Set 21, 2014
141 Views
0 0

La KFOR in Kosovo si conferma presenza fondamentale per la sicurezza

Written by

Il comandante della forza multinazionale NATO KFOR, generale Francesco Paolo Figliuolo, ha concluso nei giorni scorsi una serie di incontri con le principali autoritá civili e politiche di Pristina, i capi delle missioni Europee e delle Nazioni Unite, i rappresentanti della comunità internazionale e gli ambasciatori dei paesi accreditati in Kosovo, fa sapere l’ufficio stampa di KFOR.

Il generale Figliuolo, che ha assunto il comando della missione KFOR lo scorso 3 settembre (link articolo in calce), nel corso degli incontri ha confermato l’impegno di KFOR per garantire sicurezza e libertà di movimento nella regione e in particolare a nord dove c’è una maggiore concentrazione della comunità serba.

Questi incontri periodici, basati sul dialogo e sulla cooperazione, rappresentano un importante fattore di successo per la missione NATO KFOR e per il miglioramento delle relazioni tra Pristina e Belgrado.

“KFOR rappresenta una presenza fondamentale che contribuisce in maniera determinante alla sicurezza e al progresso del Kosovo”, ha recentemente ribadito la Presidente del Kosovo, Atifete Jahjaga.

La presenza di KFOR si è ridotta gradualmente negli anni, in termini di truppe operanti sul terreno.  La forza presente oggi è di dieci volte inferiore a quella del 1999 mentre la sicurezza percepita è di gran lunga superiore.

Dei 55mila militari schierati all’inizio della missione, infatti, ne sono rimasti ora circa 5.500, provenienti da 31 nazioni, che operano al comando del generale Figliuolo.

Articoli correlati:

KFOR, cambio di comando alla missione NATO in Kosovo che conferma la leadership italiana: al gen Farina subentra il gen Figliuolo (3 settembre 2014)

KFOR in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: PAO KFOR

Article Categories:
Forze Armate · Kosovo