Apr 18, 2012
108 Views
0 0

Libano, un progetto italiano farà luce a Shama

Written by

E’ stato inaugurato ieri 17 aprile nella città libanese di Shama, nella zona di responsabilità italiana del Sector West di UNIFIL su base brigata Pinerolo al comando del generale Carlo Lamanna, un impianto di illuminazione stradale di ultima generazione a tecnologia Led alimentato da energia solare.

Si tratta in tutto di 10 nuovi punti luce, la cui dislocazione, fa sapere il comunicato stampa del Sector West, è stata scelta in coordinamento con la municipalità, privilegiando punti sensibili e pericolosi della strada principale che conduce all’abitato e permettendo di incrementare notevolmente le condizioni di viabilità stradale e la sicurezza dei cittadini di Shama.

Il funzionamento dell’impianto non graverà  sulla rete pubblica di distribuzione dell’energia elettrica, in quanto è totalmente autosufficiente grazie all’alimentazione con pannelli solari dalla resa complessiva di 110W per punto luce.

Il progetto rientra tra i tanti intrapresi nel corso del corrente anno dal contingente italiano per migliorare sia le condizioni di sicurezza che l’efficienza della rete viaria interna al settore di responsabilità del Sector West di UNIFIL,  e si colloca nell’ambito delle attività di cooperazione civile e militare rivolte al conseguimento degli obiettivi fissati dalla risoluzione Onu 1701, volta al miglioramento delle condizioni di vita della popolazione civile nel sud del Libano.

All’inaugurazione dell’impianto ha partecipato il comandante del Settore Ovest di UNIFIL, generale Carlo Lamanna, il sindaco della municipalità di  Shama, il presidente delle municipalità di Tiro, El Hussein, un parlamentare del Governo Libanese, il comandante della 5^ brigata dell’Esercito Libanese, numerose altre autorità locali oltre a una folta rappresentanza della cittadinanza di Shama.

Articoli correlati:

Il Sector West di UNIFIL in Paola Casoli il Blog

Fonte: Sector West UNIFIL

Foto: Sector West UNIFIL

Article Categories:
Forze Armate · Libano