calendesercito

CME Puglia: CalendEsercito 2020, i Soldati al centro di un processo di trasformazione continuo

Si è tenuta il 4 dicembre scorso, nell’Aula Magna Attilio Magno del Politecnico di Bari, la presentazione del CalendEsercito 2020, quest’anno intitolato “Soldati” e “dedicato a coloro che hanno scelto di servire in armi la Patria con lealtà e orgoglio, capaci di sacrificare la propria vita per la difesa del nostro Paese e il bene della collettività”, fa sapere con un comunicato stampa il Comando Militare Esercito (CME) Puglia.

L’opera è un viaggio attraverso tutte le componenti dell’Esercito ed è stata una preziosa occasione per celebrare le Armi, i Corpi e le Specialità, ripercorrendone le origini, i compiti, le caratteristiche di impiego e il contributo in termini operativi.

Il calendario 2020 vuole sottolineare come, indipendentemente dall’epoca, tutte le Armi mantengono essenzialmente le proprie peculiarità pur vivendo un processo di trasformazione continuo, generato dalla necessità di adattarsi all’evolversi della minaccia, attualmente caratterizzata sempre più da indeterminatezza.

L’evento, che si è svolto alla presenza di autorità civili e militari e a una folta platea di giovani universitari e studenti delle scuole medie superiori, è stato aperto da un concerto eseguito dalla Banda della Brigata Meccanizzata Pinerolo, diretto dal Maestro Luogotenente Carlo Resta.

Durante il messaggio di saluto il Rettore del Politecnico di Bari, Prof. Ing. Francesco Cupertino, ha espresso “viva soddisfazione circa la bella riuscita dell’evento, ringraziando l’Esercito di aver scelto il Politecnico, tra l’altro fiore all’occhiello in Italia e in Europa per quanto attiene la ricerca e l’innovazione, come sede della presentazione del calendario dell’Esercito in Puglia”.

Grande interesse, fa sapere il CME Puglia, è stato suscitato dagli interventi del dott. Sergio Fontana, Presidente di Confindustria Bari/Barletta, Andria Trani, che ha servito l’Esercito nei ranghi della Brigata Paracadutisti Folgore; del dott. Angelo Giliberto, Presidente del CONI Puglia, già Artigliere, facente parte del gruppo sportivo di Forza Armata; del perito industriale Luigi Arbore, Presidente del Consorzio ARMEC, ex ufficiale di fanteria, e del Dott. Andrea Tedeschi, giornalista di TRM Network, più volte inviato al fianco dei nostri soldati.

“Ognuno degli ospiti ha raccontato con orgoglio l’esperienza vissuta nella Forza Armata, riportando, oltre i positivi ricordi, talvolta nostalgici, un mai assopito attaccamento all’Istituzione Militare”, si legge dal comunicato stampa.

Il Generale di Brigata Giorgio Rainò, Comandante Militare dell’Esercito in Puglia, si è soffermato sul mese di aprile del calendario, dedicato alla Cavalleria, sua Arma di appartenenza, ricordando con un pizzico di nostalgia i lunghi periodi trascorsi a bordo dei carri.

Nel prosieguo del suo intervento, il Generale Rainò, ha posto l’accento sul ruolo fondamentale dell’individuo, che l’Esercito vuole mantenere al centro del suo percorso di sviluppo tecnologico, evidenziando che, per la Forza Armata, la sicurezza del personale assume un’importanza fondamentale: la ricerca e l’innovazione tecnologica, infatti, sono principalmente finalizzate a migliorare le capacità e la protezione del singolo e delle Unità, sottolinea il CME Puglia.

Parte del ricavato delle vendite del CalendEsercito 2020, per la prima volta, contribuirà a sostenere l’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani ed i Militari di Carriera dell’Esercito (O.N.A.O.M.C.E.). L’Opera Nazionale assiste, attualmente, circa 500 orfani di Ufficiali, Sottufficiali, Graduati nonché dei militari di truppa, a ciascuno dei quali eroga sussidi annuali per la formazione scolastica e per particolari necessità di carattere economico-familiare.

