Apr 2, 2008
50 Views
0 0

Vertice Nato a Bucarest: i brutti sogni di Bush

Written by

 

Forse George Bush pensava che si trattasse della solita scampagnata, dove le signorine con il vestito della festa gli fanno l’inchino sorridendo. Ma ieri è andata diversamente e per il presidente degli Stati Uniti in visita a Kiev (Ucraina) prima del vertice Nato di Bucarest c’è stato solo il cattivo presagio di una insubordinazione della creatura Atlantica. Sarà solo un capriccio agli occhi dell’accigliato presidente, ma è certo che Francia e Gran Bretagna si sono opposte con fondati motivi all’ulteriore allargamento della Nato alle due repubbliche ex-sovietiche Georgia e Ucraina.

Per i cugini d’Oltralpe l’ingresso dei due paesi anche solo nel Membership Action Plan, primo passo per entrare nell’Alleanza, “altererebbe i rapporti di forza in Europa nonché gli equilibri tra Europa e Russia”, mentre per il cancelliere tedesco Angela Merkel il motivo del rifiuto sarebbe determinato dalla delicata situazione interna vissuta dai due paesi che hanno ancora in atto un contenzioso con la Russia.

Se fino a ieri Bush era così tranquillo del potere americano in seno alla Nato – da sempre concretizzato anche negli aspetti più formali quali il recente cambio di definizione da Pubblica Informazione in Public Affairs secondo tradizione statunitense –  oggi invece qualche pensierino ce l’avrà.

Da una parte la sensazione di non riuscire ad accaparrarsi altra carne da cannone da mandare in Afghanistan e dall’altra il presentimento di non poter mettere alle corde il collega russo Vladimir Putin.

Ora le bocce sono ferme. Forse a Bush gireranno un po’, ma quelle di Putin restano sicuramente salde dopo avere incassato il gradimento dei grandi europei a cui sta mostrando i denti affilati sin dalle trattative della troika sulla questione Kosovo risalenti agli ultimi mesi del 2007.

 
Article Categories:
Afghanistan · Kosovo