Sector West, UNIFIL: dai caschi blu italiani un corso di difesa da aggressioni fisiche, psicologiche e verbali. Per sole donne

È appena iniziato, nell’area di responsabilità del contingente italiano nel Sud del Libano, il corso di autodifesa personale per le donne locali a cura degli istruttori e aiuto istruttori della Joint Task Force – Lebanon, attualmente al comando del gen Francesco Olla, fa sapere il Sector West di UNIFIL con un comunicato stampa del 31 luglio.

Il corso si colloca dopo una attività specifica dei caschi blu italiani, che hanno condotto, nel primo trimestre dell’Operazione Leonte XXII, un ciclo addestrativo finalizzato alla formazione di team di aiuto-istruttori di sesso femminile, con l’obiettivo di permettere la frequentazione del corso di autodifesa alle donne di tutte le fedi religiose e culture locali.

Grazie alla cooperazione del personale del CIMIC (Civil-Military Cooperation) con le autorità e associazioni locali, il contingente militare italiano sta sviluppando, dallo scorso 31 luglio, una serie di corsi finalizzati all’acquisizione delle tecniche basiche di autodifesa che permettano alle donne locali di fronteggiare le minacce più frequenti tipiche di un ambiente non sempre sicuro.

Condotte dagli aiuto-istruttori di sesso femminile dei caschi blu italiani, e con la supervisione degli istruttori di difesa personale, le lezioni saranno mirate a gestire o evitare una disputa o aggressione di tipo fisico.

Il capitano Cosimo De Vita, già responsabile del corso ‘train the trainer’ per il personale aiuto-istruttore femminile, così ha commentato durante l’attività con le associazioni locali: “La difesa personale che sarà proposta non è da intendersi come un insieme di tecniche e insegnamenti atti a usare violenza per sopraffare fisicamente l’avversario, ma comprenderà esclusivamente tecniche e strategie per la difesa da aggressioni a livello fisico, psicologico e verbale; svilupperanno l’applicazione dei movimenti e delle prese da eseguire nel modo più efficace possibile; infine, nel corso si evidenzieranno, in particolare, difese da strangolamento o sopraffazione fisica, applicando prese e leve che permettano alla donna aggredita di evitare la minaccia”.

L’attività permetterà alle frequentatrici, oltre ad apprendere i movimenti base per divincolarsi e difendersi da un attacco, di acquisire un approccio più sicuro e sereno nella vita quotidiana, nonché di riconoscere le situazioni in cui potrebbero risultare più facilmente vulnerabili alle minacce di possibili malintenzionati.

Il contingente italiano, attualmente su base brigata meccanizzata Granatieri di Sardegna con l’operazione Leonte XXII, in base a quanto sancito dalla Risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite 1701, svolge quotidianamente attività di supporto alla popolazione locale attraverso progetti a loro favore, oltre alle attività operative di controllo delle zone di confine e della linea di demarcazione meglio nota come Blue Line e addestrative a favore delle unità dell’Esercito Libanese di stanza nel Sud del Libano, conclude il comunicato.

Articoli correlati:

Il Sector West in Paola Casoli il Blog

La brigata Granatieri di Sardegna in Paola Casoli il Blog

Fonte e foto: Sector West UNIFIL