Verona

COMFOTER SPT: presentazione delle iniziative per la Giornata dell’Unità d’Italia

Oggi, 7 marzo, alle 12.00, nella Sala Arazzi del Municipio di Verona, il Sindaco, avv Federico Sboarina, il Comandante del COMFOTER di Supporto (SPT), Gen. C.A. Giuseppenicola Tota, e il presidente di AGSM, dott Michele Croce, presenteranno le iniziative dedicate alla Giornata dell’Unità d’Italia.

Questi gli eventi in calendario (fonte COMFOTER SPT):

  • 8 marzo – Inaugurazione della Mostra delle bandiere dell’Indipendenza – Palazzo della Gran Guardia
  • 15 marzo – ore 9.00 – Spettacolo “L’inno svelato” – Auditorium del Palazzo della Gran Guardia
  • 15 marzo – ore 18.00 – Concerto dei Conservatori nazionali sull’Unità d’Italia – Auditorium del Palazzo della Gran Guardia

Tutti gli eventi sono a ingresso libero. Il COMFOTER SPT invita i rappresentanti degli organi di informazione a partecipare.

Fonte e foto: COMFOTER SPT

COMFOTER SPT: siglata la cessione di un cannone inerte calibro 75/27 mod. 1911 alla città di Verona, sarà un monumento agli Artiglieri

Il 9 marzo scorso, nella Sala Radetzki di Palazzo Carli, a Verona, il gen Amedeo Sperotto, Comandante delle Forze Operative Terrestri di Supporto, e l’Assessore alle Strade e Giardini, Decentramento e Servizi tecnici circoscrizionali del comune di Verona, signor Marco Padovani, hanno siglato un documento con cui è stata sancita la cessione a titolo gratuito di un cannone inerte calibro 75/27 mod. 1911 alla Città di Verona.

Il Comune di Verona utilizzerà il manufatto di artiglieria, attualmente collocato nel cortile della Caserma Dalla Bona e reso inerte al termine del suo servizio, per finalità di arredo e decoro urbano, realizzando un monumento alla memoria di tutti gli Artiglieri che hanno sacrificato la loro vita per la Patria.

“Il manufatto oggetto della cessione, ancorché realizzato per la 1^ Guerra Mondiale, è stato utilizzato durante il 2° conflitto mondiale”, spiega il COMFOTER SPT nel comunicato stampa con cui dà notizia dell’evento.

Con questa cessione la città di Verona acquisisce un pezzo storico che ha attraversato oltre un secolo di storia e che troverà una sua adeguata collocazione nel tessuto urbano della città, conclude il COMFOTER SPT.

Articoli correlati:

Il COMFOTER SPT in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto (COMFOTER SPT)

Esercito, COMFOTER SPT: evento musicale e solidarietà a Palazzo Carli

Il COMFOTER SPT, Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto con sede a Verona, ha organizzato lo scorso 9 novembre, nel Salone d’onore di Palazzo Carli, l’evento musicale Romanza con la partecipazione straordinaria della dottoressa Sara Costa, Presidente dell’Associazione Italiana per la lotta al Neuroblastoma.

Si tratta di una iniziativa che conferma l’attenzione dell’Esercito Italiano verso tematiche di particolare sensibilità e di alto profilo morale, oltre che rappresentare l’apertura verso attività artistico-culturali.

L’Associazione per la lotta al neuroblastoma, spiega il COMFOTER SPT nel suo comunicato stampa, è nata nel 1993 e si propone di promuovere e sostenere iniziative per sconfiggere il neuroblastoma e i tumori solidi pediatrici attraverso progetti di ricerca innovativi volti a individuare nuove ed efficaci terapie e cure personalizzate.

“L’evento – spiega il COMFOTER SPT – ha avuto come ospite d’onore il tenore trevigiano Francesco Grollo che, attento e sensibile alle sofferenze dei minori in difficoltà e animato da un sincero amore verso la propria Patria, ha voluto rendere un omaggio, in occasione della ricorrenza del 4 novembre festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, agli uomini e alle donne che in uniforme servono il Paese”.

“L’artista, con una voce di rara bellezza, è stato accompagnato al pianoforte dal Maestro Antonio Camponogara e al violoncello dal Maestro Simone Tieppo, conclude il comunicato.

Articoli correlati:

Il COMFOTER SPT in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER SPT

COMFOTER SUPPORTO: accordo con i Vigili del Fuoco di Verona nella formazione per la sicurezza del lavoro

Ieri mattina, 5 ottobre, nella Sala Radetzki di Palazzo Carli a Verona, sede del Comando Forze Operative Terrestri di Supporto (COMFOTER SUPPORTO/SPT) , il Comandante, gen Amedeo Sperotto, e l’ing Michele De Vincentis, Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco di Verona, hanno siglato un “accordo quadro per stabilire ambiti di collaborazione sinergici per il conseguimento di obiettivi comuni nell’ambito delle previsioni di cui art. 15 della legge 241/90”, ha fatto sapere ieri stesso un comunicato stampa congiunto del Comando Provinciale Vigili del Fuoco e del COMFOTER SPT.

