Mar 25, 2015
74 Views
0 0

Libano, Leonte XVII: i peacekeeper italiani di UNIFIL donano un cardiografo a Tiro, solidarietà attenta alle donne

Written by

20150324_Libano_Sector West UNIFIL_attività CIMICUn importante progetto umanitario dei caschi blu impiegati in Libano nell’ambito di UNIFIL ha avuto luogo nei giorni scorsi a Tiro, portando ancora una volta in primo piano l’attività CIMIC dei peacekeeper italiani del Sector West nel sud del Libano: il contingente italiano, su base brigata Pinerolo, ha consegnato un cardiografo all’Associazione AMEL e giocattoli all’Associazione Woman Association of Qana.

Il progetto del cardiografo rappresenta un’iniziativa del Nucleo Carabinieri della Military Police del contingente italiano in Libano, al comando del generale Stefano Del Col, e della delegazione di Puglia e Lucania del Sacro Militare Ordine di Malta, che, coordinati dalla Cellula della Cooperazione Civile Militare (CIMIC), hanno realizzato questa importante donazione a favore dell’Associazione AMEL di Tiro, antica e importante città sulla costa nel sud del Libano, all’interno dell’area di responsabilità italiana.

L’associazione AMEL è attiva in diverse municipalità del sud del Libano, in particolare la struttura presente a Tiro fornisce servizi di prevenzione sanitaria, assistenza all’infanzia e alle donne in stato di gravidanza, promuove l’integrazione tra i diversi popoli rivolgendosi ai più bisognosi tra la popolazione libanese e prestando assistenza a siriani e palestinesi.

Nella stessa giornata, i caschi blu italiani hanno consegnato numerosi giocattoli, donati dall’Associazione Nazionale Bersaglieri (ANB) della Sezione di Bari, alla Woman Association of Qana, l’associazione di donne libanesi di religione musulmana che prestano assistenza ad altre donne a prescindere dal credo religioso a cui fanno riferimento.

Sono numerosi i progetti realizzati dalla cooperazione civile e militare con la collaborazione di associazioni, società, aziende italiane che, coinvolte dal Contingente in una vera e propria operazione di solidarietà, hanno inviato materiali non deperibili di ogni genere a favore della popolazione libanese per interventi nei settori della sanità, dell’educazione, dell’istruzione, dei trasporti e nell’ambito sportivo.

Il contingente italiano in Libano ha la responsabilità del Settore Ovest di UNIFIL dove opera un contingente multinazionale di 3.500 soldati, provenienti da 11 diverse nazioni, e di questi 1.000 sono italiani.

Articoli correlati:

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

La brigata Pinerolo in Paola Casoli il Blog

Il CIMIC in Paola Casoli il Blog

UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: SW UNIFIL

Article Categories:
Forze Armate · Libano