Apr 29, 2008
80 Views
0 0

Kosovo, da domani la brigata Pinerolo al comando della task force multinazionale ovest

Written by

 

E’ prevista per domani 30 aprile alle 11.00 la cerimonia del trasferimento di autorità (Toa) a Villaggio Italia, sede della task force multinazionale in Kosovo (Mntf-W) a guida italiana nell’ambito della missione Kfor. 

La brigata Pinerolo basata a Bari e comandata dal generale di brigata Agostino Biancafarina rileverà il comando dalla brigata Aosta comandata dal generale di brigata Nicolò Falsaperna, che dallo scorso 30 ottobre 2007 è alla guida della Mntf-W a Pec. 

Alla cerimonia sarà presente il vicecomandante del Comando operativo interforze (Coi) generale di divisione aerea Tommaso Ferro. Gli uomini di Villaggio Italia hanno ricevuto ieri la visita del ministro della Difesa uscente Arturo Parisi e del capo di stato maggiore della Difesa generale di divisione area Vincenzo Camporini. 

Il comandante cedente Nicolò Falsaperna ha già espresso il personale apprezzamento per l’operato dei suoi uomini dalle pagine del periodico Il Corriere dell’Aosta, redatto dai Public Affairs Officers della brigata: “In questo periodo ho avuto la conferma che a rimboccarsi le maniche i soldati dell’Aosta sono abituati e lo fanno pure bene. Vi ho visti operare al fianco di colleghi di altre nazionalità con il giusto piglio, senza presunzione, ma anche senza incertezze. Vi ho osservati durante le attività di pattuglia, in quelle logistiche e durante il tempo libero. Posso ritenermi un Comandante fortunato. Avete contribuito ad accrescere la già eccellente opinione conquistata all’estero dai soldati italiani. Abbiamo avuto la buona sorte di confrontarci con colleghi stranieri di elevatissimo spessore professionale. Da loro abbiamo imparato tanto e sono convinto che anche loro hanno apprezzato il nostro operato. Tra qualche giorno rientreremo nelle nostre famiglie e anche a loro rivolgo un particolare grazie per il supporto che riescono ad assicurare durante le nostre missioni e per il peso che sostengono quando siamo assenti da casa. Come si dice è una missione nella missione quella che i nostri familiari sono chiamati ad affrontare”.

Article Categories:
Kosovo