L’evento è stato moderato dalla dott.ssa Cristina Ferrigni, giornalista di Tele Bari, e dal Magg. Mauro Lastella, Capo Sezione Pubblica Informazione del Comando Militare Esercito Puglia.

Fonte e foto: CME Puglia

CME Puglia: oggi a Bari la presentazione regionale di CalendEsercito 2020

Si tiene oggi, 4 dicembre, alle 11.45 a Bari, la presentazione regionale del CalendEsercito 2020.

L’evento avrà luogo nell’aula magna Attilio Alto del Politecnico di Bari, fa sapere il Comando Militare Esercito (CME) Puglia, con il seguente programma (fonte CME Puglia):

   ore 11.20: Concerto della Banda della Brigata “Pinerolo”;

   ore 11.45 presentazione del CalendEsercito 2020, interverranno:

    Ing. Francesco Cupertino, Magnifico Rettore del Politecnico di Bari;

    Gen. Giorgio Rainò, Comandante Militare dell’Esercito in Puglia;

    Sergio Fontana, Presidente di Confindustria Bari/Bat;

    Angelo Giliberto, Presidente CONI Puglia;

    Luigi Arbore, A.D. Armec Turbo;

    Andre Tedeschi, Giornalista TRM network;

Moderano:

    dottoressa Cristina Ferrigni, giornalista televisiva di Tele Bari;

    Mauro Lastella, Capo Sezione Pubblica Informazione del Comando Militare Esercito Puglia;

    ore 12.40 termine presentazione/spazio media.

“L’Esercito – spiega il CME Puglia – ha voluto dedicare il suo prodotto editoriale per eccellenza, il CalendEsercito, ai ‘Soldati’, a coloro che hanno scelto di servire in armi la Patria con lealtà e orgoglio, capaci di sacrificare la propria vita per la difesa del nostro Paese e il bene della collettività. L’Esercito sente la grande responsabilità di mantenere la persona al centro del suo percorso di sviluppo tecnologico, necessario per restare al passo coi tempi e superare le sfide che la Nazione gli ha affidato”.

Parte del ricavato delle vendite del CalendEsercito 2020, per la prima volta, si apprende, contribuirà a sostenere l’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani e i Militari di Carriera dell’Esercito (O.N.A.O.M.C.E.).

L’Opera Nazionale assiste, attualmente, circa 500 orfani di Ufficiali, Sottufficiali, Graduati nonché dei militari di truppa, a ciascuno dei quali eroga sussidi annuali per la formazione scolastica e per particolari necessità di carattere economico-familiare, conclude il CME Puglia.

Fonte: CME Puglia

Foto: Esercito Italiano

COMFOPSUD: il CalendEsercito 2020 “Soldati” presentato a Napoli

È stato presentato il 26 novembre scorso, a Palazzo Salerno, sede del Comando Forze Operative Sud (COMFOPSUD), il “CalendEsercito 2020″, quest’anno intitolato “Soldati”.

Ne ha dato notizia lo stesso COMFOPSUD con una nota stampa.

L’edizione 2020 dell’opera editoriale, realizzata anche grazie alla collaborazione con la Società Leonardo, è stata illustrata dal Generale di Corpo d’Armata Rosario Castellano, Comandante delle Forze Operative Sud, dal giornalista Sandro Ruotolo e dall’ing Cristiano Proietti di Leonardo International SpA, moderati dal Maggiore Sabrina Parisi, giornalista e Ufficiale della Riserva Selezionata.

Nel corso della presentazione è stato illustrato il significato del calendario, il cui tema è l’identità del Soldato italiano quale fondamentale pilastro dell’Esercito Italiano: “essere Soldati vuol dire servire in armi la Patria con lealtà e orgoglio, onorare e rafforzare i valori, le tradizioni e le virtù militari, essere fedeli sempre al proprio giuramento, dimostrare coraggio e altruismo, essere pronti a sacrificare la vita per la difesa del nostro Paese e il bene della collettività”.

