Lug 25, 2015
40 Views
0 0

KFOR: verso fine mandato il COMKFOR gen Figliuolo sottolinea l’importanza dell’approccio comprensivo e della collaborazione

Written by

20150723_KFOR_Pristina_COMKFOR gen Francesco Paolo Figliuolo press conference (3)“Agire in maniera preventiva per anticipare gli eventi e adottare un atteggiamento più dinamico aumentando il numero delle pattuglie sono i principi ai quali si è ispirato KFOR XIX”, ha dichiarato il comandante di KFOR (COMKFOR), generale Francesco Paolo Figliuolo, a poche settimane dal termine del suo incarico come Comandante di KFOR XIX.

Nella conferenza stampa che si è svolta mercoledì mattina, 23 luglio, nel palazzo della RTK a Pristina, il COMKFOR ha sottolineato anche che “uno dei fattori chiave del successo in Kosovo è l’approccio comprensivo che permette di creare collaborazioni solide ed efficaci con la comunità internazionale e con le Istituzioni kosovare”.

20150723_KFOR_Pristina_COMKFOR gen Francesco Paolo Figliuolo press conference (1)In risposta a un giornalista, con riferimento all’attuale periodo di instabilità della sicurezza mondiale, il COMKFOR ha dichiarato che “il terrorismo è una minaccia globale da cui nessuna nazione può sentirsi immune. Le istituzioni kosovare hanno dimostrato una grande attenzione a questo fenomeno anche adottando una legge contro i foreign fighters”, e ha concluso affermando che “l’impegno delle organizzazioni di sicurezza kosovare è stato fino ad ora molto efficace”.

Negli undici mesi di comando del generale Figliuolo, KFOR XIX ha sempre agito nel rispetto del mandato e della risoluzione 1244 delle Nazioni Unite, assicurando un ambiente sicuro e stabile e la libertà di movimento per tutti i kosovari senza distinzione etnica né religiosa.

20150723_KFOR_Pristina_COMKFOR gen Francesco Paolo Figliuolo press conference (2)Da settembre del 2014 gli uomini e le donne di KFOR XIX hanno realizzato più di 6.500 pattuglie e oltre 150 pattuglie sincronizzate con le Forze Armate Serbe lungo il confine amministrativo Kosovo – Serbia.

Gli elicotteri di KFOR hanno volato per oltre 4.300 ore in attività operative e di addestramento e le unità della Forza multinazionale hanno realizzato oltre 100 attività addestrative congiunte con la Kosovo Police, la Border Police e le forze di sicurezza kosovare.

Di fondamentale importanza per garantire la sicurezza e ridurre le tensioni si è rivelata l’attività di Key Leader Engagement, svolta da tutte le unità di KFOR: oltre un migliaio gli incontri con gli amministratori locali, con le autorità religiose e civili ma anche con la gente comune.

Infine, sottolinea il comunicato stampa di KFOR, molto intensa è stata anche l’attività diplomatica svolta dal generale Figliuolo. Oltre agli 8 incontri con il Capi di stato maggiore della Difesa di Albania, FYROM, Montenegro e Serbia, con lo scopo di condividere le informazioni necessarie a rinforzare la sicurezza del Kosovo e, più in generale, dell’intera area balcanica, il comandante di KFOR XIX ha avuto più di un centinaio di incontri con ambasciatori delle nazioni che sostengono la Forza Multinazionale e oltre 50 riunioni con le autorità del Kosovo, con il Presidente della Repubblica, il Primo Ministro e numerosi esponenti del governo, ma anche i sindaci delle municipalità più importanti.

Articoli correlati:

Il COMKFOR generale Francesco Paolo Figliuolo in Paola Casoli il Blog

KFOR in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: KFOR PAO

Article Categories:
Forze Armate · Kosovo