Scuola di Applicazione: cerimonia di consegna delle lauree agli Ufficiali del 194° corso Coraggio

Ha avuto luogo il 28 luglio scorso, nell’Aula Magna di Palazzo Arsenale a Torino, la cerimonia di consegna dei diplomi di Laurea Interateneo in Scienze Strategiche agli Ufficiali frequentatori del 194° corso Coraggio, fa sapere con un comunicato stampa la Scuola di Applicazione dell’Esercito.

Nella stessa cerimonia sono state consegnate anche le lauree agli studenti civili del corso di Laurea in Scienze Strategiche che hanno completato l’iter formativo presso il Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito, si apprende.

L’evento è stato presieduto dal Comandante dell’ Istituto, gen Claudio Berto, e dal prof Edoardo Greppi, Presidente della Struttura Universitaria Interfacoltà di Scienze Strategiche dell’Università degli Studi di Torino.

In tutto sono state consegnate 121 pergamene di laurea. Tra i neo laureati, fa sapere la Scuola di Applicazione, 10 donne e 111 uomini, di cui 4 di nazionalità straniera provenienti da Armenia, Thailandia e Niger.

La Scuola di Applicazione di Torino rappresenta infatti un polo culturale essenziale in grado di coniugare aspetti quali rispetto per le tradizioni, innovazione didattica e, in primis, l’internazionalizzazione degli studi.

Erano presenti alla cerimonia il Consigliere della Città di Torino Viviana Ferrero, il Presidente del Tribunale Amministrativo Regionale del Piemonte dott Domenico Giordano, il Corpo degli insegnanti civili, i docenti militari e numerosi familiari e amici dei neo laureati.

Nel corso della cerimonia è stato conferito il titolo di “Benemerito della Scuola” al prof Luigi Bonanate, professore emerito, già ordinario di Relazioni internazionali nell’Università di Torino.

Il prof Greppi nella sua introduzione ha messo in luce l’unicità del sistema formativo torinese nel quale Esercito e istituzioni accademiche operano in stretta sinergia, garantendo una proposta didattica moderna e flessibile e, come tale, di grande interesse anche per i numerosi studenti civili attratti da possibili sbocchi professionali nei settori della sicurezza, difesa e cooperazione internazionale.

Il gen Berto ha da parte sua sottolineato l’importanza del servizio al Paese che sottintende la completa e generosa disponibilità dei giovani ufficiali nell’affrontare le emergenze in Patria e all’estero.

I risultati ottenuti sono stati eccellenti: 13 studenti hanno conseguito il punteggio di 110 su 110 “cum laude”, di questi, 4 hanno ricevuto la “menzione”, si apprende in dettaglio.

Il migliore degli studenti militari si è rivelato il tenente delle trasmissioni Virgilio Zupancich, originario di Roma.

A ottenere il miglior risultato tra gli studenti civili è stata Giulia Coppola, di Saluzzo, fa sapere il comunicato della Scuola di Applicazione.

Articoli correlati:

La Scuola di Applicazione in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Comando per la Formazione e Scuola di Applicazione dell’Esercito