Il Gen Castellano, nel corso del suo intervento, ha sottolineato che “l’Esercito è un’Istituzione moderna, capace, competente, pronta ed efficiente, basata sull’elemento umano e supportata da moderne tecnologie, elemento cardine del sistema di difesa per la sicurezza interna ed esterna del Paese, costantemente proiettata al futuro e contraddistinta da principi e ideali di eccezionale portata, racchiusi in un passato glorioso”.

Sandro Ruotolo ha ricordato con orgoglio i suoi trascorsi nell’Esercito perché essere un militare italiano significa difendere il Paese, la Costituzione ma, soprattutto, costruire la pace. Ha aggiunto, inoltre, che l’Esercito, con i suoi simboli, può insegnare ai giovani importanti valori che, in questo particolare e difficile momento storico, rischiano di essere perduti.

L’ing Cristiano Proietti ha sottolineato che Leonardo rappresenta un’eccellenza dell’industria nazionale, la quale, anche grazie alla stretta partnership con le Forze Armate nella definizione di nuove capacità e prodotti, riesce ad affermarsi con successo sui mercati internazionali e a sviluppare le migliori tecnologie per la sicurezza e l’operatività dell’Esercito, anche di fronte alle nuove minacce reali e potenziali del cyberspazio.

Il “CalendEsercito 2020” intende esaltare l’inestimabile patrimonio di ogni Arma, Corpo e specialità narrandone, una a una, le principali vicende di ieri e di oggi e mettendo in evidenza l’operato dei Soldati, di ogni ordine e grado, quotidianamente impegnati al servizio del Paese, sottolinea la nota stampa del COMFOPSUD.

Sono proprio “i soldati a rappresentare la vera ricchezza dell’Esercito, a renderlo unico e impareggiabile e che, nel servire il Tricolore animati da valori quali l’altruismo, l’abnegazione e la dedizione, possono affermare con orgoglio di essere SOLDATI!”.

Ulteriore novità dell’edizione 2020 è rappresentata da “Noi Siamo l’Esercito”, il calendario fotografico inserto del CalendEsercito che scandirà i mesi del prossimo anno con dodici scatti e altrettanti valori identitari della Forza Armata.

L’edizione di quest’anno, disponibile sia nella versione classica tradizionale “da muro” sia in quella “fotografica”, contribuirà a sostenere l’Opera Nazionale di Assistenza per gli Orfani ed i Militari di Carriera dell’Esercito (O.N.A.O.M.C.E.) alla quale sarà devoluta una quota del ricavato delle vendite, si apprende.

L’Opera Nazionale assiste, attualmente, circa 500 orfani di Ufficiali, Sottufficiali, Graduati nonché dei militari di truppa, a ciascuno dei quali eroga sussidi annuali per la formazione scolastica e per particolari necessità di carattere economico-familiare.

“CalendEsercito 2020” è un progetto editoriale, realizzato e prodotto dallo Stato Maggiore dell’Esercito e può essere acquistato online sul sito www.esercito.difesa.it, conclude la nota.

Fonte e foto: COMFOPSUD

CalendEsercito 2019: l’uomo e la tecnologia pilastri dell’Esercito nel calendario che è un omaggio al Genio Universale

È stato presentato a Roma, nella suggestiva cornice offerta da Palazzo della Cancelleria, la presentazione del “CalendEsercito 2019”, quest’anno intitolato “Esercito e Tecnologia – omaggio al Genio Universale”, ha fatto sapere oggi la stessa Forza Armata.

L’evento ha visto la partecipazione di numerose autorità,  tra cui il Sottosegretario di Stato alla Difesa on Raffaele Volpi, il Presidente della Commissione Difesa della Camera di Deputati on Gianluca Rizzo, l’Avvocato Generale dello Stato, avv Massimo Massella Ducci Teri, il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, Generale di Corpo d’Armata Salvatore Farina, alla presenza di alcuni membri del Consiglio Centrale di Rappresentanza Militare (COCER) e di numerosi studenti del liceo Salvini di Roma, insieme alle più alte autorità militari, civili e religiose.

