186° reggimento Paracadutisti Folgore

Scuola di Fanteria, cambio comando: venerdì 29 il gen Mingiardi passa le consegne al gen Faraglia, sarà COS al COMFORDOT

“Venerdì 29 marzo 2019, con inizio alle ore 11:00, presso la Caserma ‘S.Ten. M.O.V.M. U. Bartolomei’ [a Cesano di Roma], avrà luogo la cerimonia di cambio del Comandante della Scuola di Fanteria, fa sapere oggi la stessa Scuola.

Alla cerimonia, presieduta dal Comandante del Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito (COMFORDOT), Generale di Corpo d’Armata Giovanni Fungo, è annunciata la partecipazione delle più alte autorità civili e religiose della XV Circoscrizione del Comune di Roma Capitale, dei Gonfaloni del Comune e della Provincia, delle rappresentanze delle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, a testimonianza del solido legame tra la Scuola e il territorio.

Al cospetto della Bandiera di Guerra dell’Arma di Fanteria, decorata di due Ordini Militari d’Italia, di una medaglia d’oro al Valor Civile e di una medaglia d’oro al Valore dell’Esercito, dopo oltre tre anni alla guida dell’Istituto, il Generale di Divisione Massimo Mingiardi lascerà il comando della Scuola per un nuovo prestigioso incarico: sarà il nuovo capo di stato maggiore al COMFORDOT. Al suo posto si insedierà il Generale di Brigata Giuseppe Faraglia.

Nato a Firenze, Ufficiale Paracadutista, il Generale di Divisione Mingiardi ha frequentato il 164° Corso dell’Accademia Militare, la Scuola d’Applicazione, il 121° Corso di Stato Maggiore e successivamente il 1° Corso ISSMI e il Royal College Defence Studies in Londra. Ha prestato servizio presso il 186° Reggimento Paracadutisti Folgore, il II Reparto SIOS dello Stato Maggiore Esercito e al Comando Operativo di vertice Interforze. Ha comandato il 183° Reggimento Paracadutisti Nembo e la Brigata paracadutisti Folgore, ricorda la Scuola nel suo comunicato.

Nel corso della carriera, il gen Mingiardi ha partecipato alle operazioni Restore Hope e UNSOM 2 in Somalia, Joint Guardian in Albania – Kosovo ed è stato Comandante della Missione di Addestramento delle Forze Armate somale (European Training Mission Somalia EUTM Somalia).

Articoli correlati:

Il gen Mingiardi in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Scuola di Fanteria

Difesa: con la Saber Strike 18 un nuovo strumento di interoperabilità con le Forze Armate della NATO e della Airborne Community

Si è conclusa nei giorni scorsi in Germania, in Lettonia e in Polonia una delle fasi più delicate e articolate dell’esercitazione Saber Strike 2018, ha fatto sapere con un comunicato stampa dell’8 giugno lo stato maggiore della Difesa.

Nel dettaglio, la Saber Strike ha visto operare le Forze Armate Italiane a fianco dei militari alleati di diverse nazioni con i Paracadutisti della brigata Folgore e assetti aerei della 46^ brigata Aerea dell’Aeronautica Militare.

In tale contesto di esercitazione, una “Coalition of the Willing” affronta un nemico ibrido in uno scenario improntato al massimo realismo, spiega il comunicato.

L’esercitazione ha inteso consolidare le capacità professionali, tecniche e tattiche del personale delle Forze Armate appartenente alle diverse specialità e nazioni, al fine di rafforzare, integrare l’interoperabilità e standardizzare l’applicazione delle procedure delle unità che costituiscono la Airborne Community chiamata a rispondere a una situazione di crisi internazionale.

Tra i paracadutisti della Folgore sotto il diretto Comando e Controllo Tattico della 82^ Divisione e della 173^ Infantry Brigade Combat Team (Airborne) in Lettonia,  gli Esploratori del 186° reggimento Paracadutisti Folgore hanno operato come unità  di Long Range Surveillance, spiega la Difesa, “integrando la capacità dell’aviolancio con la tecnica della caduta libera con expertise di pattuglia guida e con capacità di ricerca e acquisizione di informazioni tese a individuare e a verificare preventivamente le  zone di lancio e le zone d’atterraggio”.

