Apr 5, 2013
47 Views
0 0

Afghanistan, RC-W ISAF: progressi delle forze afgane in ambito coordinamento e pianificazione operativa, la transition progredisce

Written by

Il 2 aprile scorso, nella sede dell’Operational Coordination Center regionale di Herat, il comandante del Regional Command West (RC-W) di ISAF, generale Ignazio Gamba, ha incontrato i vertici delle forze di sicurezza afgane che insistono nell’area occidentale del Paese.

L’evento, presieduto dal comandante del 207° corpo d’armata dell’esercito afgano, generale Taj Mohammad Jahed, è stato coordinato dall’Operational Coordination Center Advisory Team (OCCAT), l’unità specialistica dell’RC-W che esercita attività di advising a favore dei vari rappresentanti delle Afghan National Security Forces (ANSF) per sovrintendere allo scambio di informazioni tra le stesse e le Forze della Coalizione e fornire, se richiesto, eventuale supporto specialistico nel corso di specifiche operazioni.

Al termine dell’incontro, il generale Gamba, accompagnato dal colonnello Abdiani Toryalai, comandante del 606° Ansar Regional Zone, ha visitato il centro di addestramento regionale della polizia locale.

Il meeting, che avviene in un delicato momento di transizione di responsabilità alle forze di sicurezza afgane per il controllo del loro paese, ha rappresentato un evento cruciale per il necessario coordinamento delle attività operative tra le ANSF e le forze della coalizione internazionale che operano nella regione occidentale a guida italiana.

Qualche giorno prima, il 28 marzo, presso il 207° Corpo d’armata dell’Afghan National Army nella base di Camp Zafar, a Herat, si era svolto un importante incontro tra i responsabili regionali delle forze di sicurezza afgane, dove era stato presentato il piano denominato OQAB 1392 relativo alle operazioni da svolgere nel corso del prossimo semestre.

Durante quell’incontro, il comandante del 207° Corpo d’armata, generale Jahed, aveva presentato la pianificazione delle operazioni primaverili ed estive che saranno svolte dalle forze di sicurezza afgane (ANSF).

La presentazione dell’agenda si è svolta alla presenza del comandante dell’ISAF Joint Command (IJC), generale statunitense James L. Terry, del comandante dell’RC-W, generale Gamba, del Capo di stato maggiore della Difesa afgano, generale Shir Mohammad Karimi, del comandante delle Forze Operative Terrestri, generale di corpo d’armata Murad Ali Murad, e dei governatori delle province di Herat, Farah, Badghis e Ghor che insistono nell’area di responsabilità dell’RC-W.

Si è trattato di un evento di notevole importanza, considerata l’attuale fase di transizione della responsabilità della sicurezza nella regione, in quanto – per la prima volta dall’inizio della missione ISAF – le ANSF tutte insieme hanno pianificato autonomamente la campagna operativa che le vedrà impegnate sul terreno per garantire e implementare la sicurezza del paese.

Questo traguardo, che rappresenta l’evoluzione delle forze di sicurezza locali in termini di capacità operativa, di coordinamento organizzativo e di impiego condiviso, conseguito anche grazie all’efficace sostegno dei Military Advisor Team italiani (MAT), segna un significativo passo in avanti verso la totale assunzione di autonomia da parte delle ANSF nell’ambito della regione ovest dell’Afghanistan.

Articoli correlati:

L’RC-W ISAF in Paola Casoli il Blog

Le ANSF in Paola Casoli il Blog

Il processo di transition di ISAF in Paola Casoli il Blog

Il MAT dell’RC-W ISAF in Paola Casoli il Blog

Fonte: RC-W ISAF

Foto: RC-W ISAF

Article Categories:
Afghanistan · Forze Armate