L’edizione 2019 del CalendEsercito, realizzata grazie alla collaborazione con la Società Leonardo rappresentata dal Presidente Gianni Di Gennaro, è stata illustrata dai giornalisti Flavia Fratello e Roberto Giacobbo ed è dedicata ai fondamentali pilastri dell’Esercito Italiano: l’uomo e la tecnologia, componenti complementari e indissolubili per uno strumento militare che, al passo con i cambiamenti repentini dello scenario globale e delle relazioni internazionali, vuole mantenere alti gli standard di efficacia e flessibilità.

Il gen Farina, nel corso del suo intervento, ha sottolineato che l’Esercito sente la grande responsabilità di mantenere l’uomo al centro del suo percorso di sviluppo tecnologico necessario per restare al passo con i tempi e superare le sfide che la nazione ci ha affidato.

Ha poi continuato ribadendo che per la Forza Armata la tutela del proprio personale assume un’importanza fondamentale, tale che la ricerca e l’innovazione tecnologica devono essere principalmente finalizzate a migliorare capacità e protezione del singolo e delle unità.

A questo contribuisce in maniera decisiva l’eccellenza dei progetti sviluppati e prodotti dal comparto industriale nazionale.

Il “CalendEsercito 2019”, spiega il comunicato, è ispirato alla figura di Leonardo, genio universale che racchiude in sè tutte le virtù artistiche, scientifiche e di innovazione ma, soprattutto, i valori dell’animo umano.

L’uomo, sottolinea la Forza Armata, è messo da Leonardo al centro dell’universo, così come l’Esercito mette il soldato al centro della propria attenzione.

Il calendario, inoltre, presenta un interessante parallelismo tra i disegni del genio e i sistemi d’arma e gli equipaggiamenti a più alto indice tecnologico in servizio o di imminente acquisizione da parte della Forza Armata, mettendo in evidenza il contributo prezioso dell’industria nazionale della Difesa per la sicurezza degli uomini e le donne con le stellette.

“Prodotto da Gemmagraf, può essere acquistato online sul sito www.esercito.difesa.it”, conclude il comunicato stampa.

Articoli correlati:

I CalendEsercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: PI SME

CME Puglia: presentazione del CalendEsercito 2018 a Corato, con intervento musicale della Banda della Pinerolo

Si terrà domani, 7 dicembre, alle 11, al Liceo Artistico Federico II Stupor Mundi a Corato, in provincia di Bari, la presentazione del “CalendEsercito 2018”.

La cerimonia, fa sapere il Comando Militare Esercito (CME) Puglia nel suo comunicato stampa, sarà preceduta da un intervento musicale della Banda della Brigata Pinerolo, accompagnata dalla voce del maestro Antonio Stragapede.

Il tradizionale Calendario dell’Esercito, dal titolo “Il lungo filo rosso. Dall’Unità alla Vittoria”, chiude la quadrilogia dei calendari di Forza Armata dedicati alla Grande Guerra e vuole idealmente creare un unico percorso che va dal 1848 (1^ Guerra d’indipendenza) al 1918, mettendo a confronto dodici temi appositamente individuati, spiega il CME Puglia.

“’Il lungo filo rosso’ tra il Risorgimento e la Grande Guerra è raccontato per evidenziare la forza, il coraggio e la determinazione degli italiani, un popolo che, anche nei momenti più tragici, ha saputo risollevarsi e assurgere a nuova vita”.

All’evento, oltre al gen Mauro Prezioso, Comandante territoriale dell’Esercito In Puglia, interverranno il Sindaco di Corato, dott Massimo Mazzilli, il prof Nicola Neri, docente dell’Università Aldo Moro di Bari, il prof Savino Gallo, dirigente del Liceo Artistico Federico II; modera la giornalista Annamaria Natalicchio.

Articoli correlati:

Il CME Puglia in Paola Casoli il Blog

Il CalendEsercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Puglia

CME Abruzzo: il CalendEsercito 2018 in presentazione a L’Aquila

Domani, martedì 5 dicembre 2017, alle 11:00, il Comandante Militare dell’Esercito per l’Abruzzo, gen Giuseppe Di Giovanni, presenterà il CalendEsercito 2018 nella Sala Conferenze di Confindustria L’Aquila, in località Campo di Pile, fa sapere il Comando Militare Esercito (CME) Abruzzo con un comunicato stampa del 3 dicembre.

