Mar 6, 2013
139 Views
0 0

Afghanistan, festa della donna: un giorno non basta

Written by

Non una, ma una serie di iniziative organizzate da governo afgano, ISAF, NTM-A, IJC, NATO Channel propone (e rilancia) in Afghanistan la figura della donna.

Un’intera settimana, che ha il suo fulcro l’8 marzo con l’International Women’s Day, vede la missione a guida NATO ISAF (International Security Assistance Force) unirsi al popolo afgano per le celebrazioni che si snodano su una serie di eventi attraverso tutto il paese.

Il governo dell’Afghanistan, (GIRoA, Government of the Islamic Republic of Afghanistan), ha in programma cerimonie al ministero dell’Interno, della Difesa, dell’Istruzione e degli Affari femminili, tutte nella capitale Kabul.

ISAF ha iniziato le celebrazioni con un panel presso l’ambasciata canadese, una cena a Camp Eggers stasera e una serie di attività all’aeroporto KAIA di Kabul domani, a cura della NATO Training Mission-Afghanistan (NTM-A), mentre ha in agenda un’intervista presso Radio Azidi con una madre/soldato di ISAF e, a seguire, il 9 marzo, una cena afgana con la presenza di donne che occupano posti guida, a Camp Dogan.

L’ISAF Joint Command (IJC) si unisce ai festeggiamenti con interviste presso Radio Sharzard a personale femminile delle forze afgane (ANSF), presso Radio Balkhi sulla situazione delle donne dal punto di vista legislativo, oltre a vari eventi nelle province. Saranno coinvolte anche organizzazioni non-governative, tra cui quella che fornisce abbigliamento sportivo alla squadra di calcio femminile, agenzie delle Nazioni Unite, il Provincial Council di Kandahar.

Da parte sua il NATO Channel metterà in evidenza personaggi di spicco del mondo femminile afgano, dalla rapper all’attrice, fino alla professionalità anche militare delle donne dispiegate in Afghanistan nella missione NATO.

Fonte: ISAF NATO

Foto: End the Neglect

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate · tales