Mag 23, 2022
101 Views
0 0

SW UNIFIL: Enhanced Combinex per i Caschi Blu in Libano

Written by

È stata organizzata dalla Cellula Pianificazione e Addestramento del Settore Ovest (Sector West, SW) di UNIFIL, a guida italiana, l’esercitazione Enhanced Combinex, destinata a migliorare le procedure di Comando e Controllo (C2), con specifico riferimento alla condivisione delle informazioni e delle comunicazioni, in risposta a un evento di tentativo di interdire la libertà di movimento Denial of Freedom of Movement (DFOM).

Lo si apprende da un comunicato stampa dello stesso SW UNIFIL.

Sono questi i temi sui quali si è basata la Enhanced Combinex, attività addestrativa organizzata dal SW nella base UNP 2-45, sede del battaglione a guida irlandese, che ha visto coinvolti assetti che operano sul terreno e nella terza dimensione e le sale operative ai vari livelli decisionali.

In particolare, per il Settore Ovest sono stati impegnati la sala operativa di settore (Tactical Operations Centre TOC), la riserva mobile di Settore (Sector Mobile Reserve SMR) a guida italiana fornita dal Reggimento Genova Cavalleria (4°), la riserva mobile di battaglione (Battalion Mobile Reserve BMR) e un’ulteriore pattuglia del contingente ghanese.

Per il Comando di UNIFIL, si apprende, hanno partecipato la sala operativa di Naqoura (Joint Operations Centre JOC), la riserva del Comandante di UNIFIL (Force Comander’s Reserve FCR) a guida francese, nonché l’assetto elicotteristico AB 212 di ITALAIR, fornito dal 2° Reggimento Aviazione dell’Esercito Sirio di Lamezia Terme.

Il momento addestrativo segue e integra il seminario sul Denial of Freedom of Movement condotto nello scorso mese di aprile presso la base Millevoi di Shama, sede del Contingente italiano, sviluppato a favore di tutte le unità dipendenti, voluto dal Generale di Brigata Massimiliano Stecca, Comandante dei Caschi Blu del Sector West, ricorda il comunicato stampa. 

Tale iniziativa punta a migliorare e incrementare le capacità gestionali e di risposta a eventuali episodi di tensione che potrebbero verificarsi nell’area di operazioni.

La piena libertà di movimento è un elemento fondamentale per permettere alle forze di UNIFIL di implementare la risoluzione 1701 delle Nazioni Unite; giornalmente, infatti, i Caschi Blu conducono attività di pattugliamento indipendente e congiunto con le Forze Armate Libanesi in tutta l’Area di Operazioni, attività incrementata ulteriormente nelle ultime settimane per evitare eventuali atti dimostrativi da parte di facinorosi.

La missione italiana in Libano è attualmente a guida Brigata di Cavalleria Pozzuolo del Friuli, al suo sesto mandato nella Terra dei Cedri con i colori delle Nazioni Unite, e ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL in cui operano 3.800 Caschi Blu di 16 dei 46 paesi contributori alla missione ONU e di cui fanno parte circa 1.000 militari italiani.

L’hashtag per parlarne nei social è #UnaForzaperilPaese

Fonte e foto: SW UNIFIL

Article Categories:
Forze Armate · Libano