I temi trattati nel CalendEsercito del prossimo anno, ricorda il CME Abruzzo, “tessono la trama della nostra storia, dallo spirito risorgimentale che aveva avviato il processo di unificazione fino all’animo e agli ideali che gli italiani scoprono durante la Grande Guerra, dimostrando di avere la volontà di affermarsi come un solo popolo e una grande Nazione”.

In tale contesto, sottolinea il comunicato stampa, l’Esercito si è dimostrato un radicale strumento per la creazione di un’identità condivisa quando culture, mentalità e lingue ancora distanti tra loro erano accomunate in un medesimo destino nelle trincee italiane.

Il prodotto editoriale è stato intitolato “Il lungo filo rosso dall’Unità alla Vittoria” perché intende raccontare in un unico continuum ideale gli italiani, la loro forza, il loro coraggio e la loro determinazione tra il Risorgimento e la Grande Guerra, la stagione dell’Unità da conseguire e la stagione che cementerà quell’Unità nelle trincee.

Racconta la gioventù italiana, il Tricolore, le donne italiane e tanti altri temi che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese, rendendo visibile la continuità di valori e di ideali illustrati con immagini d’epoca.

È un tributo alla capacità del popolo italiano che anche nei momenti più tragici della propria storia ha saputo risollevarsi e assurgere a nuova vita.

All’evento saranno presenti autorità civili, militari e religiose e una rappresentanza di una scolaresca dell’Istituto di Istruzione Superiore Leonardo Da Vinci – O. Colecchi di L’Aquila, si apprende.

Articoli correlati:

Il CalendEsercito 2018 in Paola Casoli il Blog

Il CME Abruzzo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Abruzzo

CalendEsercito 2018: un “lungo filo rosso” tra valori e ideali nella trasformazione della società italiana

“Un ‘lungo filo rosso’ che lega tra loro i fatti e la storia del nostro Paese attraverso il CalendEsercito 2018, lo definisce la stessa Forza Armata nel comunicato stampa che riferisce della presentazione dell’almanacco avvenuta oggi, 15 novembre, a Roma, nella Biblioteca Militare centrale di Palazzo Esercito.

Il CalendEsercito 2018, si apprende, quest’anno è dedicato a 12 percorsi tematici della storia d’Italia e della Forza Armata.

L’evento di presentazione ha avuto inizio con un videomessaggio del Ministro della Difesa, senatrice Roberta Pinotti, con cui è stato rivolto un indirizzo di saluto a tutti i presenti, tra cui il Sottosegretario di Stato alla Difesa, on Domenico Rossi, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, gen Claudio Graziano, e il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito, gen Danilo Errico.

Un “lungo filo rosso” che racconta la gioventù italiana, la bandiera, la sanità, le uniformi militari e tanti altri temi che hanno caratterizzato la storia del nostro Paese nell’epoca pre-unitaria, nella Prima Guerra Mondiale fino ai giorni nostri.

Diverse epoche e diversi eserciti che si confrontano in dodici itinerari, spiega l’Esercito, rendendo visibile la continuità di valori e ideali nella trasformazione della società italiana illustrati attraverso immagini d’epoca, alcune di proprietà dell’Esercito Italiano e altre gentilmente concesse da collezionisti privati.

“Nelle sue prime pagine il ‘CalendEsercito 2018’ offre un primo scorcio di quella che fu la gioventù dei nostri nonni e bisnonni – si legge nel comunicato stampa – con il loro entusiasmo, la loro voglia di cambiare e di credere sino in fondo agli ideali d’identità nazionale che hanno costituito le premesse fondanti dell’unificazione italiana. Il paginone centrale è dedicato alla Bandiera, simbolo della nostra Patria e vessillo tricolore per il quale sono morti milioni di italiani, sin da quando, nel 1794, fece la sua prima apparizione come bandiera della Repubblica Cispadana. Nelle altre pagine del prodotto editoriale vengono trattati i temi della sanità militare, illustrando quello che fu il lavoro frenetico di migliaia di medici militari che nel corso del primo conflitto mondiale offrirono assistenza e cure ai militari feriti in combattimento, delle donne, del cibo, degli animali, dell’uniforme militare, da secoli segno distintivo di chi difende il proprio Paese”.

