Ago 26, 2014
384 Views
0 0

UNIFIL, Libano: i caschi blu italiani collegano due villaggi migliorando circolazione e sicurezza con la sistemazione di un chilometro di strada

Written by

Nei giorni scorsi, fa sapere un comunicato stampa di UNIFIL (United Nations Interim Force In Lebanon) datato 25 agosto, il contingente italiano di UNIFIL, su base brigata Ariete, ha completato e inaugurato un importante progetto di cooperazione civile-militare consistente nella realizzazione di una strada che mette in comunicazione i due villaggi di Yanuh e Maraka, nel sud del Libano.

In particolare, i caschi blu hanno provveduto alla sistemazione della carreggiata e all’asfaltatura di circa mille metri di strada, che collega le due località, permettendo di migliorare la circolazione viaria e garantendo maggiori condizioni di sicurezza agli abitanti della zona. I lavori sono stati diretti e coordinati dalla branca CIMIC della Joint Task Force Lebanon (JTF-L).

Alla cerimonia di inaugurazione erano presenti, tra le autorità, il comandante del Sector West di UNIFIL, generale Fabio Polli, il presidente dell’Unione delle Municipalità di Tiro, Abdel Mohssen El Husseini, e il sindaco di Yanuh, Alì Youssef Jaber, il quale, nel suo discorso, ha ringraziato il contingente italiano per l’impegno in favore dei suoi cittadini, ricordando anche le opere realizzate in passato.

L’assistenza alla popolazione locale è uno dei compiti principali assegnati al contingente UNIFIL dalla risoluzione 1701 delle Nazioni Unite, unitamente al monitoraggio della cessazione delle ostilità e al supporto alle Forze Armate Libanesi (LAF), compiti per le quali i militari della brigata Ariete si sono a lungo preparati in patria e svolgono in Libano con professionalità, trasparenza e imparzialità.

Articoli correlati:

La JTF-L in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

La brigata Ariete in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Sector West UNIFIL

Article Tags:
· · · · ·
Article Categories:
Forze Armate · Libano