Scuola Sottufficiali: abilitazione al lancio per il XIX Saldezza

Si è concluso per 127 Allievi Marescialli del XIX corso Saldezza il corso di abilitazione al lancio con paracadute ad apertura automatica, condotto dal Centro Addestramento Paracadutismo (CAPAR) di Pisa.

Lo rende noto la Scuola Sottufficiali dell’Esercito con un ocmunicato stampa di ieri, 26 luglio.

Nel mese di giugno intensa l’attività che ha visto i futuri Comandanti di plotone dell’Esercito Italiano costantemente seguiti dal personale qualificato del CAPAR: tre settimane di accurata preparazione fisica e di addestramento tecnico specifico alle quali va aggiunta la settimana dedicata agli aviolanci veri e propri.

Nei giorni 26, 27 e 29 giugno a Pisa e 24 e 25 luglio a Tarquinia – “non lontano dalla sede della prima Scuola Militare di Paracadutismo italiana”, sottolinea il comunicato – gli Allievi Marescialli e i rispettivi Comandanti hanno effettuato i previsti lanci da aeromobili dell’Aeronautica Militare e dell’Aviazione dell’Esercito (AVES).

È un mese di luglio fitto di attività per tutti gli Allievi Marescialli della Scuola Sottufficiali dell’Esercito, ricorda il comunicato, impegnati con l’Esercitazione Una Acies 2018.

In “un’unica schiera” hanno partecipato a una serie di attività volte a standardizzare le capacità operative di uomini e donne della Forza Armata appartenenti a diverse categorie.

Insieme agli Ufficiali del 197° corso Tenacia della Scuola di Applicazione dell’Esercito, gli Allievi Marescialli del XIX corso Saldezza e del XX corso Certezza si sono addestrati per acquisire un comune bagaglio di conoscenze, indispensabile premessa per un futuro professionale all’insegna dell’efficacia e dell’efficienza.

Un ciclo di attività, essenzialmente pratiche, finalizzate a dotarli degli strumenti professionali idonei al ruolo di junior leader che andranno a ricoprire nell’ambito delle unità dell’Esercito Italiano.

Articoli correlati:

Una Acies in Paola Casoli il Blog

La Scuola Sottufficiali dell’Esercito in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola Sottufficiali dell’Esercito