Il gen Errico, nel corso del suo intervento, ha sottolineato come “l’Esercito senta la grande responsabilità di mantenere vivo il ricordo di tutti quegli eventi della storia della nostra Patria che hanno coinvolto intere generazioni che hanno contribuito in maniera determinante a costruire l’Italia di oggi”.

Insieme al “CalendEsercito 2018” è stata presentata l’opera a fumetti dal titolo “Non chiamatelo fiume”, un volume grafico realizzato dallo Stato Maggiore dell’Esercito insieme a Federica Dal Forno (curatrice), Vingenzo Beccia (disegnatore), Marco Pascoli e Paolo Pozzato (consulenti storici).

L’opera intende ricordare la Grande Guerra, uno dei periodi più cruciali nella storia italiana: 14 tavole grafiche e un’immagine panoramica di circa 7 metri piegata a fisarmonica ed espandibile per raccontare le principali battaglie combattute lungo il fronte alpino italiano, dai fatti di Caporetto fino alla vittoria finale.

“Il ‘CalendEsercito 2018’, realizzato con la collaborazione di Michele D’Andrea, Enrico Ricchiardi e Pino Pelloni, è stato presentato grazie alla collaborazione della giornalista Flavia Fratello. Prodotto da Gemmagraf, può essere acquistato online sul sito www.gemmagraf.it”, conclude il comunicato dell’Esercito.

Articoli correlati:

CalendEsercito 2018: “dall’Unità alla Vittoria”, la presentazione il 15 novembre a Palazzo Esercito (10 novembre 2017)

Il CalendEsercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: stato maggiore Esercito

CalendEsercito 2018: “dall’Unità alla Vittoria”, la presentazione il 15 novembre a Palazzo Esercito

Si terrà il prossimo 15 novembre, alle 11.00, nella Biblioteca Militare Centrale di Palazzo Esercito (via Napoli 41/A, Roma), la presentazione del “CalendEsercito 2018”, fa sapere la stessa Forza Armata.

Quest’anno il tradizionale Calendario dell’Esercito, dal titolo “Il lungo filo rosso. Dall’Unità alla Vittoria”, mette a confronto, nei dodici temi appositamente individuati, il periodo risorgimentale e quello della Prima Guerra Mondiale.

“’Il lungo filo rosso’ tra il Risorgimento e la Grande Guerra è raccontato per evidenziare la forza, il coraggio e la determinazione degli italiani – spiega l’Esercito – un popolo che, anche nei momenti più tragici della propria storia, ha saputo risollevarsi e assurgere a nuova vita”.

Nel corso dell’evento sarà anche presentato l’originale volume grafico “Non chiamatelo Fiume” – Dal Grappa al Piave, storia illustrata di un monumento d’Italia.

L’opera intende ricordare, sotto forma di fumetto articolato in una immagine panoramica di circa 7 metri, uno dei periodi fondamentali per la ricostruzione della nostra nazione: la Grande Guerra.

Articoli correlati:

Il CalendEsercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Esercito Italiano

CalendEsercito 2017: presentato dal CME Abruzzo il calendario delle innovazioni belliche, dal ponte pieghevole alle aero-fotogrammetrie

È stato presentato ieri, 21 dicembre, nell’Auditorium Elio Sericchi della Banca Popolare dell’Emilia Romagna a L’Aquila, il CalendEsercito 2017 dedicato quest’anno alle innovazioni tecnologiche del periodo bellico di inizio secolo scorso, divenute col tempo patrimonio della collettività.

L’evento, che si inserisce nel quadro delle celebrazioni per il Centenario della Grande Guerra, è stato introdotto dal Comandante Militare dell’Esercito (CME) per l’Abruzzo, gen Rino De Vito, e ha visto la partecipazione del dott Giuseppe Di Pancrazio, Presidente del Consiglio Regionale Abruzzo, della dottoressa Marcella Nocilla, Responsabile servizio rapporti istituzionali e coordinamento del Segretariato Generale della Difesa, nonché di numerose altre autorità civili e militari, fa sapere lo stesso CME Abruzzo con un comunicato stampa di ieri.