La convenzione, si apprende, disciplina le forme di utilizzo, sulla base del principio di efficienza, efficacia ed economicità di utilizzo del bene pubblico, degli spazi di proprietà del Demanio Militare – Centro Polifunzionale Logistico Addestrativo Manuel Fiorito, con sede a Verona, località Borgo Roma, via Golino, e del campo prove in uso al Comando Vigili del Fuoco, a Verona in località Forte Azzano, al fine di “favorire, unitamente ad altre strutture militari di competenza, lo sviluppo di attività nel settore della formazione ed addestramento per la sicurezza degli operatori, delle infrastrutture e del lavoro”.

L’accordo si inserisce nell’ambito delle collaborazioni già avviate dal COMFOTER SPT e dal Comando dei Vigili del Fuoco con varie istituzioni preposte alla salute, alla sicurezza e alla prevenzione, a conferma dell’importanza attribuita dai due enti a tali settori, sottolinea il comunicato.

L’Esercito Italiano, grazie alle sue capacità dual use, e i Vigili del Fuoco sono in grado di lavorare gomito a gomito in attività di soccorso a favore della popolazione, soprattutto in caso di pubbliche calamità, confermandosi “risorse preziose per il Paese”.

Articoli correlati:

Il COMFOTER SPT in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER SPT

COMFOTER e Uni Verona per la salute e il benessere. Ecco cos’è il Centro polifunzionale Manuel Fiorito

3_zona-piscineÈ stato presentato alle istituzioni regionali e locali lo scorso 7 settembre dal Comando delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER) e dall’Università di Verona, che insieme hanno definito e realizzato un progetto tutto orientato al benessere psico-fisico e all’educazione alla salute di prima qualità (link articoli correlati in calce).

Si tratta del Centro polifunzionale logistico addestrativo Manuel Fiorito di Verona.

Qui i dettagli del centro a partire dal momento in cui il COMFOTER ne ha assunto la responsabilità nel 2009 (fonte COMFOTER):

–           Il Comando delle Forze Operative Terrestri ha assunto nell’agosto del 2009 la responsabilità del centro sportivo precedentemente gestito dal comando NATO in Verona, il Joint Command South.

–           Intitolato al Capitano Manuel Fiorito, Medaglia d’Argento alla Memoria (*), il Centro Polifunzionale Logistico Addestrativo è stato successivamente oggetto di interventi di adeguamento infrastrutturale e di messa a norma per renderlo idoneo a finalità addestrative del personale militare.

–           Nel 2010 si è provveduto a valorizzare il Centro Polifunzionale anche quale Organismo di protezione sociale sviluppando servizi rivolti al benessere psico-fisico del personale in servizio e dello loro famiglie.

–           Il 26 aprile 2016 il Comandante delle FOTER e il Rettore dell’Università di Verona, hanno stipulato una convenzione quadro di collaborazione per la realizzazione di comuni strategie nel settore della formazione, dell’educazione alla salute e al benessere psico-fisico. L’accordo vede, in particolare, l’impegno del Dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e scienze del Movimento.

–           A partire dal mese di luglio, in collaborazione con il Centro Sportivo Universitario di Verona, il Centro Polifunzionale è stato reso disponibile, oltre che al personale militare e rispettivi nuclei famigliari, anche a personale dell’Università e dell’Azienda Ospedaliera di Borgo Roma.

–           In tale contesto, nei mesi di luglio e agosto, sono stati organizzati numerosi corsi di fitness oltre ad essere stato anche sede del Centro Estivo di Ateneo, frequentato da figli/e del personale tesserato.

–           Con l’agibilità a breve del campo da calcetto e la palestra, mentre i campi da tennis sono stati già resi disponibili da fine agosto, si amplierà ulteriormente l’offerta di strutture per lo svolgimento di corsi fitness/motori anche nel periodo invernale.

–           Il Centro copre una superficie di 6 ettari dove, tra 464 alberi di alto fusto, trovano posto 2 campi da tennis, una campo da calcio, una pista da atletica, un campo da calcetto, un percorso vita, un minigolf regolamentare, una palestra e due piscine di cui una olimpionica.

(*) Il Capitano Manuel FIORITO, veronese, effettivo al 2° Reggimento Alpini, è deceduto in Afghanistan il 5 maggio 2006 nella valle del Musay in seguito ad un attentato.

