Ago 2, 2010
589 Views
0 0

Afghanistan, con l’operazione Tor Shezada i britannici mettono in sicurezza Sayedabad

Written by

E’ iniziata tre giorni fa l’operazione Tor Shezada (Principe nero) a Nad-e-Ali, nella provincia afgana di Helmand. Venerdì 30 luglio le forze britanniche inquadrate nella missione Isaf in Afghanistan, in combinazione con le forze afgane Afgan National Security Forces (Ansf), hanno dato il via all’operazione destinata a dare maggior impeto all’operazione Moshtarak avviata lo scorso febbraio.

Battere il ferro finché è caldo per eliminare dall’area di Sayedabad a Nad-e-Ali ogni ribelle e consentire così di progredire nella messa in sicurezza della provincia meridionale di Helmand. E’ l’obiettivo per cui i militari britannici della Somme Company, 1st Battalion The Duke of Lancaster’s Regiment, e del 1st Battalion The Royal Regiment of Scotland, stanno combattendo a fianco dei colleghi afgani.

A tre giorni dall’inizio delle operazioni, Helmand Blog riporta tra i successi non solo del ritrovamento di depositi di ordigni improvvisati, ma anche dei contatti instaurati tra i militari afgani impegnati nell’operazione e i civili del luogo, rassicurati sull’attività dei soldati focalizzati a dare sicurezza agli abitanti per una migliore qualità di vita.

Parallelamente ai britannici, i Marine statunitensi stanno conducendo una analoga operazione a nord di Marjah.

Articoli correlati:

Operazione Moshtarak: shake, clear, hold and build (9 febbraio 2010)

Afghanistan, Helmand: operazione Moshtarak banco di prova per le forze afgane (8 febbraio 2010)

Fonti: UK MoD, Helmand Blog

Foto: Helmand Blog

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate · Sicurezza