A ispirare le pagine dell’intera opera editoriale sono state le numerose invenzioni e scoperte che videro la luce proprio durante la Prima Guerra Mondiale e che, ancora oggi, vengono utilizzate anche in campo civile.

Dall’orologio “da trincea”, ora da polso, al “Ponte istantaneo” precursore dell’attuale “Ponte Bailey”, dalla bicicletta “pieghevole” all’utilizzo delle prime “aereo-fotogrammetrie”, dai prefabbricati di montagna alla ruota “a cingolo”, solo per citare alcuni esempi. “Un importante tributo culturale e di memoria all’intelletto umano, dunque, e alla scienza che sempre accompagnano i processi evolutivi della società”, sottolinea il comunicato stampa.

In tema di innovazione, nelle pagine del CalendEsercito 2017 spicca quest’anno l’introduzione dei codici QR (Quick Response), moderno sistema di cattura digitale delle informazioni che, con una semplice applicazione, consente di scaricare i contenuti di approfondimento presenti su ogni pagina del calendario utilizzando il proprio dispositivo mobile, sia esso smartphone o tablet.

“Denso di significato anche il paginone centrale dedicato all’emancipazione femminile, vera innovazione sociale che, improvvisamente, vide le donne, da sempre relegate alle semplici mansioni domestiche, occuparsi di ruoli considerati sino a ad allora totale appannaggio degli uomini”, fa sapere il CME Abruzzo.

Quest’opera celebrativa sottolinea, ancora una volta, lo stretto rapporto tra Esercito e società scaturito un secolo fa, ancorché in un tragico periodo della nostra storia, ma tuttora vivo e sempre più forte e solido, richiamando al lettore quelle invenzioni e scoperte che ci accompagnano ancora oggi e della cui origine, probabilmente, poco si conosceva.

“Il gen De Vito – aggiunge il comunicato – nell’intento di rafforzare anche nelle giovani generazioni i sentimenti di unità, identità e coesione che da sempre caratterizzano la più sana coscienza di appartenenza alla Patria, ha consegnato una Bandiera Nazionale alla rappresentante dell’Istituto d’istruzione superiore Domenico Cotugno di L’Aquila, presente all’evento con alcuni studenti. Infine ha formulato gli auguri per le festività natalizie a tutti gli intervenuti”.

Articoli correlati:

Il CalendEsercito in Paola Casoli il Blog

Il CME Abruzzo in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: CME Abruzzo

COMFOTER di Supporto: il gen Sperotto presenta il CalendEsercito 2017 e fa un bilancio delle attività del comando veronese

Questa mattina, venerdì 16 dicembre, è stato presentato Verona, a Palazzo Carli, il CalendEsercito 2017, intitolato “Innovazioni della grande Guerra”.

La conferenza di presentazione è stata tenuta dal Comandante delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER) di Supporto, gen Amedeo Sperotto, che ha contestualmente illustrato il bilancio delle attività operative e addestrative del Comando inquadrate nel più ampio apporto che la Forza Armata fornisce alla società.

Il Calendesercito 2017, nel dettaglio, ricorda alcune innovazioni nate in ambito militare, o stimolate dalla contingenza bellica, che hanno avuto un grande impatto nelle sorti del conflitto e continuano, ancora oggi, a ricoprire una funzione di assoluto rilievo nella quotidianità delle nuove generazioni.

La novità del prodotto editoriale di quest’anno sta nel fatto che per la prima volta un calendario istituzionale è interattivo: grazie a un QR Code (quick response code) presente su ogni pagina, che rende possibile accedere direttamente a pagine di approfondimento sul sito internet dell’Esercito, arricchite di contenuti multimediali.

Articoli correlati:

Il CalendEsercito in Paola Casoli il Blog

Il COMFOTER di Supporto in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER di Supporto