Set 26, 2013
85 Views
0 0

Exercise Brilliant Mariner – Mare Aperto 2013 al via in vista del periodo di comando della Marina Militare Italiana alla Nato Response Force del prossimo anno

Written by

Inizia oggi, 26 settembre, con la partenza delle unità navali dai porti di tutta Europa, l’esercitazione NATO Brilliant Mariner – Mare Aperto 2013.

L’esercitazione è focalizzata al raggiungimento di un elevato livello di addestramento e integrazione di parte delle forze che dal 1° gennaio 2014 faranno parte della Componente Marittima della NATO Response Force sotto guida italiana.

La NATO Response Force, ovvero Forza di Reazione Rapida della Nato, è un dispositivo militare ad alta prontezza operativa, formato da un’elite delle componenti terrestri, marittime, aeree e speciali provenienti dalle Forze Armate dell’Alleanza. Quello del 2014 è il terzo appuntamento al comando della Componente Marittima della NRF per la Marina Militare Italiana, dopo quelli del 2005 e 2009.

L’attività vedrà impegnati oltre 5mila uomini e donne, 21 unità navali delle Marine di Francia, Germania, Italia, Regno Unito, Spagna e Turchia tra le quali, oltre alla portaerei Cavour, che opererà quale flagship della forza navale, saranno presenti cacciatorpedinieri, fregate, cacciamine, sommergibili e una rifornitrice di squadra, nonché numerosi aeromobili ad ala rotante e fissa della Marina Militare con la collaborazione di mezzi aerei dell’Aeronautica Militare.

L’esercitazione sarà diretta dal Comando della Componente Marittima della NATO di Northwood, nel Regno Unito, e condotta da bordo di Nave Cavour da uno staff internazionale composto da 188 uomini e donne al comando dell’ammiraglio Paolo Treu, Comandante delle Forze d’Altura e Commander Italian Maritime Forces, designato quale Comandante della Componente Marittima della NATO Response Force 2014.

Inseriti in un realistico e impegnativo scenario di crisi, i comandanti e gli equipaggi delle unità navali impegnate si cimenteranno in attività antiterroristiche, operazioni di interdizione e controllo del traffico mercantile, operazioni di embargo, sbarchi anfibi e difesa aerea.

L’Italia partecipa con 3.150 uomini e donne, tra cui il personale delle componenti specialistiche degli aeromobili e 380 fanti della brigata marina San Marco, Nave Cavour, i cacciatorpedinieri Duilio e Mimbelli, l’unità anfibia San Marco, le fregate Aliseo, Espero e Grecale, la rifornitrice Stromboli, la corvetta Fenice, i pattugliatori Foscari e Cigala Fulgosi, i cacciamine Crotone e Milazzo e il sommergibile Pelosi, più 8 elicotteri, di cui 5 EH 101, 2 AB 212, 1 SH90 e 8 Harrier AV8B.

Articoli correlati:

La Brilliant Mariner in Paola Casoli il Blog

Fonte: Marina Militare

Foto: NRF/archivio NATO

Article Categories:
Forze Armate