Giu 1, 2010
73 Views
0 0

Chi di verità ferisce, di ipocrisia perisce. Da ieri Horst Koehler non è più il presidente tedesco

Written by

Non più di un mese fa aveva messo in relazione la missione militare in Afghanistan con la difesa degli interessi economici tedeschi. Oggi quel riferimento fatto all’indomani di una visita nel teatro operativo, dove con la missione Nato Isaf sono dispiegati circa 4.700 soldati tedeschi, lo ha portato alle dimissioni da presidente della Repubblica Federale di Germania.

Horst Koehler, l’ormai ex presidente che ha lasciato nel pieno del suo secondo mandato, è riuscito a mettere in imbarazzo con le sue dimissioni la Cancelliera Angela Merkel, già alle prese con altri grattacapi in questo periodo. Tanto che al momento del congedo ha affermato di essere vittima di un fraintendimento.

In realtà si tratta di una dichiarazione diretta ma ingenua, in quanto fatta nel momento sbagliato. Quando cioè, oltre ai capricci economico-finanziari dell’euro, si assiste a un periodo di scarsa popolarità per il dispiegamento dei militari tedeschi in Afghanistan con forti pressioni in favore del ritiro delle truppe.

Articolo correlato:

Peacekeeping redditizio (2 settembre 2009)

Fonte: BBC News, Il Giornale.it

Foto: REGIERUNGonline/Bergmann

Article Categories:
Afghanistan · Bosnia · Forze Armate · Kosovo · Sicurezza