Nov 1, 2014
58 Views
0 0

KFOR: l’importanza delle comunità religiose al centro dell’incontro tra il COMKFOR, gen Figliuolo, e i leader religiosi locali. Condanna scritte vandaliche e diffamazione mediatica Monastero di Decani

Written by

Il comandante della Kosovo Force (KFOR), generale Francesco Paolo Figliuolo, ha incontrato il 29 ottobre scorso, nel quartier generale del Comando multinazionale della Forza NATO in Kosovo, i rappresentanti delle principali comunità religiose locali: il capo della comunità islamica, mufti Ternava, il vescovo ortodosso Teodosje e il vicario generale apostolico amministrativo in Kosovo, don Lush Gjergji.

Durante l’incontro si è discusso dell’importanza che le comunità religiose hanno nel contribuire al miglioramento delle relazioni tra i cittadini kosovari e nel favorire la creazione di un contesto che conduca alla pace e alla tolleranza nella regione nel rispetto delle diversità.

Tutte le autorità religiose hanno condannato unanimemente il recente atto vandalico occorso presso il Monastero di Decani – costituito da una serie di graffiti inneggianti a ISIS, lo stato islamico, AKSh, l’Esercito  nazionale albanese, e UCK, l’Esercito di liberazione del Kosovo, (foto dal profilo twitter di padre Sava) – e i successivi attacchi mediatici alla sua comunità.

Tale gesto ha suscitato profondo rammarico e tristezza nei partecipanti all’incontro, i quali hanno concordato nel definirlo un atto deprecabile che mina gli inviolabili principi di tolleranza e rispetto dell’intera società kosovara, sottolinea il comunicato stampa della KFOR. Hanno inoltre fermamente condannato ogni tipologia di fondamentalismo che minacci la sicurezza dell’intera popolazione mondiale.

I religiosi hanno ringraziato il generale Figliuolo per il contributo che KFOR continua a fornire nel garantire le condizioni di una pacifica coesistenza nell’area. Tutti i rappresentati hanno ribadito il proprio impegno nel promuovere la tolleranza religiosa e hanno espresso vivo apprezzamento per tutti gli sforzi che sono stati compiuti in questa direzione.

I rappresentanti delle comunità religiose hanno infine invitato tutti i loro fedeli a prendere le distanze da coloro i quali rifiutano i valori di pace e coesistenza per la creazione di un futuro migliore in Kosovo.

Il monastero di Decani è situato nell’area di responsabilità italiana di KFOR che è tenuta a garantire la sicurezza del sito religioso dichiarato patrimonio dell’umanità dall’UNESCO.

Articoli correlati:

Il monastero di Decani in Paola Casoli il Blog

KFOR in Paola Casoli il Blog

Fonte: KFOR PAO

Foto: KFOR PAO; profilo twitter di padre Sava Janjic

Article Categories:
Forze Armate · Kosovo