Ott 15, 2013
78 Views
0 0

Carteggio. Il gen Mosca, Comiliter: incidenti automobilistici e condotta alla guida, ma prima di tutto una polizza assicurativa per tutti

Written by

La personale n.21 del generale Alberto Mosca, datata 28 marzo 1964, dal titolo Incidenti automobilistici, si riferisce all’aumento, in quegli anni, del numero di incidenti occorsi sia ad automezzi militari che ad auto di proprietà. Incidenti che spesso, denuncia il generale comandante, vengono catalogati come “fatalità”, ma che, a suo parere, non lo sono affatto.

“Fatalità, un corno!” sottolinea infatti il generale Mosca, ritenendo che circa il 95% di tali incidenti potrebbe essere evitato, a patto che il mezzo sia in forma perfetta.

Ciò significa che tutti le parti meccaniche siano perfettamente funzionanti e in regola, che abbiano ricevuto i giusti controlli e la manutenzione, pneumatici inclusi. Allo stesso modo la velocità dovrà essere congrua, senza per questo intendere, spiega il generale, che “si debba viaggiare sempre a 30 chilometri all’ora”.

D’altra parte, non è neppure il caso di sentirsi dei piloti provetti una volta conseguita la patente: guidare un mezzo, “banalissima azione”, non consente di apparire più “disinvolti” o “spregiudicati. “Andiamo! – scrive il generale Mosca – Ciò poteva essere valido nel 1920! Oggi, figuriamoci! Guidano gli automezzi monache e frati!”.

Il comandante prosegue questa sua “personale” spiegando l’importanza di non apparire negativamente agli occhi della popolazione civile, ma di mantenere anzi alto il senso di responsabilità. Per questo ordina a tutti i comandanti in indirizzo di accertarsi che tutti i possessori di auto siano “coperti da assicurazione” e di segnalare chi invece non lo è. E nella nota a margine, scritta di suo pugno, ordina di fargli avere un elenco di tutti i possessori di automobile per poter verificare l’esistenza di una polizza di assicurazione.

Il carteggio del generale Alberto Mosca in Paola Casoli il Blog

Circolari fornite da Vincenzo Ciaraffa

Article Categories:
Carteggi