Lug 31, 2013
42 Views
0 0

AVES, brevettati nuovi piloti e specialisti. Tra loro la terza donna a ottenere brevetto di pilota osservatore dell’Esercito

Written by

È stata celebrata ieri, 30 luglio, a Viterbo, nel Centro addestrativo dell’Aviazione dell’Esercito (AVES), la chiusura del 1° corso piloti osservatori dall’elicottero del 2012 Sagittario e il corso specialisti, con una cerimonia militare aperta ai familiari e alle autorità religiose, civili e militari della città.

Significativo nel momento della consegna del brevetto il diretto coinvolgimento del generale (ris) Sergio Buono, presidente dell’Associazione Nazionale Aviazione Esercito, da parte dell’attuale comandante dell’AVES, generale Giangiacomo Calligaris, e del comandante della scuola, generale Rocco Bruno, per suggellare il profondo legame tra le generazioni nell’ambito della specialità.

Il lungo iter di addestramento ha visto impegnati i frequentatori provenienti dai corsi regolari del 188° dell’Accademia di Modena e l’11° Marescialli di Viterbo.

Il corso ha avuto inizio presso il 72° Stormo dell’Aeronautica Militare Italiana in Frosinone. La fase successiva presso il Centro si è svolta secondo un duro programma, conferendo le capacità necessarie a operare nelle unità di volo dell’AVES attraverso l’addestramento al volo tattico, l’addestramento al tiro con armamento di bordo, l’addestramento al volo notturno con sistemi di visione a intensificazione di luce, l’addestramento alla sopravvivenza di equipaggio di volo, alla resistenza all’interrogatorio e alla sopravvivenza in mare.

Pronti e addestrati hanno sostenuto e superato l’esame di specialità che li ha portati a conseguire il brevetto di pilota osservatore dell’esercito.

Tra i piloti, il tenente Hera Galli, che è la terza donna a indossare il brevetto di pilota osservatore e sarà impiegata al 4° reggimento AVES Altair di Bolzano.

Questi giovani piloti sono ora entrati a far parte di una “specialità giovane, dinamica, al passo con i tempi ed espressione di una componente operativa e umana altamente qualificata – quale appunto si definisce orgogliosamente l’AVES nel suo comunicato stampa – una specialità che ha partecipato a tutte le operazioni in Italia e all’estero e si è sviluppata con l’introduzione in servizio di macchine sempre più sofisticate, fino all’attuale configurazione resa possibile con l’acquisizione dei nuovi elicotteri da esplorazione e scorta A129 Mangusta, prima, e dell’elicottero da trasporto tattico NH90, poi”.

Nel dettaglio, i corsi formativi di base svolti dal 1° Gruppo squadroni Auriga nel 2012/2013 che hanno ricevuto il brevetto nella cerimonia sono: il corso piloti Sagittario 2012, 8 ufficiali del Ruolo Normale 188° corso Fedeltà, e 4 sottufficiali provenienti dall’11° corso Scuola Allievi Marescialli di Viterbo. Dopo aver frequentato il corso a Frosinone presso il 72° Stormo , gli allievi piloti nel settembre 2012 hanno iniziato il corso al CAAE- 1° Auriga dove hanno svolto la prima fase di volo basico durante la quale hanno conseguito l’abilitazione su ESC-1.

È poi seguita la fase di addestramento in montagna a Bolzano, per finire con l’addestramento al volo tattico, al volo notturno con NVG e abilitazione al tiro nelle aree addestrative del Centro. Il corso si è concluso con una esercitazione di impiego operativo di 6 settimane, durante la quale, operando in stretto contatto con assetti ricevuti in concorso al CAAE da parte del 66° reggimento di fanteria aeromobile Trieste, del 185° reggimento acquisizione obiettivi, del 17° reggimento artiglieria contraerei, del 33° reggimento guerra elettronica e della Croce Rossa, hanno avuto la possibilità di cimentarsi con gran parte delle situazioni operative nelle quali si trovano a operare gli assetti dell’AVES quando sono impiegati nei vari teatri operativi.

Completati gli esami teorici finali, il corso ha poi partecipato all’esercitazione di impiego AVES EUPIA 2013, in occasione della quale hanno dimostrato di essere in grado di mettere in atto tutte le predisposizioni necessarie a rischierare uno squadrone presso la sede del 2° reggimento AVES di Lamezia Terme e di essere in grado di integrarsi a pieno titolo con gli equipaggi operativi della specialità.

I neo piloti completeranno l’iter addestrativo con i corsi di abilitazione sulle macchine operative alle quali sono stati indirizzati in funzione dei reparti di assegnazione. Due ufficiali, sono infatti già partiti per gli Stati Uniti, per la frequenza del corso di abilitazione su CH-47 presso il centro di addestramento di Fort Rucker.

Il corso specialisti è composto dai corsi per 5 ufficiali specialisti, e 13 sergenti tecnici meccanici. Dopo la fase iniziale di elettronica di base, hanno frequentato il Basic Course orientato a far acquisire competenza nelle materie tecnico-professionali, quali struttura impianti e sistemi aeronautici.

Successivamente hanno conseguito l’abilitazione tecnica sull’elicottero da supporto al combattimento AB 205, quale piattaforma comune a tutti. Completeranno il loro iter formativo con le abilitazioni sulle macchine di impiego utilizzate dai reparti presso i quali sono stati destinati.

Sono complessivamente 600 i piloti dell’Esercito, 1.100 i tecnici, 226 gli elicotteri e 6 gli aerei in dotazione all’AVES. Gli uomini e le donne dell’AVES sono impiegati nei principali teatri operativi all’estero: in Libano, nella task force Italair, presente nel Paese dei cedri dal 1979; in Afghanistan, nella task force Fenice, Aviation Battalion del Regional Command West (RC – West) di base a Herat. Ogni anno sono effettuate oltre 18mila ore di volo, in Italia e nei teatri operativi all’estero.

Articoli correlati:

L’esercitazione EUPIA 2013 in Paola Casoli il Blog

L’AVES in Paola Casoli il Blog

Fonti: AVES, stato maggiore dell’Esercito

Foto: AVES

Article Tags:
· · ·
Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate · Libano