CME Puglia: un convegno sulle tecnologie militari di Leonardo da Vinci con una balestra lignea gigante in dimensioni originali

Si è svolta ieri mattina, 15 aprile, nel Molo Borbonico del porto di Bari, la conferenza dal tema “Leonardo da Vinci e la Puglia, tra passato e futuro organizzata dall’Accademia Pugliese delle Scienze in collaborazione con l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale e il Circolo della Vela.

Ne ha dato notizia con un comunicato stampa il Comando Militare dell’Esercito (CME) Puglia.

Il Professor Eugenio Scandale, Presidente dell’Accademia Pugliese delle Scienze, nell’accogliere i relatori, ha evidenziato l’importanza del genio leonardesco in tutte le sue molteplici sfaccettature, ringraziando l’Esercito, e in particolare il Gen Giorgio Rainò, Comandante territoriale dell’Esercito in Puglia, per aver accolto con entusiasmo l’invito a partecipare al convegno.

Nella sezione dedicata alle tecnologie militari, si sono susseguiti gli interventi del Professor Nicola Neri, docente dell’Ateneo Aldo Moro di Bari, e del Maggiore Mauro Lastella, Capo Sezione Pubblica Informazione del Comando Militare Esercito Puglia.

Durante gli interventi è emersa l’importanza di Leonardo da Vinci, relativa allo sviluppo delle tecnologie militari, e si è sottolineato come l’Esercito abbia voluto celebrare il cinquecentenario Leonardesco, dedicandogli il calendario storico di Forza Armata.

Il Calendesercito 2019, “L’Uomo e la Tecnologia – omaggio al Genio Universale”, vuole infatti ricordare il contributo che Leonardo ha dato al progresso scientifico, artistico e culturale nel mondo.

Il Gen Rainò, durante il suo intervento, ha ribadito quanto oggi come ieri il fattore umano prevalga sulla componente tecnologica. La copertina del calendario dell’Esercito 2019, che rappresenta l’Uomo vitruviano su cui è inserita la stella a cinque punte, simbolo dell’Esercito, vuole difatti rappresentare il legame simbolico e inscindibile tra uomo e tecnologia e la centralità che l’uomo – operatore militare – ha su di essa.

Al convegno sono intervenuti inoltre, il Magnifico Rettore dell’Università Aldo Moro di Bari, Antonio Felice Uricchio, la dottoressa Maria De Filippo del Sistema Portuale del Mare Adriatico Meridionale, il Contrammiraglio Cristiano Nervi, Direttore dell’Arsenale Militare Marittimo di Taranto, e il Presidente del Circolo della Vela di Bari, Simonetta Lorusso.

Al termine del convegno l’Ingegner Giuseppe Manisco, del Museo Leonardesco di Galatone (Lecce) ha presentato, sul Molo borbonico, in anteprima mondiale, la fedele riproduzione della balestra lignea gigante (24 x 21 x 1,5 metri), progettata dal genio del Rinascimento italiano.

Fonte e foto: CME Puglia