle giornate dei talebani.

Senza musica, poi. E i libri, non parliamone. Una gita al museo? Ma scherziamo! Tette e culi in giro non se ne vedono. Che fare? Se ti abbandoni allo sconforto non ti è concesso neanche un prosecchino con finger food di polenta e salsiccetta.

Mia nonna mi ha sempre detto che chi maltratta le bestie odia gli uomini. I talebani ce lo stanno dimostrando. E sono convinta che anche la nonna della Brambilla glielo dicesse sempre all’amata nipotina, tutta arancione come Pippi Calzelunghe.

Allora forza, Michela Vittoria. Pur se meno verdeggiante, l’Afghanistan è un gigantesco Green Hill!

Sugar Lady

La foto di Michela Vittoria Brambilla è de Il Peggio

Article Categories:
tales