Articoli correlati:

COMFOTER e Uni Verona insieme per l’educazione alla salute e il benessere psico-fisico (9 settembre 2016)

COMFOTER e Università di Verona: accordo in favore di studenti e militari (26 aprile 2016)

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

COMFOTER e ospedale Sacro Cuore di Negrar: cure e studi sulla riabilitazione al centro di una convenzione

20151020_COMFOTER_dott Piccinini-gen Primicerj_convenzione Osp Negrar (2)Il 20 ottobre scorso, nel Salone d’Onore di Palazzo Carli a Verona, il generale Alberto Primicerj, comandante del COMFOTER, e il dottor Mario Piccinini, direttore amministrativo dell’ospedale Sacro Cuore – Don Calabria, hanno siglato una convenzione finalizzata all’erogazione di prestazioni sanitarie ad alta specializzazione a militari coinvolti in incidenti in servizio e a concedere la possibilità al personale sanitario militare di accrescere la propria competenza clinica.

L’intesa prevede altresì che medici civili e militari esaminino congiuntamente casi di particolare complessità clinica che possano trovare possibilità terapeutiche adeguate nella struttura sanitaria negrarese.

20151020_COMFOTER_dott Piccinini-gen Primicerj_convenzione Osp Negrar (3)L’ospedale Sacro Cuore – Don Calabria si caratterizza per la disponibilità di tecnologie sanitarie e di competenze professionali di assoluto pregio e di grande interesse per le problematiche sanitarie del personale militare.

Tra queste, merita particolare menzione la recente acquisizione di un esoscheletro, l’Ekso, che consente di implementare in modo significativo i percorsi riabilitativi delle vittime di traumi dell’apparato locomotore.

Il primo paziente a testare l’apparecchiatura è stato proprio un militare ferito in Afghanistan: Simone Careddu, 35enne sardo, veronese di adozione, che è costretto su una sedia a rotelle dal 2009, vittima di un attentato in Afghanistan. Primo maresciallo della brigata paracadutisti Folgore, Simone ha di recente indossato all’ospedale Sacro Cuore – Don Calabria l’esoscheletro robotico che gli ha permesso di alzarsi e di deambulare.

20151020_COMFOTER_dott Piccinini-gen Primicerj_convenzione Osp Negrar (1)Tra le altre competenze di interesse per il personale militare, merita un cenno il Centro per le malattie tropicali, guidato dal dottor Bisoffi, che è anche a capo del Centro di riferimento regionale per le malattie tropicali.

L’accordo è nato dalla collaborazione tra il COMFOTER e il nosocomio di Negrar e si inserisce nel più ampio panorama delle sempre maggiori sinergie che si stanno sviluppando tra il sistema sanitario militare e quello delle Regioni.

Articoli correlati:

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

Simone Careddu in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

Bomba d’aereo disinnescata nel centro storico di Verona dagli artificieri dell’Esercito

Esercito_artificiere in azione a VeronaQuesta mattina, 14 giugno, un nucleo di artificieri dell’Esercito ha disinnescato una bomba d’aereo risalente al secondo conflitto mondiale nel centro storico di Verona.

L’ordigno, una bomba d’aereo di 500 libbre di fabbricazione statunitense del tipo AN-M64, era stato rinvenuto accidentalmente all’interno dell’area dell’ex arsenale austriaco nel corso dei lavori di scavo per la realizzazione delle strutture da dedicare a parcheggi.

Le operazioni, coordinate dalla Prefettura di Verona, sono terminate alle 12.05 e hanno richiesto l’evacuazione di circa 27.000 tra residenti e turisti. Gli specialisti dell’Esercito hanno disinnescato l’ordigno che sarà fatto brillare, in sicurezza, presso l’aeroporto civile di Boscomantico nel comune di Verona nella mattinata di domani, lunedì 15 giugno.

L’intervento è stato condotto dagli specialisti dell’8° reggimento Genio Guastatori della brigata Paracadutisti Folgore, che è uno dei 12 reggimenti dell’Esercito in grado di intervenire per la bonifica degli ordigni esplosivi e dei residuati bellici. Negli ultimi 10 anni gli interventi sono stati oltre 30.000, fa sapere la stessa Forza Armata nel suo comunicato stampa.

Esercito_opere di protezione prima del disinnescoL’Esercito, grazie alla capacità dual-use dei reparti del Genio, oltre all’impiego operativo nelle missioni internazionali, è in grado d’intervenire tempestivamente, in tutto il territorio nazionale, a supporto della popolazione, in interventi di pubblica utilità.

L’Esercito è l’unica Forza Armata preposta alla formazione degli artificieri di tutte le Forze di Polizia, Forze Armate e Corpi Armati dello Stato.

