Mar 17, 2013
204 Views
0 0

A laurà, bagai!

Written by

By Sugar Lady

La prossima volta mi faccio pagare. Una bella fatturina, magari come consulenza civica, che alla prossima chiamata al voto porto direttamente al presidente del seggio per il pagamento immediato con bonifico sul conto.

Il voto costa, anche per gli elettori. Rientrare di corsa dal week-end, recuperare la tessera elettorale dalla boite-à-rêves in soffitta, affrontare l’umiliante trafila della registrazione alla cabina elettorale, il tutto dopo essersi sorbiti mesi di campagna elettorale tutta pugnette e niente fatti, costa tempo e dignità. Oltretutto, si parla di almeno un’ora della propria giornata lavorativa. Che per un professionista si calcola in cifre dai due zeri in su.

Nonostante queste considerazioni, anche l’ultima volta siamo andati al voto con tutto l’entusiasmo del caso, accollandoci le spese relative al suffragio senza batter ciglio, come se ci calassimo un prosecchino fresco in attesa della cena.

Il risultato di quell’happy hour sono stati tre galli in uno stesso pollaio, tutti e tre che si azzuffano l’uno contro l’altro, vittime, come sono, dell’invidia del pene. Il tentativo, poi, di sbaragliarne uno con una campagna di persecuzione attuata e legittimata tramite la magistratura, non ha fatto altro che mettere in evidenza l’inadeguatezza dei due galli restanti.

Persone che non hanno neppure l’intenzione di rimboccarsi le maniche per governare. E noi paghiamo. Noi continuiamo a pagare, non solamente con il nostro volontariato in tema di elettorato attivo.

Siccome non sono una benefattrice, e dato che quando pago qualcuno per eseguire un lavoro mi aspetto che il lavoro venga fatto, allora la prossima volta che vado a votare mi faccio pagare io, perché non concepisco che, dato un mandato, questi fannulloni si permettano di perdere tempo in capricci e capriccetti pur di non mettersi seriamente a lavorare e a darci finalmente un governo, quale che sia.

Se questi sono i preliminari, non mi aspetto grande soddisfazione dall’atto che seguirà. Forse una spettacolare ma fugace esplosione erotica sarà il massimo che sapranno dare. A laurà, bagai!

Sugar Lady

La tessera elettorale è di cremonaoggi.it

Article Categories:
tales