L’individuazione di queste zone, necessaria per garantire l’immissione dell’aliquota della forza più consistente, realizza una Joint Forcible Entry in ambiente semi-permissivo che consiste in un’operazione aviotrasportata a supporto dell’entrata in teatro di successivi scaglioni di forze.

Tale esercitazione rappresenta una verifica non solo da parte della Folgore della nuova capacità, ma un arricchimento delle Forze Armate Italiane, sottolinea la Difesa, “che si sono dotate di un nuovo strumento di interoperabilità con le Forze Armate della NATO e della Airborne Community”.

Nei giorni di esercitazione si sono susseguite attività di aviolancio di CDS (Container Delivery System) per rifornire e per consegnare equipaggiamenti alle truppe dispiegate sul terreno, dove l’Aeronautica Militare, con l’impiego di un aereo C130J, velivolo per il trasporto tattico adatto ad atterrare su piste particolarmente corte e non asfaltate, ha supportato le unità terrestri.

L’esercitazione rappresenta un’eccellente opportunità e un significativo ritorno per la Difesa in termini di interoperabilità e integrazione con le Forze Armate straniere, oltre che di massimizzazione del valore addestrativo per via del realismo dello scenario e per l’impiego dei vari assetti specialistici nazionali e internazionali, conclude il comunicato.

Fonte e foto: PI SMD

Esercito: a Porta di Roma droni, robot, simulatori nell’evento del Comando Militare della Capitale

Da oggi, 16 aprile, fino al prossimo 22 aprile, l’Esercito incontra i cittadini con l’evento promozionale sui temi di “Formazione, professionalità, tradizioni, valori, tecnologia e sport” organizzato presso la Galleria Commerciale Porta di Roma dall’Esercito Italiano nella Capitale, che ne ha dato notizia con un comunicato stampa del 13 aprile scorso.

In tutto 14 settori espositivi che il Comando Militare della Capitale ha allestito in occasione di un’attività rivolta al reclutamento e alle prospettive professionali nella Forza Armata.

Arrampicata su parete di roccia artificiale, simulatore di volo, attività interattive e cinofile, percorsi di Military Fitness, esibizione della Army Jazz Band, esposizione di droni, robot sminatori, mezzi e attrezzature speciali, nonché rari veicoli storici: questo sarà “Mira al tuo Futuro”, l’iniziativa capitolina con cui l’Esercito si presenterà agli ospiti, fa sapere il Comando Militare della Capitale.

L’area espositiva viene inaugurata oggi, 16 aprile, alle 10.

I visitatori, fa sapere il comunicato stampa, potranno cimentarsi in attività quali l’arrampicata di roccia artificiale con l’assistenza di istruttori militari del 9° reggimento Alpini.

Sarà inoltre esposto il robot “MK8 – Plus II” usato per la neutralizzazione degli ordigni esplosivi dagli artificieri del 6° reggimento Genio Pionieri, che allestirà anche una attività interattiva di impiego dei cercametalli.

Per gli sportivi, assistiti da istruttori del 186° reggimento Paracadutisti Folgore, allestito il percorso di “Military Fitness” che permetterà, attraverso particolari esercizi fisici, di misurarsi con le proprie capacità motorie.

Per gli appassionati di volo, prosegue il comunicato, il Comando Aviazione dell’Esercito (AVES) espone un elicottero A129 “Mangusta” e due postazioni con il simulatore di volo “ROLFO”, che consentirà di vivere un’esperienza realistica pilotando aerei ed elicotteri militari e disponendo di tutti i comandi presenti in una vera cabina di pilotaggio.

All’ingresso della Galleria Commerciale Porta di Roma, personale qualificato sarà a disposizione per fornire informazioni e materiale illustrativo sulle diverse possibilità di reclutamento, sulle prospettive di sviluppo professionale e sui concorsi in atto nell’Esercito, conclude il Comando Militare della Capitale.

Articoli correlati:

Il Comando Militare della Capitale in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto (di repertorio): Comando Militare della Capitale