CME Puglia: l’Esercito tra i giovani alla Carta di Leuca per un futuro migliore

È partito ieri, 5 agosto, dalla cattedrale di Brindisi La Carta di Leuca, un meeting internazionale che, attraverso un cammino lungo le antiche vie di storia, di cultura e di pellegrinaggio, si propone come grande occasione per sollecitare un maggiore impegno di tutti verso la Pace, ha fatto sapere il Comando Militare Esercito (CME) Puglia con un comunicato stampa del 5 agosto.

A dare il via all’attività, che gode tra gli altri del patrocinio dell’Esercito, il Vescovo di Brindisi, Mons Domenico Caliandro, con il Vescovo di Ugento -Santa Maria di Leuca, Mons Vito Angiuli, alla presenza delle massime autorità religiose, civili e militari locali e di oltre 300 giovani provenienti dalle diocesi salentine e da molti paesi appartenenti alla fascia mediterranea, si apprende.

Il Generale di Brigata Mauro Prezioso, Comandante Territoriale dell’Esercito in Puglia, intervenuto alla partenza, ha affermato che “l’Esercito aderisce con entusiasmo alle attività che riguardano i giovani e il sociale, soprattutto quando esse sono veicolo per la diffusione di valori etici e di solidarietà”.

La Forza Armata, oltre a patrocinare l’evento, ha messo a disposizione dei partecipanti vari assetti logistici: dai trasporti, alle docce, ai bagni. Il tutto per rendere più confortevole il cammino dei pellegrini che partendo da Brindisi raggiungeranno Santa Maria di Leuca.

“L’Esercito – conclude il comunicato – non poteva mancare a un appuntamento così importante: un laboratorio interculturale e interreligioso rivolto ai giovani che vivono nelle diverse sponde del Mediterraneo e che si impegnano vicendevolmente nella realizzazione di un futuro migliore attraverso la costruzione di percorsi di Convivialità”.

Articoli correlati:

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia