COMLOG: 185° anniversario del Corpo Sanitario dell’Esercito, eccellenza in ambito Esercito e Difesa

Verrà celebrato il prossimo 7 giugno il 185° anniversario della costituzione del Corpo Sanitario dell’Esercito, istituito con Regio Decreto nel 1833.

Ne dà notizia il Comando Logistico (COMLOG) dell’Esercito, nel ricordare che “sempre, in ogni epoca e luogo, il personale medico, gli infermieri e gli aiutanti di sanità militari hanno affrontato rischi e dimostrato sprezzo del pericolo operando anche in prima linea a supporto e assistenza dei Soldati italiani in battaglia”.

Il personale sanitario dell’Esercito, continuamente impiegato sia in Patria sia nell’ambito di numerose missioni internazionali, dà costante prova di indiscusse qualità professionali, competenza e altissimo senso del dovere, sottolinea il COMLOG, e si proietta verso nuovi ambiziosi traguardi in stretta sinergia con le altre Forze Armate e con il Sistema Sanitario Nazionale, pronti a confermare, anche nel futuro, il Corpo Sanitario quale assoluta eccellenza in ambito Esercito e del comparto della Difesa.

Tenuto conto dell’importanza della ricorrenza, il Comando di Sanità e Veterinaria dell’Esercito, guidato dal Maggior Generale Antonio Battistini, ha organizzato la cerimonia che avrà luogo alla presenza di alte autorità accademiche, civili e militari, presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza con inizio alle 9.30 di dopodomani, giovedì 7 giugno.

Il programma prevede, dopo gli Onori alla Bandiera di Guerra della Sanità militare a alla Massima Autorità, l’intervento del Comandante di Sanità e Veterinaria, dell’Ispettore Generale della Sanità militare, una lectio magistralis del Magnifico Rettore, prof Eugenio Gaudio, l’intervento del Massima Autorità, la consegna delle onorificenze e, a conclusione, una conferenza dal titolo “Le sfide internazionali della Sanità militare”.

Articoli correlati:

Il Corpo Sanitario dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Il COMLOG Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMLOG Esercito