Dic 14, 2012
165 Views
0 0

Libano, UNIFIL: il CaSME gen Graziano visita il contingente italiano a Naqoura e ringrazia le famiglie in Italia che supportano i congiunti in teatro

Written by

Il generale Claudio Graziano, Capo di stato maggiore dell’Esercito (CaSME), lo scorso 12 dicembre si è recato in Libano in visita al contingente nazionale impiegato sul terreno nell’ambito della missione UNIFIL (United Nations Interim Force in Lebanon). Ad accoglierlo all’aeroporto internazionale di Beirut insieme con l’ambasciatore Giuseppe Morabito, anche il generale Paolo Serra, Head of Mission e Force Commander della missione ONU.

Il CaSME, già comandante in Libano dal 2007 al 2010, si è poi trasferito alla base militare di Naqoura, dove è stato aggiornato sulla situazione operativa nel Libano del Sud. Successivamente, il generale Graziano ha incontrato una rappresentanza di soldati italiani del Comando di UNIFIL,  rivolgendo loro un indirizzo di saluto e di augurio per le prossime festività natalizie.

Nel corso dell’incontro, il CaSME ha espresso parole di profondo apprezzamento per la meritoria opera svolta dai militari italiani impegnati nel quadro del delicato mandato contenuto nella risoluzione 1701 del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, sottolineando l’elevato profilo della missione.

In seguito la visita si è sviluppata presso la base militare italiana di Shama, dove il generale Antonio Bettelli, comandante del Settore Ovest di UNIFIL, attualmente su base brigata aeromobile Friuli, ha accolto il Capo di stato maggiore dell’Esercito.

Qui il generale Graziano ha incontrato e salutato i caschi blu del contingente militare nazionale, formulando gli auguri e ringraziando anche le famiglie che dall’Italia sostengono i militari schierati oltremare con un comprensibile e duro sacrificio.

Articoli correlati:

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Il CaSME generale Claudio Graziano in Paola Casoli il Blog

Fonti: UNIFIL MPIO, SW HQ UNIFIL

Foto: UNIFIL MPIO, SW HQ UNIFIL

Article Categories:
Forze Armate · Libano