MNBG-W, KFOR: Silver Sabre per testare le capacità di reazione rapida in caso di escalation di violenza

Il Multinational Battle Group West (MNBG-W), a guida italiana, ha concluso un intenso addestramento effettuato nei giorni scorsi con la partecipazione alla complessa esercitazione “Silver Sabre”, che ha coinvolto tutti gli assetti operativi di KFOR.

In particolare, fa sapere lo stesso MNBG-W con una nota stampa del 3 novembre, le unità di manovra del MNBG-W hanno sviluppato le procedure di controllo della folla e di gestione dell’ordine pubblico in occasione di disordini o di concentrazione di masse ostili in prossimità di una struttura (Field Office) gestita da personale dei Liaison Monitoring Team (LMT), uno dei nuclei di collegamento e monitoraggio che opera nei territori municipali del Kosovo sotto il comando dei Joint Regional Detachments (JRDs).

Il Battaglione di manovra multinazionale, su base 3° reggimento Artiglieria da Montagna della brigata Alpina Julia, ha dislocato nell’area di esercitazione di Camp Vrelo un assetto logistico con cucina campale e ambulanza e le unità di manovra composte da militari austriaci, italiani e moldavi.

L’obiettivo addestrativo è stato quello di testare la capacità di reazione rapida delle forze del MNBG-W, terzo responsabile (third responder) della risposta a una situazione di progressiva escalation della violenza provocata dall’avvicinamento di una folla ostile in prossimità di un edificio sensibile (Field Office) occupato da personale di KFOR.

Nel prosieguo dell’esercitazione le unità di manovra in assetto anti-sommossa hanno applicato le procedure tecnico-tattiche tese al controllo della manifestazione, a respingere l’ammassamento di una folla ostile intenzionata a introdursi all’interno dell’edificio e a evacuare il personale LMT in una zona sicura.

L’esercitazione, spiega la nota, rappresenta un’importante occasione di addestramento volta al mantenimento di una completa capacità operativa, al miglioramento del livello di interoperabilità tra i diversi attori multinazionali e di consolidamento della standardizzazione delle procedure tecnico-tattiche, oltre a rientrare nell’ambito delle attività autorizzate dalla risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che prevede di garantire la sicurezza al Monastero di Decani, di mantenere la libertà di movimento e di impedire il ricorso alla violenza e di sviluppare progetti della Cooperazione Civile e Militare tesi nel supporto al processo di crescita economica grazie allo sviluppo delle istituzioni locali.

Il Multinational Battle Group – West (MNBG-W) è composto da circa 650 militari provenienti da 4 nazioni (Austria, Italia, Moldavia e Slovenia).

Articoli correlati:

Il MNBG-W in Paola Casoli il Blog

KFOR in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: MNBG-W