Articoli correlati:

La capacità dual use dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Il disinnesco di ordigni bellici in Paola Casoli il Blog

Gli artificieri dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Esercito Italiano

Centenario Grande Guerra: salva d’onore del COMFOTER in piazza Brà a Verona

20150524_COMFOTER_Centenario Grande Guerra_DEPOSIZIONE CORONA MONUMENTO AI CADUTIOggi pomeriggio, 24 maggio, in Piazza Brà, a Verona, si è svolta una breve cerimonia in contemporanea con altre 23 città italiane nell’ambito delle iniziative organizzate per commemorare il centenario dell’ingresso dell’Italia nella Grande Guerra.

Un picchetto d’onore, composto da sette militari del Comando delle Forze Operative Terrestri (COMFOTER) ha reso onore alla memoria dei caduti con una salva d’onore in concomitanza a quella sparata dai cannoni del Gianicolo in Roma e si è osservato un minuto di raccoglimento in contemporanea al Presidente della Repubblica nella Zona Sacra di Monte San Michele, a Gorizia.

Particolarmente significativo è stato il momento in cui una rappresentanza di studenti veronesi ha collocato sul monumento ai caduti una stella alpina, mentre i militari del COMFOTER posavano la corona di alloro.

20150524_COMFOTER_Centenario Grande Guerra_DEPOSIZIONE CORONA ALLORO _ STUDENTIArticoli correlati:

Centenario Grande Guerra: un minuto di silenzio (23 maggio 2015)

Il Centenario Grande Guerra in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

Op Strade Sicure: la fiducia della popolazione nei militari permette di sedare una rissa a Verona

Strade Sicure a VeronaUna pattuglia dell’Esercito Italiano, impegnata nell’operazione Strade Sicure a Verona, fa sapere un comunicato stampa del Comando Forze Operative Terrestri (COMFOTER) datato 26 marzo, è intervenuta nella serata del 25 per sedare una rissa nella centrale Piazza Brà.

I militari, appartenenti al 17° reggimento Artiglieria controaerei Sforzesca – reparto inquadrato nel Raggruppamento Veneto-Friuli, su base reggimento Lagunari Serenissima – erano impegnati nel servizio di vigilanza a bordo di un’autovettura da ricognizione, quando sono stati allertati da alcuni passanti che hanno riferito di una rissa in corso tra sei individui, presumibilmente di nazionalità straniera, alcuni dei quali armati di coltello.

Data immediata comunicazione alla sala operativa della Polizia di Stato, la pattuglia si è diretta sul posto, raggiunta poco dopo dai Carabinieri, e ha quindi collaborato con i militari dell’Arma per bloccare e disarmare i soggetti coinvolti, che sono stati successivamente portati nella caserma dei Carabinieri per gli accertamenti del caso.

L’operazione Strade Sicure, dall’agosto del 2008, vede impegnato l’Esercito Italiano per specifiche ed eccezionali esigenze di prevenzione della criminalità, in aree metropolitane o densamente popolate, attraverso attività di vigilanza a siti e obiettivi sensibili, nonché di perlustrazione e pattuglia, in concorso e congiuntamente alle Forze di Polizia.

Articoli correlati:

Op Strade Sicure: sventato borseggio a Napoli da alpini del 9° reggimento (25 marzo 2015)

L’operazione Strade Sicure in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

Precetto pasquale militare interforze a Verona presieduto dal gen Primicerj, COMFOTER

PSi è svolta ieri mattina, 24 marzo, nella Chiesa di San Bernardino, a Verona, la celebrazione del Precetto Pasquale Militare Interforze per tutto il personale delle Forze Armate, delle Forze dell’Ordine e dei Corpi Armati dello Stato.

La funzione religiosa è stata officiata da S.E. Monsignor Giuseppe Zenti, vescovo della diocesi di Verona, e concelebrata dai cappellani militari di diversi comandi e unità del Veneto.

PAll’evento, presieduto dal Comandante delle Forze Operative Terrestri, generale Alberto Primicerj, erano presenti il sindaco di Verona, Flavio Tosi, le principali autorità civili e militari scaligere, una nutrita rappresentanza delle Forze Armate, dei Corpi Armati e delle Forze dell’Ordine e le Associazioni combattentistiche e d’arma.

Al termine della cerimonia, nel formulare a tutti i presenti gli auguri di Pasqua, il generale Primicerj ha voluto estendere il suo saluto a tutta la città di Verona, per la vicinanza e l’affetto sempre dimostrato ai suoi cittadini in uniforme, e ha espresso il prPoprio ringraziamento ai cappellani militari, per l’impegno pastorale e l’incessante opera di assistenza spirituale svolti al servizio delle Forze Armate.

Articoli correlati:

Il precetto pasquale in Paola Casoli il Blog

Il COMFOTER in Paola Casoli il Blog

I cappellani militari in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: COMFOTER

P