Gen 21, 2016
47 Views
0 0

UNIFIL: il COMCOI visita Sheeba, crocevia di tensioni nell’area della missione UN

Written by

Il Generale Bertolini saluta i caschi blu italianiSi è conclusa ieri, 20 gennaio, la due giorni in Libano del comandante del Comando operativo di vertice Interforze (COI) generale Marco Bertolini.

Il comandante del COI (COMCOI) si è recato in visita al personale italiano della missione UNIFIL, dove è giunto martedì scorso, 19 gennaio, nel pomeriggio, ed è stato accolto dall’Head of Mission e Force Commander, generale Luciano Portolano, con il quale si è intrattenuto per un colloquio ristretto, fa sapere la stessa UNIFIL.

In particolare, il generale Portolano, nel fare il punto della situazione, ha tracciato un’analisi del quadro operativo in cui si muove la missione, con uno sguardo attento ai recenti sviluppi dei delicati equilibri interni e regionali.

Il Comandante del COI in visita al Quartier Generale di UNIFILLa visita è proseguita, il giorno successivo, con un sorvolo in elicottero della Blue Line e con sopralluogo presso l’area di Sheeba, crocevia tra Siria, Libano e Israele, e spesso focolaio di tensioni all’interno dell’area di operazione di UNIFIL.

Successivamente, il COMCOI si è recato a Shama, presso il Comando della forza nazionale – attualmente su base brigata alpina Taurinense – per incontrare i militari italiani che operano agli ordini del generale Franco Federici, cui è affidata la guida del settore ovest di UNIFIL.

Al termine della visita, il gen Bertolini si è detto molto soddisfatto del lavoro svolto dai caschi blu italiani, che con la loro presenza contribuiscono al processo di stabilizzazione dell’area creando i presupposti per una pace stabile e duratura.

Articoli correlati:

Il COI in Paola Casoli il Blog

Il COMCOI gen Bertolini in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

La brigata Taurinense in Paola Casoli il Blog

La Blue Line in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: UNIFIL MPIO

Article Categories:
Forze Armate · Libano